• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    01
    mag.
    2015

    Un Paese in bolletta e in burletta

    Condividi su:   Stampa
    no-expo-1-maggio

    E’ un 1 maggio senza lavoro, con tutti gli indicatori economici al ribasso, specie quello della disoccupazione giovanile in ulteriore crescita. Ma è anche il 1 maggio di un’Expo non pronta, contestata, trasformata da occasione di evidenziatore di una questione planetaria come il cibo in un pretesto per operazioni politiche, elettoralistiche e immobiliari più che sospette, disdicevoli. E’ un 1 maggio in cui si discute del job’s act come di una panacea, ma intanto la crisi non perdona, con l’Italicum non si mangia e la sensazione della solita gigantesca pantomima parlamentare sub specie governativa è fortissima, anche se l’uomo della strada non è sicuro d’aver capito bene se si tratti di una cosa seria oppure no. Ma è anche un 1 maggio in cui una vetrina come l’Expo non sta ancora in piedi, al punto che persino chi la contesta non sa come lapidarla… E’ una contraddizione in termini, che la data simbolica mette a fuoco ahimé perfettamente.

    C’è uno che gira per le nostre contrade con un fez contemporaneo dicendo “cambiamo verso all’Italia”, intenzione lodevole ma avversata dalla realtà mentre niente pare andare per il verso giusto. E poi ci siamo noi, poco più o poco meno che spettatori di una deriva italiana in cui chi rischia di più sono i figli. Per non parlare ancora dei nipoti…

    o.b.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    Dopp. .
    02/05/2015 alle 22:06
    Ora dai soliti intellettual scopriamo che i volontari son di sinistra e che la civiltà civile e quella di sinistra che pulisce..ognuno deve pulirsi la propria coscienza sporca per nascondere i soliti vizi e le superiorità morali etiche e civiche..ora magari qualche faccia di culo scriverà che quelli di Milano son i nuovi " girotondi" per giustificare i vuoti ideologici difronte e certi abusi ( avete visto che c'è ancora un Italia che si indigna e che fa i fatti?? Balablablabla...) ..il solito markettifico che ha distrutto l'Italia facendolo diventare un paese falso e ipocrita
    Dopp. .
    01/05/2015 alle 16:08
    La signora ha il diritto di succhiare il cazzo a chi vuole..mica solo le donne di Berlusconi hanno questo diritto
    Dopp. .
    01/05/2015 alle 15:51
    Ma poi nella sostanza i meriti di Renzi per Expo quli sarebbero? Capisco pisapia,maroni Prodi berlusconi Letta o Napolitano..che a vario titolo potrebbero attribbuirsi meriti demagogici..ma sto fenomeno del momento con la appresso la signora nasona che vuole da noi? Ci vuole convincere che una palla di riso fatta con le spezie segrete di farinetti sia una meraviglia o che l'integrazione passa dal cibo ( roba da colonizzazione ottocentesca) e diventa una risorsa che i bambini" devono" conoscere questo o quello...( ma poi il piacere di scoprire dove sta in tutto questo se in manieraa settica te lo sbattano in faccia tra un recinto e l'altro ) ..l'impressione e che tra un gamberetto è una mozzarella a si nascondano le solite " impanature" del sistema....( a proposito ma crakkko ha preparato pure qualche ala di gufo per caso?
    Dopp. .
    01/05/2015 alle 15:33
    " ma lei chi è che può giudicare la purezza d'animo di Renzi è la passione della sua amAbile signora? Chi è lei che può giudicare i lavori di Expomanco fosse un ingegnere della Nasa o un grande architetto di sinistra? Chi è lei che può giudicar le scelte e i menù di farinetti manco fosse Carlo crakkko? Chi è lei che può fiudicare il lavoro silenzioso di malago e mattarella? " il problema è che noi infatti non possiamo più giudicare..oramai il linguaggio precostituito che vien montato da tv e stampa del potere vuole orami solo domande con risposte appunto predefinite e standart ( come le costruzioni di Expo..porcheria immonda) ...e opporsi a tutto ciò ..cioè uscire fuori dal canale istituzionalizzato o predefinito finisce per essere come quello che non fa parte del sistema e diventa come un nemico da combattere
    Franco Tremul .
    01/05/2015 alle 15:26
    Non si riesce bene ad allineare la messa a capo e ad attivare i link ma penso che la sostanza si sia capita...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio