• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Un Papa se ne va, Napolitano resta: che vorrà dire?
    21
    apr.
    2013

    Un Papa se ne va, Napolitano resta: che vorrà dire?

    Condividi su:   Stampa
    Giorgio Napolitano rieletto al Quirinale, bis storico
     
    Giorgio Napolitano rieletto al Quirinale, bis storico

    L’emergenza nazionale, creata dagli stessi che ora la evocano per un “certo tipo di governo”, conferma Napolitano. Cambia la costituzione in senso presidenzialista nei fatti, fa da conservazione dello stesso ceto politico “colpevole”, accresce la sfiducia nel Paese: se volevano Napoletano, doveva essere il primo e salvaguardato candidato, con la maggioranza richiesta dalla votazione iniziale. Così, è un tappo a una falla. Enorme.

    Nel frattempo Berlusconi vince senza un progetto per il Paese, Bersani e il Pd si liquefanno dopo 6 anni di equivoci, fortunatamente Rodotà invita la piazza a stare calma. Domanda: ma peggio di così

    come avrebbero potuto comportarsi i “lorsignori” di Fortebraccio, ormai diffusi ad ogni latitudine partitica, sedicente sinistra compresa?

    o.b.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    Doppiogioko .
    22/04/2013 alle 13:49
    La montagna ha partorito un topolino..amato..o un pulcino ..monti..tecnocrati di regime, uomini di grande cultura cattolica e laica, uomini europeisti convinti, grandi garanti della costituzione, e della privacy..
    Doppiogioko .
    22/04/2013 alle 13:39
    Napolitano non poteva esser il primo perché si bruciava come dicono, ma c'è gente vera che si brucia dandosi fuoco perché non Sa Più cosa vendersi per pagare equitalia
    Doppiogioko .
    22/04/2013 alle 13:36
    Il pd fa girar la testa, e la nuova droga del millennio
    Sante Ccasini .
    21/04/2013 alle 11:38
    Ti cerco e non ti trovo .Ti scrivo e tu fai orecchie da mercante.Mi invento super Zorro e le grandi masse rimangono refrattarie.Ma la rivoluzione possibile con chi la faccio?Perchè non vieni martedì 23 alle 20.00 al DUBAI PALACE di via tiburtina.In fin dei conti i 200.000 euro messimi a disposizione dal fondo arabo in qualche modo li dovrò giustificare.
    andrea barsotti .
    21/04/2013 alle 08:45
    Questi frangenti se non altro mi sono seviti per avere le idee più chiare. Una parte del PD ha interessi convergenti a quelli di Berlusconi ed è per questo che questo PD ha sempre perso ed ora è morto. E' morto con quel poco di buono che in se portava con un segretario che tentato un cambiamento seppru minimo. Detto questo il PD è morto per sue colpe ma anche per la sciocca e ottusa arroganza del m5s. L'attuale situazione è anche frutto della stupidità grillina. Andrea Barsotti

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook