• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Un Paese per anziani. Maschi.
    23
    apr.
    2013

    Un Paese per anziani. Maschi.

    Condividi su:   Stampa
    pari-opportunita

    di Giampiero Falasca

    Un paese per anziani, rigorosamente uomini. Leggendo i dati statistici che periodicamente fotografano il mercato del lavoro, emerge

    con chiarezza che in Italia i posti di comando sono riservati ai lavoratori più anziani, di sesso maschile. L’anzianità, ad onor del vero, ha un destino ambivalente: è una “colpa” per i lavoratori di livello medio, che rischiano di perdere il lavoro intorno ai 50 anni, mentre sembra un requisito indefettibile per chi vuole aspirare a posizioni di un certo prestigio.
    Più omogenea la situazione sul lavoro femminile, relegato a ruolo complessivamente marginali (ma per fortuna le eccezioni sono tante) sempre, sia per i profili medi, sia per le posizioni dirigenziali.

    Ovviamente la realtà del mercato è molto più complessa, ma – al netto del pollo di Trilussa – le statistiche raccontano un problema vero. Un mercato del lavoro di questo tipo combacia perfettamente con la visione della nostra attuale classe politica, che con i fatti dimostra di essere legata a doppio filo allo schema “potere agli anziani, fuori le donne”.

    La recente rielezione del Presidente Napolitano conferma questo schema, anche se il problema non riguarda solo lui, è ben più ampio. Nessuno dei potenziali presidenti (Marini, Prodi, Rodotà) aveva meno di 70 anni, e anche questa volta il Presidente donna è rimasto un tema da salotto o poco più; inoltre, se andiamo ad analizzare l’età e il sesso dei “saggi” nominati per fare i supplenti dei partiti, la situazione non cambia, anzi. E senza considerare che all’orizzonte si profila un Governo dell’ultrasettantenne Amato.

    All’estero, Tony Blair e Bill Clinton hanno smesso di fare politica ad un’età che, per gli standard della politica italiana, è quasi adolescenziale, e le donne nominate presidente sono un fatto normale.

    Una realtà ben lontana dalla nostra, a conferma che siamo sempre più un Paese asfittico e fermo sulle ginocchia, che sta smarrendo la nozione di futuro.

    Postato da Redazione
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook