• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Foto di gruppo senza Beppe
    14
    mar.
    2013

    Foto di gruppo senza Beppe

    Condividi su:   Stampa
    Protesta dei parlamentari PDL davanti al Palazzo di Giustizia di Milano
     
    Protesta dei parlamentari PDL davanti al Palazzo di Giustizia di Milano

    Teniamocela da conto la foto di gruppo davanti al palazzo di Giustizia di Milano, più di vent’anni dopo: allora, con il Pool, lo scossone al Palazzo, il leggendario“popolo dei fax” e persino Paolo Brosio edicola votiva dell’informazione in diretta, si toccò l’acme della rigenerazione etica, o della volontà di. Oggi puntando il compasso vediamo parte di quel medesimo tramandato Palazzo che manifesta contro l’ingiustizia della giustizia, malintenzionata a processare fino in fondo e il prima possibile il Cavaliere Inarrestabile “legittimamente impedito”. E tutti sappiamo che la vicenda ha toni farseschi, in un contesto del Paese tragico. Allargando la circonferenza, ecco compreso il rapporto insano tra giustizia e politica, la mescola tra poteri che dovrebbero rimanere separati anche se Montesquieu è morto da un pezzo, una magistratura complessivamente da rivedere, con tempi e modi ultradiscutibili (almeno secondo le istituzioni europee) ecc.

    E se ancora estendiamo il raggio del compasso, ecco la meraviglia delle meraviglie, il rapporto che c’è tra politica, giustizia e media, con bollettini di guerra che attaccano le orde gravemente ridicole del Sire obnubilato e bollettini di guerra che le difendono, in un maggioritario della notizia che dovrebbe spaventare tutti. Intendo almeno tutti i cittadini, al di là della loro mobilitazione e del loro “tifo”, del “partito dei delinquenti “ e del contrapposto “partito dei giudici” che ispirano un giornale od un altro, un telegiornale o gli altri (qui la sperequazione si fa netta, per i noti motivi di impero tv del Nostro, cioè del Loro).

    Una cosa è certa, al di là di queste partite giocate sulla pelle di un’Italia in ginocchio: tutte le malattie tenute insieme dal compasso di cui sopra, a partire dalla fotona in questione sulla scia di una marocchina minorenne, vengono appunto oscurate dalla sagoma di Berlusconi. Così delle tante malformazioni non si parla, occupati come siamo a chiedere conto in Aula (sacrosantamente) delle malefatte penali e civili coperte dalla politica parafrasando il famoso detto di Samuel Johnson. Al Caimano va imputato dunque soprattutto questo: la demolizione del livello minimo di coscienza di una cittadinanza, ormai persa dietro ai di Lui casi, al punto di non riuscire più a vedere oltre il proprio naso berlusconizzato, pro o contro. Mentre non funziona niente. E  di questa foto di gruppo devastante

    fanno parte tutti i partiti, come dimostrano le reazioni anche oggi, mentre scrivo. Tutti meno (ahimé) il Movimento di Grillo, anche solo “perché non c’era”. E perché ricorda assai agevolmente al Pd che Silvio per una legge del ’57 sui concessionari pubblici non era candidabile né quindi eleggibile, segreto più di Pulcinella che di Fatima polverizzato per vent’anni nella quotidianità dei vantaggi.

    Di Berlusconi e delle sue falangi plasticate, ovviamente, ma anche dei suoi avversari che “vendono” benissimo l’anti-caimanismo proprio mentre lo praticano. Così da ricomporre una fotona che davvero non dovremmo dimenticare mai, e che non foss’altro che per questo pur tra limiti e magagne può suggerire un paradossale “meno male che Beppe c’è”…

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    16
    Lascia un commento
    andrea .
    14/03/2013 alle 21:47
    I Pastori Sardi quando sono andati a Roma per manifestare sono stati manganellati da forze dell'ordine comandata da questi in fotografia,che schifo!
    Daniele .
    14/03/2013 alle 21:26
    Se un normale cittadino, avesse voluto manifestare in quel modo, avrebbe dovuto comunicare alla questura l'avvenimento con un preavviso di almeno 40 giorni... perchè a questi personaggi è permesso tutto? Perdippiù, sono persone volgari e senza un minimo di pudore e d'amor propio... vergogna
    disoccupato .
    14/03/2013 alle 20:53
    bella foto,anzichè stare la fuori perchè non sono entrati dentro ? paura eh ???,magari li avrebbero processati insieme al loro padrone malato...questi li paghiamo noi porca puttana !!!! andate a lavorare, se sapete cos'è il lavoro!!
    antonio sx .
    14/03/2013 alle 20:46
    condivido la attenzione specifica che richiede l'evento di questo post e la foto che lo fissa nella memoria. in me ha suscitato ahimè sgomento che si è trasformato in rabbia ed amarezza allorchè allargando la foto se non ricordo male si vedono rappresentate (superiormente a cotanto sfoggio di cervelli le immagini sacre di Falcone e Borsellino che aimè non erano l'obiettivo di cotanto animoso sostegno.
    max .
    14/03/2013 alle 20:19
    Foto di gruppo dei più grandi lecca culo della storia d'Italia.
    Antonio- CA- .
    14/03/2013 alle 17:39
    CAIMANO, GIAGUARO... anche Beha si unisce al coro di coloro che si vergognano di chiamare Berlusconi con il nome che quasi 1/3 degli italiani ancora vota! Non bisogna offendere gli Italiani, perché hanno coscienza di tutto ciò che succede ed anche dell'accanimento di parte della giustizia per un fine politico!
    carmine .
    14/03/2013 alle 17:25
    ma perchè non li hanno presi a manganellate e buttati fuori dal palazzo di giustizia? ho visto manganellare studenti e operai per molto meno!
      Antonio- CA- .
      14/03/2013 alle 17:42
      Carmine dovevi nascere negli anni "Venti", quando c'era ci ti avrebbe accontentato con le manganellate facili!
    mario .
    14/03/2013 alle 16:26
    Con questa manifestazione si è proprio esagerato. Ma dico io la giustizia a cosa serve se nonper fare i processi, però non si devono fare a s. Berlusconi altrimenti i nostri governanti protestano!!!!!!!!!! E' così che gli ITALIANI sono governati da chi vuol essere sopra la legge, ma allora na cosa serve la legge????????????
    Bruno .
    14/03/2013 alle 16:17
    Giornalisti?????.....Finchè si pubblicheranno notizie del piazzamento sul mercato finanziario di titoli di stato come se fosse la vincita della lotteria e non ulteriore indebitamento del popolo,non state facendo informazione,ma coprite questi politicanti senza vergogna(TUTTI)che si preoccupano solo di incassare denaro pubblico sulle spalle degli italiani.E,poi,"dalli all'untore" tanto la colpa è sempre degli evasori fiscali!!!!Quelli che non pagano l'imu sulla prima casa perchè gli "altri" col cavolo che li cercano!!...
    pietro .
    14/03/2013 alle 14:46
    senza Bersani ve lo siete dimenticato?. Tanto entusiasmo per il 5 stelle meditate gente, sembra l'adesione al carroccio. I rimborsi, andatevi a leggere i rimborsi della Regione Sicilia ai 5 stelle. Chi sostiene Grillo parlante mai confrontante chi sa come mai( per le Sette non vi devono essere confronti ma obbedire)
    vittorio .
    14/03/2013 alle 13:09
    In questi venti anni di preferenza Berlusconiana,tutti gli onorevoli e senatori di sinistra per ribaltare l'ondata non si è mossa dando a noi Italiani proposte tali da eleggerli,ma,anno fatto di tutto per nutrire e far odiare Berlusconi come causa di tutti i problemi Mondiali e Italiani.Vorrei dire che se le procure,tutte,si muovessero come fanno con il sig. Berlusconi in Italia non avremmo neanche un ladro di biciclette,mentre non è di oggi l'indagine dell'onorevole Panzeri o meno ancora il buco di svariati MILIARDI DI EURO lasciati dalla banca Monte Paschi di Siena di proprietà della sinistra.Ora con tutto il rispetto dei giudici voglio dire,non è meglio impegnarci di cose molto più serie che di occuparci dei festini,ch,il novantanove per cento degli Italiani se può non nega la partecipazione o altro ancora? Vorrei dire alla sinistra che il popolo si comanda e si conquista con idee,innovazioni non con la giustizia.
    franco gagliardi .
    14/03/2013 alle 11:11
    Caro Oliviero, non riesco a capire come si fa ancora a difendere Berlusconi...... a tutto c'è un limite. Forse i " metodi" di Grillo sono un pò rigidi ma sicuramente efficaci. Spero che resista perchè è l'unico modo per riportare l'onestà in un paese che ha dimenticato il significato di questa parola a cominciare dal Capo dello Stato.
      salvatore .
      14/03/2013 alle 11:29
      La tua falsità e malafede intelletuale mi impediscono di svilupare un confronto obietivo e leale con te.NON RISPONDERE
    barracuda .
    14/03/2013 alle 10:32
    Come hai ragione caro Oliviero! Sono letteralmente "schifato" dalla mancata o inefficace reazione del c.d. "centrosinistra" e dalla generosa ospitalità del Presidente della Repubblica nei confronti del Partito dei Ladri. Si augurino, questi signori, che non si torni a votare a breve perchè il movimento 5 stelle, che io non ho votato, prenderebbe oltre il 40% dei voti e allora, per davvero, "lorsignori" potranno andare benevolmente affanculo!!!
      Enzo .
      14/03/2013 alle 17:54
      Vedo che è difficile commentare distintamente comportamenti intollerabili, di possibile rilievo penale, ascrivibili a Berlusconi, ed altri, altrettanto intollerabili, di alcune Procure, quale quella di Milano. Senza voler tornare al famoso avviso di garanzia non ancora notificato al premier e reso pubblico urbi et orbi nel corso di un famoso impegno internazionale a Napoli, sarei curioso di conoscere quante visite fiscali, a fronte di certificazioni ospedaliere, la Procura di Milano abbia richiesto e quante il Tribunale ne abbia disposto; quale altro processo immune da rischio di prescrizione abbia mai avuto una calendarizzazione così stringente; quale esigenza tecnica insopprimibile ha imposto alla dott.ssa Boccassini di insistere per la definizione del processo "Ruby" e per il deposito della sentenza prima che si votasse. Non crede, dott. Beha, che tale gestione della giustizia azzera buona parte delle ragioni della magistratura dando la stura a chi, a toro o a ragione, vi intravede una strumentale persecuzione? Non crede che, una buona volta, occorrerebbe distinguere torti e ragioni, che possono stare in capo a chiunque, a prescindere dai soggetti in campo?

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook