• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > “Un cuore in fuga”: il nuovo libro di Oliv...
    09
    mag.
    2014

    “Un cuore in fuga”: il nuovo libro di Oliviero Beha in libreria da martedì 13 maggio

    Condividi su:   Stampa
    Oliviero Beha, "Un cuore in fuga"
     
    Oliviero Beha, "Un cuore in fuga"

    IL CUORE IN FUGA DI BARTALI HA MACINATO MIGLIAIA DI CHILOMETRI PER SALVARE CENTINAIA DI VITE UMANE DALL A FOLLIA DEI NAZISTI.

    Sabato 10 maggio, presso il Salone Internazionale del Libro di Torino, Oliviero Beha presenta il suo nuovo libro “Un cuore in fuga”

    C’è un uomo solo che pedala lungo la via per Assisi. Non è un pellegrino, benché abbia fede. Non è un semplice ciclista, perché il suo naso «triste come una salita» è stato per anni l’incarnazione stessa del ciclismo. Ma questa volta Gino Bartali non corre per nessuna coppa, per nessun titolo. Corre per salvare vite umane. Perché da quando il regime ha boicottato il Tour de France, è iniziata tutta un’altra storia, anche per lui. Una storia di coraggio e orrore, di eroismo e follia. Mentre le leggi razziali vengono applicate con brutalità in Europa, circa quindicimila ebrei raggiungono l’Italia per trovare rifugio. E’ allora che il campione diventa staffetta partigiana, al servizio della rete clandestina Delasem.

    «Se ti scoprono, ti fucilano», gli dice il cardinale Dalla Costa nell’affidargli l’incarico. Ma Gino non si ferma. Finge di allenarsi, e in realtà trasporta documenti falsi, celati in una sorta di cilindro montato sulla canna. Migliaia di chilometri percorsi avanti e indietro da Firenze, per consegnare nuove identità alle famiglie ricercate con feroce determinazione dai fascisti della Rsi e dai nazisti. Sono più di ottocento gli ebrei che hanno avuto salva la vita grazie al suo coraggio. Passano gli anni, la guerra finisce e di nuovo, in una torrida estate che si fa di ghiaccio sul leggendario Izoard, c’è un uomo solo che pedala. Per vincere il suo secondo Tour, tanti anni dopo il primo, ma anche questa volta per qualcosa d’altro, per molto di più: per scacciare un fantasma che si chiama guerra civile. Bartali corre, in eterna lotta con se stesso.

    Sulle strade impolverate e sulle pagine di questa storia che ci restituisce un personaggio vero, lontano dai luoghi comuni che l’hanno etichettato troppo spesso, il rivale eterno di Fausto Coppi il Campionissimo, quasi fosse figlio di un dio minore.

    «L’è tutto da rifare», diceva; e forse il senso autentico era che tutto, a cominciare da quelle corse clandestine, sarebbe stato pronto a rifarlo, in ogni momento. Senza dire una parola. Un cuore in fuga, che custodisce un grande segreto.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    Dopp..i .
    11/05/2014 alle 18:04
    Ha vinto alfano!!!!!!! Sono orgoglioso di avere uno stato come quello italiano che sbatte in galera gente pericolosa come la dama dei salotti..( faceva sesso senza preservativo..)
    Dopp..i .
    09/05/2014 alle 21:35
    Berlusconi non deve parlare dei suoi servigi assistenziali...segreto di stato..forse l'ex cav ha capito ( ed era ora) che la sua immagine vecchia non piace più agli anziani e alle donne che lo possono vedere solo come un martire che deve solo subire( ma che non può reagire)...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio