• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    27
    apr.
    2015

    Davvero vi siete sorpresi?

    Condividi su:   Stampa
    fiorentina-cagliari

    Ho cominciato un mese fa ad avvertire prima scricchiolii e poi rumori pesanti, da quando cioè mi è parso che la dirigenza e la guida tecnica privilegiassero decisamente le Coppe sul campionato, col risultato di far male in due versanti su tre. In mano per ora in un clima disfattistico c’è “solo” la semifinale” di Europa League. Sicuri di aver fatto le scelte giuste? E una squadra non è come una persona, non ha forse una fisionomia e una mentalità che le dà l’allenatore e l’ambiente intorno? Dopo il Cagliari non è il momento di assumersi responsabilità, giacché di colpe è giusto parlare solo a fine stagione?

    o.b.

    1) La regola del 3 varrà anche a Kiev?
    13 aprile 2051

    2) Fiorentina a gambero: game over
    21 aprile 2015

    3) Quando vuole una gran bella squadra
    24 aprile 2015

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    Giacomo .
    27/04/2015 alle 20:06
    Quando vinci con le piccole e non contro le big allora fai il tuo. È allora che si chiede il salto di qualità, che non vuol dire però vincere qualche partitona e perdere partite come già accaduto anche prima di Verona e Cagliari. Non vuol dire sapersi imporre fuori casa a Inter e perdere in casa con le ultime ruote del carro. Vuol dire continuare a mettere sotto chi ti deve stare sotto e PROVARE a fare altrettanto con quelle che ti precedono in classifica. Questo è il salto di qualità. Noi invece sembriamo una macchina da F1 col gas incantato, capace di passare nelle diritture anche dei macchinoni così come di arrivare lunghi alle curve più abbordabili. Siamo una squadra che non ha una dimensione, capace di tutto e il contrario di tutto. E qui, in tre anni, la mano dell'allenatore nel dare una sorta di equilibrio non si vede minimamente. Anzi, più andiamo avanti e più sembriamo una banda di psicolabili capaci di buttare una stagione a tratti anche esaltante nel giro di tre settimane con prestazioni sconcertanti e incomprensibili perfino per chi li manda in campo. Nota bene, come tu stesso dici sono 3 anni che allena i soliti noti. E le prestazioni, al netto della ventata di novità portata da Salah, sono sempre più inquietanti per le limitate soluzioni proposte.
    gianluca .
    27/04/2015 alle 16:01
    Correggi la data del post "La regola del 3 varrà anche a Kiev?" ... ;) Grazie, come sempre, per la tua voce fuori dal coro! :)

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio