• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    26
    mar.
    2015

    La risposta di Oliva Salviati all’articolo “Il delitto perfetto del San Giacomo”

    Condividi su:   Stampa
    roma-tridente

    Riceviamo & Pubblichiamo il commento di Oliva Salviati

    Caro Oliviero,
    grazie mille per il bellissimo articolo sul San Giacomo e per avermi citata. Vorrei, se possibile rispondere alla tua domanda quanto durerò

    In realtà durerò in eterno, per il massimo dispiacere di Mafia Capitale e della Cricca che voleva e vuole tuttora metterci le mani sopra. Il progetto era grandioso, mettere le mani su tutto il Tridente Romano, da Piazza del Popolo a Piazza Augusto Imperatore. Il parcheggio del Pincio che doveva servire ai futuri inquilini del Grand Hotel San Giacomo, l’Accademia delle Belle Arti e il Liceo artistico sfrattati con generiche scuse di non idoneità dei luoghi per gli studenti, chiaramente propagandate sui quotidiani romani, la bella piazzetta dell’Accademia su via di Ripetta, chiusa da un altissima inferriata (non si capisce con quale diritto), e l’Accademia con il Liceo artistico trasferiti al Testaccio altro luogo di speculazione dove dovevano essere sfrattate le Botticelle e costruita la nuova Accademia, e i cavalli che tirano le carrozze che portano a spasso i turisti sloggiati di volata e questo con il pretesto della tutela animalista della compagna di Esterino Montino vice Presidente Regione Lazio, oggi deputata del PD, la Signora Cirinnà assessore animalista al Comune di Roma , perché secondo lei le bestie soffrivano ( guarda caso hanno incominciato a soffrire quando i vetturini hanno declinato l invito a sloggiare dal Testaccio.

    Oddio, meglio vivere in un bel prato, ma si da il caso che i cavalli in questione sono tutti recuperati dalle corse del trotto, cavalli che non avevano grandi attitudini a diventare campioni e quindi sarebbero finiti a fare le polpette. E ora giracchiano lucidi come degli specchi, grassi e tranquilli per le vie del centro.

    Ma non è finita, manca al puzzle, Piazza Augusto Imperatore, che doveva essere tutta interamente ristrutturata, come Piazza San Silvestro antistante il Palazzo di Sergio Scarpellini, e affittato a carissimo prezzo alla Camera dei Deputati dall’immobiliarista romano, ma chiaramente la Piazza che valorizza il suo palazzo, gliela abbiamo rifatta noi cittadini con le nostre tasse. Ebbene Piazza Augusto Imperatore doveva seguire la stessa sorte: i palazzi comprati da un fondo privato che fanno riferimento a Finnat di Nattino, a prezzo irrisorio, dagli Enti Previdenziali Statali, per poi essere affittati nuovamente a prezzo esosissimo agli stessi Enti statali, quindi a noi.

    Ma non è tutto , perché i nuovi inquilini del San Giacomo, dell’Accademia e di Piazza Augusto Imperatore non amano la confusione, quindi il Lungotevere antistante doveva diventare un giardino e doveva essere costruito un sottopasso con tanto di parcheggi sotterranei per evitare ai nuovi proprietari il fastidio delle macchine dinanzi alle loro finestre, e poter avere accesso a comodi parcheggi sotterranei . 

    Chiaramente tutto a spese della collettività. E non è finita, sempre con la scusa del debito, poco tempo prima della chiusura dell’Ospedale San Giacomo si sono autoregalati il Patrimonio degli ospedali, 950 palazzi venduti dalla Regione ai soliti noti mascherati da società ad una media di 250.000 euro a palazzo ed unita immobiliari, e questo non in periferia ma nelle vide piazze più care del centro storico.

    Ora mentre le cricche continuano a preoccuparsi delle loro bellissime speculazioni sul Patrimonio immobiliare degli italiani, la gente bivacca in terza fila ammonticchiata una sopra l’altro in corsia negli ultimi ospedali pubblici sopravvissuti dal taglio dei posti letto.
    Quanto resisterò? Resisterò perché se tiriamo fuori le carte, della svendita del Patrimonio , delle Cartolarizzazioni e dei fondi delle Cartolarizzazioni forse chi non resisterà sono gli stessi che hanno buttato per strada i pazienti e le equipe mediche dell’Ospedale San Giacomo.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    1
    Lascia un commento
    ornella de santis .
    29/03/2015 alle 07:12
    Grazie, signora Salviati, noi cittadini siamo sempre all'oscuro di tutte queste sporche manovre.

    Rispondi a ornella de santis Annulla risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio