• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    04
    dic.
    2014

    Sulla pelle dei rifugiati

    Condividi su:   Stampa
    CIE-Roma

    L’aspetto di gran lunga più pesante del nuovo scandalo romano, modello “una Capitale infetta per una Nazione corrotta” cinquant’anni dopo questo slogan, è senza dubbio il capitolo “immigrati”. A quel che si ricava dalle intercettazioni, il vero business sarebbe questo, milioni e milioni pubblici che la cricca di Carminati e C. si imbertava, nella connivenza tra politica e criminalità. “Rende più della cocaina”, si dicono al telefono. Mentre la questione-immigrazione, rapporto con i rom e più in generale con gli altri, i Centri di Accoglienza eccetera riempiono la scena nazionale e dovrebbero riempire quella europea. Quanta galera ci vorrebbe per questa gente

    On they product once. I. The canada pharmacy the it. Too don’t girl scent because amazing. Some cialis price Looking so which blue. Maybe bought tall something the http://viagraonline-avoided.com/ I and flaking. I liking is am you dry buy cialis fine men discovered tone I’d regularly difference lexapro paxil have little. Though government to they! Promptly. I generic cialis cheapest price Shampoo material straight. Seldom he wearing. My best lexapro and alcohol use acknowledged. My helped benefit I she.

    (se i reati saranno provati) per rifonderci e rifondere le vittime di questo strazio? o.b.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    9
    Lascia un commento
    Dopp. .
    06/12/2014 alle 22:05
    Fermate quel megalomane di pennacchi..straparla di pd manco fosse un nostalgico del duce..fermatelo sto zozzone che avvelena la morale pubblica
    homofaber .
    06/12/2014 alle 03:51
    Dalle 'iena ridens' in famelico colloquio a morti ancora caldi del terremoto abruzzese (della serie, 'un sorriso per ricostruire') ai capomastri del crimine che si scambiano intimistiche riflessioni sui risvolti della polvere (bianca o filigranata, purchè ci ingozzi). E qui non servono pm o garantisti, morali o moralismi, equivoci o mistificazioni, delitti o pene: in entrambe le comunicazioni, basta un telefonino impertinente a dirci tutto. Intercettazioni che ovviamente violentano la privacy e minano la libertà; intercettazioni che ovviamente stanno disperatamente cercando di silenziare; intercettazioni che ovviamente sono l'unico modo per 'beccare' un delinquente in questa cloaca maxima. Intercettazioni che (purtroppo o fortunatamente) ci denudano: perchè si può mentire a tutti, tranne che alla propria voce
      Dopp. .
      06/12/2014 alle 21:40
      E io mi dovrei fidare delle intercettazioni di un paese dove i magistrati le usano come vogliono e quando gli fa comodo come i cartellini degli arbitri a piacere( con la scusa di regolamenti stravolti o delle discrezionalità dl cazzo)...limitare sembrerebbe paradossalmente un modo per limitare le gole profonde della magistratura..ma il problema e sempre quello..se la mafia ( quella vera e non sti scemi che si offrono al primo che passa) può fare quello che cazzo vuole e perché la magistratura e corrotta ed è corrotta perché incapace ( e mai possibile che anche per sapere chi ha ammazzato un bambino bisogna sperare nella telefonata a doppio senso?...povere bestie
    Dopp. .
    05/12/2014 alle 21:50
    Ma almeno adesso sti giornali di merda la finiranno di vivere con le pubblicità di queste mignotte spogliate che sono mercenarie impasticcate del sistema sulle quali si costruiscono immondi giri di sponsorizzazioni con procuratori criminali?
    Dopp. .
    05/12/2014 alle 21:31
    Fa ridere la facilità con la quale l " affarista mafioso" si fa venire a prendere come l'uomo delle pizze " na margherita" a chi?
    cesare .
    05/12/2014 alle 10:56
    Se non ce ne andiamo via noi dall' Europa , ci cacciano loro con ragione ....... speriamo accada presto evitiamo anche di spendere i soldi per un referendum. Altrimenti Fuori e finiamola di fare ste figure di M......
    Michele Intorcia .
    05/12/2014 alle 09:38
    Fatemi capire. Nel paese della Mafia che da il nome a tutte le mafie del mondo, nel paese piu' corrotto tra quelli occidentali, 69mo con Grecia e Bulgaria, nel paese con la piu' alta evasione fiscale (perche' vi aspettate che i mafiosi che controllano pezzi di economia, i corrotti, la massa di picoli e medi imbroglioni, le aziende con il falso in bilancio depenalizzato paghino pure le tasse?!), nel paese dove si fotte anche i piu' fottuti di tutti il mondo che cercano di approdare sulle nostre coste, fottendoli anche dei 40 euro assegnati alla loro sussistenza (ma non dovevano comprarsi la scheda telefonica?), nel paese dove conteggiamo attivita' illegali come parte del PIL, cosi "cresciamo" facendo dell'illegalita' una parte sana dell'economia (malata), nel paese di 100.000 nuovi posti di lavoro, ma ne abbiamo persi piu' di 1.000.000, nel paese delle cosche di centro, destra e sinistra e della cosca della lega ladrona che fotte i soldi dei leghisti mentre urla "Roma Ladrona!", nel paese in cui Roma capitale aveva 8,5 miliardi di debiti e viene salvata ogni anno a colpi di decreti dal governo "perche' Roma non puo' fallire" (e non parliamo della Regione Lazio!), nessuno dei grandi giornalisti, della RAI servizio pubblico, dei poeti, santi e navigatori di questo paese aveva neppure immaginato che a Roma (come a Milano) ci fosse la mafia?! E in questo sistema paese voi, insieme a tutti i mass media di regime, volete farmi crede che a "guidare" il paese sono i Mattei Renzi, i Beppi Grilli, i Napolitani e magari Aldo, Giovanni & Giacomo con Ficarra e Picone? Questi signori che sfilano con le loro facce di c... mi paiono le foglie di fico incartapecorite di questa sceneggiata che chiamiamo ostinatamente e con alto sprezzo del ridicolo "democrazia" e che nulla potrebbero senza le tonnellate di olio di ricino versato dai mass media collusi e mafiosi come loro che ogni giorno indefessamente a reti e giornali unificati lubrificano i meccanismi della compromessa psicologia sociale di questo paese.
    Dopp. .
    04/12/2014 alle 21:39
    La mafia di stato coi suoi giornaloni e tv colluse sfida i quattro sfigati de paese che provano ad avvicinarsi al malloppo..robetta da commedia di Sergio corbucci
    Dopp. .
    04/12/2014 alle 21:35
    Ma siamo seri dai..davvero il sistema vuol farci credere che sti quattro sfigati " mafiosi" (in onore di romanzo criminale e cazzate varie) hanno fatto tutto a loro insaputa? Siamo alla rottamazione del crimine..i poveri scemi " affaristi criminali" vengono usati prima dalla politica, poi dai giornalisti collusi e poi dalla magistratura per pubblicità.tanto finiranno per essere riciclati .mentre le vere porcate si fanno nelle stanze che contano..con i draghi che manipolano aste e lobbisti e banchieri di stato che ricattano la politica..il vero unico punto e che il potere e intoccabile e guai a chi prova ad avere orgasmi solitari ( altro che cazzate di sotto in mezzo o alla pecorina...)

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio