• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Le “primarie” del PSD (partito sedicente democrati...
    05
    ott.
    2012

    Le “primarie” del PSD (partito sedicente democratico) finiscono nel tritacarne della politica che scompare

    Condividi su:   Stampa
    bersani_renzi_primarie_pd

    Parlerò prima di noi/voi, e solo dopo delle “primarie” del PD, alias PSD, cioè partito sedicente democratico. Vediamo se le cose sono collegate o collegabili. Da più di tre anni scrivo su questo portale, cose intelligenti o stupide, scegliete voi. Non misuro la “penetrazione” di ciò che scrivo sul numero di commenti ai miei articoli, ma non posso ovviamente fare a meno di notare come la sensibilità reattiva del lettore/commentatore cambi, e molto, in base alle tematiche che affronto.

    Temo, dunque, che la qualità della comunicazione, intendo io che scrivo, voi che leggete e commentate, io che, quando posso (lo so, è infrequente e me ne dispiaccio, ma più di tanto materialmente non riesco) rispondo e reintervengo ecc., la qualità della comunicazione dicevo sembri misurabile sugli argomenti. Parlo di Juve, Moggi, scandali pallonari ecc., e via una montagna di riscontri attivi (diverso è il discorso di chi legge, e basta), così come quando tratto del Berluska o della politica in genere. Non parliamo poi delle intemerate su chi ruba, delle malversazioni di tutti i tipi, dell'inefficienza delle varie caste, del buco nero della sanità ecc. Qui è un temporale…

    Invece se tratto di questioni come la comunicazione (le notizie, buone o cattive, la nebbia informativa, i guasti dei media ecc.) oppure di fatti nuovi all'orizzonte che ci possono riguardare tutti -credo-, come ad esempio l'economia del baratto nell'ultimo articolo, interventi assai rarefatti. Strano, e soprattutto autolesionista da parte di uno spicchio di opinione pubblica che deve o dovrebbe riempire il vuoto socio-politico nel quale come popolo stiamo precipitando: davvero non v'interessa, non tanto quello che scrivo io quanto le suggestioni, le sensa

    zioni, le opinioni, le informazioni che ne possono discendere? Davvero molti di voi preferiscono buttare il tempo “calcisticamente” ma extra-calcio, nel senso del tifo per Tizio o Caio senza alcuna voglia di approfondire nulla, o di saperne di più, o di condividere notizie ecc.? Davvero tutto o quasi consisterebbe nel prendere parte in un Paese sbracato da tutte le parti, nell'insultare Berlusconi o Bersani, nell'idolatrare nuovi feticci mediatici o paramediatici, esattamente come se non vedessimo che fine abbiamo fatto come Italia da “culo e Stivale”?

    Se non volete farlo per voi, provate a farlo per i vostri figli: da adesso cerchiamo di volare un po' più alto, invece che strisciare rasoterra da gasteropodi quali siamo o quali ci han fatto credere (con enorme successo…) di essere, senza alternative. Che c'entra questo pistolotto con la stagione delle “primarie”? C'entra temo. A destra (la chiamo così per convenzione) non le fanno neppure, e la casta si sta sfaldando in un luna park di scandali. A sinistra (la chiamo così per convenzione) stanno mandando in vacca qualunque credibilità di questo teorico “ponte democratico” con gli elettori, e le “scene da un patrimonio” (di questo si tratta, di potere e basta…) tra Bersani, Renzi e soci mettono paura. Dunque se non cresce una sensibilità più generale dal basso, dall'alto andremo per forza (di gravità) sempre peggio, primarie o non primarie.

    Il nesso con il portale su cui siete ora, la voglia di partecipare, le cose da dire, i temi da trattare ecc., è esattamente questo. Segnali dal basso e forti, per non affondare, e non sfiatatoio degli istinti peggiori spacciati per “libertà d'espressione”. Aspetto con fiducia, da ottimista un po' scemo…

    zp8497586rq
    Postato da Redazione
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook