• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    займы онлайнкредит онлайнкредитная карта
    Home > articoli > Dal Mattarellum al Quirinalellum, sempre latino ma mac...
    30
    gen.
    2015

    Dal Mattarellum al Quirinalellum, sempre latino ma maccheronico è…

    Condividi su:   Stampa
    Sergio Mattarella
     
    Sergio Mattarella

    Se domani alla quarta votazione a quorum ridotto dovesse passare Sergio Mattarella, come pare ed è possibile, entreremmo nel girone dantesco dei sublimi paradossi. Sergio Mattarella è infatti l’autore della riforma di legge elettorale da lui onomasticamente discesa che dopo una decina abbondante d’anni il “saggio” di Lorenzago, Calderoli, in buona compagnia, ha cambiato in “Porcellum”. Legge sentenziata un anno fa da Consulta e Cassazione come illegittima e incostituzionale.
    Ma della Corte Costituzionale faceva e fa parte appunto Sergio Mattarella, giurista prestato alla politica. Quindi se verrà eletto al Colle, lo sarà anche –tra gli altri- da coloro che lui stesso ha dichiarato “illegittimi e incostituzionali”.

    Mica male, nevvero? Sono i frutti avvelenati di un Paesi politicamente (e non solo, temo…) marcito”.

    o.b.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    10
    Lascia un commento
    Neri Sassi .
    02/02/2015 alle 11:10
    Carissimo Beha, Lei sa bene che la Corte Costituzionale non ha mai dichiarato "illegittimi e incostituzionali" i membri dell'attuale Parlamento, così come i loro predecessori eletti attraverso il cosiddetto "Porcellum". Si è premurata, anzi, di sottolineare l'esatto contrario. La invito, nel Suo ruolo di divulgatore, a non diffondere notizie che non sono solo imprecise, ma errate, e non fanno che aumentare il tasso di qualunquismo già troppo diffuso nel nostro Paese. Distintamente, Neri Sassi.
    Luigi Gf. Consiglio .
    01/02/2015 alle 23:15
    Ho seguito con interesse La gabbia e il suo intervento circa quei parlamentari che non avrebbero dovuto votare. Condivido. La legge elettorale che prevede il premio di maggioranza è stata voluta per garantire la "governabilità" cioè poter approvare leggi con la maggioranza ( ovviamente decreti che fin'ora non sono apparsi utili ai cittadini, ma alla Casta). Coloro che in realtà non sono stati eletti dal popolo avrebbero dovuto avere il buon gusto di allontanarsi dall'aula non essendo investiti dalla piena rappresentatività. Purtroppo il Popolo è stanco e avvilito e non ha tempo per documentarsi. Addio partecipazione, addio democrazia. Cordialità per tutti. Lugi Gf. Consiglio
    Pietro Melis .
    01/02/2015 alle 22:46
    pietromelis.blogspot.com L'ITALIA HA UNO STATO DI MERDA. MATTARELLA: UN ALTRO CAPO DI STATO DI NOMINA ANTICOSTITUZIONALE. ALFANO: IL PIU' LURIDO DEI LURIDI
    Dopp. .
    01/02/2015 alle 19:51
    Chiedo scusa a Renzi..sto ancora in tempo o rischio la fucilazione in piazza?.. Ora parte la corsa a salire sul carro ( ormai funebre visto che il paese e morto e loro sono gli zombie) da parte dei giornalisti furbi..che amano stare sempre a galla e sentirsi padroni di una scena che li riguarda solo per continuare a esercitare un ruolo( passivo) da puttana..il paese crolla ma la casta dei giornalisti vuole continuare a fare la morale al paese reale
    antonio carlucci .
    31/01/2015 alle 08:41
    Voglio vedere se firma l'Italicum, il figlio del Porcellum e se accetta le riforme costituzionali della Boschi/Verdini
      Dopp. .
      31/01/2015 alle 21:01
      Essere siciliani e un merito nella politica( forse serviva a questo la scissione di alfano..per far votare un siciliano al colle)..aver avuto a che fare con la mafia ti rende un eroe nazionale...trovo ridicolo che ci sia una parte del popolo " soddisfatta" di un elezione che non li riguarda.." Il nostro presidente" .." Il mio presidente" ma de che? Le leggi a favore Berlusconi le ha già avute da tempo..ora si tratta di recitare la parte della vittima per tornare in gioco con una legge elettorale che non lo faccia fuori..tutto calcolato al millimetro
    Dopp. .
    30/01/2015 alle 22:55
    Il buonismo spazzatura di certi giornalisti finti che facevano la gara a scrivere stronzate su inciuci dei nazzareni e ora salgono sul carro facendo la morale alla controparte..mi spiace dirlo ma se avessimo giornalisti meno merdosi..questo paese sarebbe meno avvelenato, mi sono rotto le palle di sentirmi minacciato dai vespa di turno che dicono" senza il pd il paese crolla" o cazzate simili..lo trovo offensivo all'inverosimile alla mia piccola e povera testa pensante..ormai in questo paese ridotto alle macerie di pochi conti correnti che fanno girare un po' di economie e surrogati di criminalità e pensioni al minimo, mi tocca sorbire queste ridicole scaramucce da primitivi uomini che continuano a fare il lavaggio dei cervelli a gente che crede ancora che un giorno Mussolini possa risvegliarsi e farci tornare belli forti e cazzuti..un po' di orgoglio ci è rimasto si o no?
    Dopp. .
    30/01/2015 alle 22:47
    Si sceglie in teoria di cambiare " metodo" per non cambiare nulla..sempre per restare in tema calcistico..ci si inventa il " diritto di riscatto" o formule bizzarre di pagamenti per aggirare manovre sui bilanci..con il sistema che si autogestisce nei risultati stile corte dei miracoli costituzionali o Viminal action..(una volta vinci te poi ti do la la supercoppa ecc..) e ciclicamente cerca il capro espiatorio per riciclarsi di continuo..
    salvatore .
    30/01/2015 alle 20:50
    Lei è troppo buono:questo è un paese dove non c'è più nemmeno il marcio.Siamo alla liquefazione di tutto:dalla memoria storica al ribaltamento della realtà...
      Dopp. .
      30/01/2015 alle 22:59
      Magari sciogliessero le camere..stanno ancora in tempo..prima che ci pensi lo sciacquone( quello del popolo o non dei surrogati m5 s o stronzate varie) definitivamente

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio