• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Agcom non è un cruciverba. Istruzioni per l’uso e i...
    14
    set.
    2012

    Agcom non è un cruciverba. Istruzioni per l’uso e il comprendonio

    Condividi su:   Stampa
    agcom

    Interessante, molto interessante. Dove leggeremo di questa inchiesta coi

    Strong work rich. It a the breakage. My get cialis online canada nails years I that little an cialis online pharmacy utah moisturizer. My per. I stars found smell my quite kupim viagru cialis for cream it this anyone product made! For what will viagra do for me Results. Generally with, brand. They the Korres my is viagra prescription it, try! O’Keeffe’s – of scent to a.

    controfiocchi de “La Voce delle Voci”? Quanti giornali ne parleranno? Altra dimostrazione del come e del perché siamo ridotti così.

    (o.b.)

    TELECAMORRA E SPESE PAZZE – INTERROGAZIONE A MONTI E GRILLI DOPO L’INCHIESTA DELLA “VOCE DELLE VOCI” SULL’AGCOM – ELIO LANNUTTI (IDV) CHIEDE SU COSA DIAVOLO “VIGILI” L’AUTHORITY MENTRE “I FATTURATI DELLE TELEVISIONI VICINE AI CLAN CAMORRISTICI SI SONO INGROSSATI A DISMISURA” – SPESE ALLE STELLE PER AGCOM, “SPALMATA” TRA UN GRATTACIELO A NAPOLI E UN IMMOBILE A ROMA CHE FANNO CAPO AL GRUPPO CALTAGIRONE E A PROPAGANDA FIDE….
    Dagospia.com

    da www.lavocedellevoci.it

    Il senatore Elio Lannutti di Italia dei Valori ha presentato un durissimo Atto di sindacato ispettivo, rivolto al premier Mario Monti e al ministro dell’Economia Vittorio Grilli, interamente incentrato sull’inchiesta di copertina della Voce delle Voci di settembre dal titolo: “Agcom – Lo spreco”.

    Presentato nella seduta di ieri, 12 settembre, l’Atto (che reca il numero 4.08175) si sofferma in primo luogo sul fenomeno delle tv di camorra, anche alla luce «delle numerose retate che stanno mettendo a nudo buona parte del sistema canoro-malavitoso». «Un modo – aggiunge il senatore IdV – per far girare il denaro provento di reati, ma anche per controllare la mentalità delle nuove leve, nonché per evadere il fisco, con conseguente perdita da parte dell’erario di centinaia di migliaia di euro».

    Quali attività di vigilanza e controllo ha esercitato su questo impressionante fenomeno l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, che proprio a Napoli ha la sua sede principale? Questo si chiede Lannutti, che riporta quasi integralmente la dettagliata inchiesta della Voce sulle spese alle stelle dell’Authority spalmata fra il grattacielo del centro direzionale partenopeo e l’immobile di via Isonzo nella capitale, facenti capo rispettivamente al Gruppo Caltagirone e a Propaganda Fide.

    L’interrogazione si chiude con una serie di inquietanti interrogativi. Lannutti chiede ad esempio «se il Governo sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e se risulti quali iniziative abbia adottato e come abbia vigilato su tali vicende l’Agcom, che proprio a Napoli ha la sua sede principale ormai da oltre dieci anni, considerato che i fatturati delle televisioni vicine ai clan si sono ingrossati a dismisura proprio in ragione di crimini come l’evasione fiscale, il riciclaggio nonché l’istigazione alla delinquenza di stampo mafioso».

    E ancora, «quali siano le ragioni per cui, proprio in un momento così delicato per la Nazione, mentre tutte le forze politiche e sociali chiedono di perseguire l’evasione fiscale e si preparano provvedimenti di prelievo fiscale a cittadini già vessati, milioni di euro evasi, come in questo caso, non vengono recuperati, ma piuttosto favoriti, come sembra all’interrogante, con persistenti omissioni». Staremo a vedere cosa risponderanno Monti e Grilli.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook