• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Inchiesta di Repubblica: Quando il lavoro uccide
    08
    gen.
    2013

    Inchiesta di Repubblica: Quando il lavoro uccide

    Condividi su:   Stampa

    Infortuni sul lavoro: la strage silenziosa
    di Pasquale Notargiacomo

    I numeri ufficiali degli incidente (mortali e non) sono in calo. Ma, in parte, dipende dalla crisi e, in parte, secondo fonti diverse dall’Inail, da una serie di sottovalutazioni del problema. Tra fatalismo e tentativi di prevenzione, l’Italia resta in testa alle classifiche europee per le morti e al terzo posto per numero di incidenti. E il registro previsto dalla legge non parte mai. Messi sotto accusa dalla Ue dopo la denuncia di un lavoratore toscano

    ROMA – “Se gli infortuni nel settore edile diminuiscono, è perché si lavora meno. Non sono infortuni che dipendono da tecnologie particolari, per i quali si possono produrre processi di apprendimento… la caduta dall’alto, per esempio è un fenomeno abbastanza primitivo”. Chi parla è il presidente dell’Inail, Massimo De Felice. Dalle sue parole “l’ineluttabile fatalità” sembra essere ancora una componente imprescindibile quando si parla di sicurezza sul lavoro (in questo caso nell’ambito dell’edilizia). Eppure ai progetti di prevenzione nella costruzione di edifici l’Inail ha destinato il maggior importo di finanziamenti alle imprese, nel 2011, con circa 23 milioni di incentivi assegnati sui 205 totali (155 l’importo nel bando per il 2012).

    Fatalità e prevenzione. Stesso settore: cambio di scena. Michele Russo è un sindacalista gambizzato dalla camorra. Attualmente fa parte del Cpt (Comitato paritetico territoriale) di Caserta, un organo che opera grazie a un accordo tra costruttori e organizzazioni sindacali per la prevenzione nei luoghi di lavoro. Il suo territorio, da trent’anni, è compreso tra il Nord della Campania e l’agro aversano: una zona tradizionalmente ad alta densità di imprese edili. Le persone che prova a tutelare sono i ‘favricatori’. “Gente per lo più analfabeta” – racconta, “che però ha costruito l’alta velocità”. Le prime volte che visitava un cantiere lo scambiavano per un camorrista: “Avevo il codino e la prima reazione immediata era la paura. Poi pensavano che fossi dell’ispettorato e avevano ancora più timore. Quando capivano che non ero neppure quello, la felicità massima. Non teniamo tempo da perdere… lasciateci in pace, mi dicevano. Eppure siamo riusciti a farci aprire cantieri dove non vanno neanche gli ispettori del lavoro”. Oggi, però, di grandi cantieri neanche l’ombra: “Non saprei dove portarvi”, ammette. La crisi economica morde, con ricadute pesanti anche sul versante della sicurezza. “Se negli ultimi dieci anni qualche miglioramento c’era stato, adesso stiamo tornando indietro. Chi lavora nei cantieri fa cose che aveva imparato a non fare, perché è troppo grande il rischio di essere mandati a casa”.

    Articolo completo su inchieste.repubblica.it

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook