• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    21
    feb.
    2015

    E L’UEFA non paga mai?

    Condividi su:   Stampa
    danni-tifosi-feyenoord

    Riceviamo & Pubblichiamo il commento di Roberto Chiodi

    Non mi pare di avere letto sul caso dei tifosi del Feyenoord questa serie di considerazioni.

    L’occasione di tutto é chiaramente una partita di Coppa Uefa. Non fosse stata in calendario, nulla sarebbe accaduto, tutti quei mascalzoni sarebbero rimasti a casa loro.

    Secondo me il primo responsabile da coinvolgere è proprio l’Uefa, un ente privato che dallo spettacolo delle partite ricava introiti miliardari, grazie allo show televisivo e alla vendita dei diritti.

    Se io organizzo uno spettacolo (e questo è la Coppa, che altro se no?) debbo farmi carico di tutti i problemi, sicurezza ed eventuali danni compresi. Da questo spettacolo ricavo tanti soldi, se c’è un incidente debbo coprirmi con una assicurazione o assumermene le conseguenze in prima persona.

    Ma che c’entra l’Uefa con gli hooligans? Mica è colpa di Platini!

    Certo, la responsabilità penale rimane direttamente a carico di ciascun individuo colpevole. Ma la responsabilità civile, il danno da rifondere, beh quello tocca anche a chi ha organizzato il tutto.

    Il sindaco di Roma dovrebbe citare in giudizio l’Uefa e chiedere – che so? – dieci miliardi di danni.

    Altra considerazione per così dire giuridica. Gli arrestati hanno avuto una lieve condanna, la sospensione, la multa, il rimpatrio. Eh no, l’errore grave sta proprio nel non avere contestato a questa banda di malfattori reati molto più gravi: l’associazione per delinquere, devastazione e saccheggio, danneggiamento al patrimonio artistico, strage (che é un reato di pericolo, non serve che avvenga; é sufficiente l’ipotesi. Tant’è che non esiste l’ipotesi del “tentativo”). Con queste accuse e un processo per direttissima serio, si potevano oggi stesso affibbiare vent’anni di carcere a tutti e far capire cosa si rischia con queste mascalzonate (in uno stato che fosse davvero “patria del diritto”).

    Ma come al solito, tutto quello che é in qualche modo legato al pallone, va fuori giurisdizione, rientra in codici penali e civili che non esistono ma che vengono benevolmente applicati in queste e in altre occasioni pallonare.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio