• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    20
    mar.
    2015

    Il “sole nero” di Lupi e co.

    Condividi su:   Stampa
    dimissioni-lupi

    Come al solito si fa finta di non capire, o si fatica a guardare il sole in eclissi senza lenti adatte. La finzione procede così: si dimenticano i fondamentali etici della politica e della scena pubblica, modello “moglie di Cesare”, e fingendo di non capire il senso di ciò che accade ci si schiera bipolarmente. Per chi lo attacca Lupi è reo di aver raccomandato il figlio, di essere entrato in tutte le beghe di Incalza e soci, di aver permesso uno stato delle cose che lo precede e purtroppo conoscendo i miei polli lo seguirà, ovvero l’intricata e vergognosa palude italiota. Per chi lo difende “non c’è niente di penale” e non risultano soldi in giro, presi da Lupi o dal suo branco, dunque “è una manovra contro di lui”. E non insegna nulla l’episodio della Cancellieri al telefono con la Ligresti, il Ministro della Giustizia che depreca misure giudiziarie parlando con l’arrestata.

    E’ così perché dal processo Andreotti in poi, cioè da più di vent’anni, la dimensione della presentabilità politica e dell’etica sottostante è stata polverizzata dalla “questione penale”. E’ reato? E allora te ne vai, non è reato e allora si resta aggrappati con le unghie e coi denti fino in fondo. E su questo si schierano le armate pregiudiziali. Invece uno se ne deve andare se viene lambito, da sospetti reali e non da calunnie al vento, di comportamento inadeguato al suo ruolo, e tanto deve bastare. Se ad esempio il CT Conte dovesse essere indagato dalla Procura per la storiaccia delle scommesse è ovvio che dovrebbe lasciare la sua carica per manifesta inattendibilità etica. Provate a prefigurarvelo, visto che il calcio è troppo spesso la misura delle cose italiane. Ma non si ragiona su ciò, si fa finta che il punto sia esclusivamente “penale”. E intanto il Paese rotola per la sua china, e il sole è sempre più nero.

    o.b.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    marco .
    21/03/2015 alle 10:06
    si fa finta di non capire una cosa ancora più importante: che i ministri (primi e secondi) sono solo marionette messe lì per dimistichezza con la recita e che il potere vero è altrove.. dunque le "elezioni di un paese democratico" sono soltanto un casting
      Dopp. .
      22/03/2015 alle 00:35
      A Berlusconi piace da matti far il tenente colombo
    Dopp. .
    20/03/2015 alle 23:27
    Renzi Cantonizzamistocazzo
    Dopp. .
    20/03/2015 alle 23:26
    Straordinario vespa quando chiede a lupi ..." Incalza uomo capace...ma è una cosa normale che un uomo rimanga nella macchina dello stato per tutti questi anni e abbia sempre gli incarichi? ...ahahahah ddt pensaci tu visto che non ne siam capaci noi verrebbe da dire
    Dopp. .
    20/03/2015 alle 23:20
    " i nostri servizi sono i migliori del mondo" ...terroristi!!?? Sprrrrrzzzzzrr

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio