• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Indietro Savoia > articoli > Il vero trionfo alle elezioni siciliane è quello dell...
    01
    nov.
    2012

    Il vero trionfo alle elezioni siciliane è quello della realtà: Crocetta, Grillo e la Grande Astensione

    Condividi su:   Stampa
    beppe_grillo_autoCut_664x230

    E venne il tempo della Grande Astensione: le elezioni in Sicilia, feudo da sempre di una politica vicina, parallela, funzionale o addirittura interna a Cosa Nostra, ci hanno detto soprattutto questo. Il dato è quello di oltre metà degli aventi diritto al voto che rinunciano senza troppi rimpianti a questo diritto, conquistato spesso a prezzo della vita di molti per un'idea di democrazia e di suffragio universale. Adesso evidentemente nella vita della maggioranza degli elettori siciliani l'espressione di un voto non coincide né con i loro valori, né con i loro interessi, né con un'idea purchessia di una democrazia ormai profondamente tradita.

    Non è colpa o non è colpa principale degli elettori, se la politica in Sicilia (ma il segno forte che viene dall'isola riguarda prevedibilmente tutto il Paese) è ridotta a questo. E' il solito discorso fatto anche qui tante volte, che quindi vi risparmio. Ma l'astensione, la fuga dal voto e da una democrazia slabbrata, svuotata, svenuta e ormai remota dai suoi valori fondanti, ci dice che sta trionfando una sorta di principio di realtà, a lungo tenuto dalle circostanze sotto vuoto spinto fino a far pensare a “lorsignori”, caste, castone e castine, che questa realtà non esistesse davvero, sostituita dalla realtà mediatica specialmente televisiva.

    Invece la saturazione che si coglieva e si coglie in tutt'Italia e che il web restituisce pienamente (le soluzioni sono un altro discorso…) è esplosa fragorosamente dalle urne siciliane. O non si va a votare, o si vota comunque il nuovo, il n

    on (ancora?) compromesso, il “corpo siculo di Grillo”, il Movimento 5 Stelle che ha lavorato sul territorio in modo all'evidenza sia virtuale che materiale se il risultato è quello che conoscete.

    All'interno della politica tradizionale, la polverizzazione del centrodestra ha prodotto gli effetti immaginabili, anche se ogni immaginazione nel Paese dei Berlusconi sembra destinata a farsi superare dalla realtà. Il centrosinistra, di un Pd che fino all'altro ieri appoggiava un Lombardo e che nel voto di maggio a Palermo combatteva un Orlando, avendo trovato un minimo di faccia o faccetta in Crocetta “prende” il governatore ma non i voti del partito più rappresentato, scoperchiando anche vincendo il barattolone della politica politicante. E rotolante. E dunque motivi di allegria emotiva non pare ce ne siano, o non ce ne dovrebbero essere.

    Invece, ed è il senso di questo articolo, razionalmente almeno c'è da tenere conto che esiste una logica nelle cose, anche politiche, anche elettoralistiche. Riguardando i miei ultimi pezzi sull'argomento, questi risultati non possono meravigliare. Il Truman Show del Paese è finito, adesso ci si misura a mani nude con una crisi profonda che però è almeno diagnosticata dai votanti anche solo per rigetto. C'è molto da lavorare, ma insomma, meglio il principio di realtà che il principio della fine.

    (Oliviero Beha)

    zp8497586rq
    Postato da Redazione
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook