• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    24
    dic.
    2014

    Caro Renzi, non scherziamo con la Carta…

    Condividi su:   Stampa
    renzi-europee

    Caro Renzi,
    confesso di aver a lungo esitato tra Lei e i due Presidenti delle Camere come destinatari di questa letterina natalizia: ma l’ho vista così deciso in tv con i bambini e con tutti gli altri che mi è parso urgente rivolgermi proprio a Lei, perché faccia qualcosa di pubblico nei confronti di Grasso e Boldrini. Sempre che malgrado le apparenze Lei abbia cuore le sorti democratiche di un Parlamento che ad oggi è ancora uno dei tre poteri di Montesquieu che si dividono la democrazia. Si tratta di questo: se non cale a nessuno della sentenza della Consulta e poi della Cassazione, in questo 2014 che sta finendo, sentenza che per la prima volta nella storia della nostra Repubblica definisce per vari aspetti inconstituzionale la legge “Porcellum” con cui abbiamo votato nel 2006, nel 2008 e nel 2013, come democrazia siamo praticamente rovinati. Per motivi ovvi, addirittura da bar, che chiederò a Benigni – se ne ha il coraggio – di riassumere in una serata televisiva dedicata al trema. Quali sono questi motivi? Che della sentenza citata nessuno, dico nessuno, a partire da Lei, finora ha tenuto alcun conto. Prova ne sia che l’Italicum in gestazione (d’accordo con Berlusconi oppure no, non lo so e non me ne intendo…) si avvia sulla stessa strada incostituzionale denunciata dalla Consulta. Il sistema è semplice: mi faccio la mia legge elettorale suina o non suina come più aggrada a me o alla mia maggioranza, me ne frego se è o meno costituzionale, se si deve andare a votare si va con la nuova anche se dovesse ricalcare giuridicamente ed extracostituzionalmente la vecchia, e per cinque anni siamo a posto. Nel senso che si può mettere mano nel frattempo a un’altra riforma della legge elettorale altrettanto incostituzionale. Tanto chi ce lo può impedire?

    Lo so, sembra un racconto di Buzzati, ma Renzi mio, nei confronti del quale non ho giuro alcun pregiudizio ma solo post-giudizi, è invece la pura realtà. Alla faccia di quell’art.1 sul “principio generale della trasparenza” del decreto legislativo 33 del 2013 che su dettato europeo pretenderebbe un comportamento affatto diverso. Qui è in voga piuttosto l’articolo 2 sull’opacità, ma della costituzione cosiddetta materiale, fatta delle azioni dei politici e non della Carta dei Padri Costituenti ridotti ormai alla memoria a una bocciofila di alticci. Per esempio mi fa sapere, anche consultandosi con Boldrini e Grasso che non rispondono a nessuno di questi quesiti neppure se esposti da dotti costituzionalisti, perché non è stato applicato l’art.66 della Carta sulla convalida degli eletti? Se il premio di maggioranza è stato dichiarato illegittimo, avrò almeno il diritto di conoscere i nomi di chi è in Parlamento in base a tale espediente bocciato dalla Consulta? Lo so, alla Camera costoro sono tutti Pd, ma ne faccio una questione di principio non di partito.

    Ancora: mentre in meno di due anni in questa legislatura hanno cambiato casacca in 160 tra le due Camere, un sesto del totale, alla faccia di un malinteso svincolo di mandato, posso sapere chi è entrato in Parlamento al posto di chi è stato eletto in maggio al Parlamento Europeo, è morto oppure si è stufato (l’ultima voce credo sia derubricabile…)? Perché vede, caro Premier, Lei certo non ci crederà ma chi è subentrato è subentrato con gli stessi criteri elettorali negati dalla Consulta, ovverosia della sentenza famosa se ne è bellamente fottuto. Come se non ci fosse stata. Infine: Lei ci tiene al Quirinale, vero, alla regolarità dell’elezione del successore di Napolitano. Ebbene, lo voterà gente che non dovrebbe star lì a votare, perché eletto in Parlamento secondo norme elettorali incostituzionali. Del tutto ignorate. Potrebbe occuparsene, caro Renzi, se considera la faccenda di qualche interesse? Auguri, allora.

    Suo Oliviero Beha

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    7
    Lascia un commento
    angelo de angelis .
    28/12/2014 alle 10:33
    Buongiorno, caro Oliviero. Dalle tue parole sembrerebbe che ci siamo cacciati in un cul de sac, o in una sorta di comma 22, nel quale chi è eletto non lo è legittimamente, ma pure lo si vorrebbe legittimato a legiferare, ma solo sulla legge eelettorale. Di fatto, in ragione dalla tua onestà intellettuale, che conosco fin dai tempi del liceo in via Panzini, sai bene che così non è, anche se resta valida e condivisibile la tua provocazione sull'elusione da parte del binomio Governo/Parlamento del tema elettorale. Non è così perché la sentenza della Consulta non ha effetto retroattivo e, quindi, gli atti parlamentari non ne risultano inficiati. Resta il timore che nulla cambi, più o meno gattopardescamente, anche se le mie riserve sull'operato del Governo restano più che altro di tipo politico e, se vuoi e se me lo permetti, anche (nostalgicamente?) ideologico. Un saluto
    NATALE FIORELLA .
    26/12/2014 alle 11:39
    Il fatto di essersi approvata una legge elettorale (il porcellum), non è stata certo una casualità, tutto fila secondo piani ben stabiliti dopo che si è costituita in italia una oligarchia di voracissimi lupi mannari che pensano solo ad estorcere tutti i risparmi a coloro che sono stati in grado di mettere da parte col proprio lavoro e sacrificio.Con al vertice Napolitano che ignora volutamente la Costituzione (non solo,ma esige che lo facciano anche i due rami del parlamento)e di seguito tutti i poteri intermedi fino ai consigli di quartiere.Hanno coinvolto in questo ammasso di perfidia tutti gli organismi statali che servivano a decentrare il potere per controllandosi l'un l'altro e che con la totale corruzione messa in atto si aiutano. Caro amico Oliviero, non so come fai ad aspettarti qualcosa da chicchessia di questi personaggi, corrotti e complici nell'aver creato questo sistema dal quale si potrà uscirne solo: o con una implosione dall'interno oppure con una rivolta con spargimento di sangue.Distintamente ti abbraccio
    Corrado Della Scorciosa .
    25/12/2014 alle 19:44
    La risposta è semplice! Perché sta tutto in questa domanda: perché il M5S dopo le ultime politiche è stato messo in un angolo?Giornalisti che fanno informazione come lei in questo Paese,si contano sul palmo di una mano
    andrea barsotti .
    25/12/2014 alle 09:59
    Ma se anche il Presidente della Repubblica si muove sulla sottile linea delle forzature costituzionali...... Costoro oramai noncuranti delle regole democratiche fanno quello che vogliono perché ritengono che non si possa fare altrimenti.Si arrogano il diritto di gestire la cosa pubblica a loro modo perché credono che il popolo non sappia gestirsi,come se loro non fossero parte del problema.
    cesare gasco .
    25/12/2014 alle 08:52
    Parole giuste e sagge , come sempre . Con massima stima Cesare
    Dopp. .
    24/12/2014 alle 21:36
    Chi ci mettiamo allinppssss??? Tito o caio?
    Federico Luciani .
    24/12/2014 alle 18:22
    Non serve a niente. Lei lo sa e io lo so. Ma grazie. Se non li mandiamo a casa, continueranno imperterriti: perché ormai hanno deciso che o saremo stupidi noi, o saranno carogne loro, ma il risultato non deve cambiare.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio