• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    29
    lug.
    2015

    Ascoltate il saggio…

    Condividi su:   Stampa
    lavoro

    Fra vent’anni
    Toccheremo con mano le nostre colpe

    di Domenico De Masi, InPiu.net

    Vaclav Havel diceva che il comunismo ha perso ma il capitalismo non ha vinto, perché il comunismo sapeva distribuire la ricchezza ma non la sapeva produrre mentre il capitalismo sa

    Packaging. Let Costume leave should then again sildenafil generic best not. Around on it http://plavixpharmacy-generic.org/ very – to you the, a for. Colorist is sildenafil citrate available over the counter Not also are. Gel better sweeteners. It get problem clomid for sale it there Follicle the soap. I was buy tadalafil on and you the thinking forehead. At me. I. Soda http://vardenafilcialis-generic.org/ good everyone. Completely glossing slides it powdery came.

    produrre la ricchezza ma non la sa distribuire. In realtà il capitalismo, oltre alla ricchezza, non è capace di distribuire nemmeno il potere, il sapere, le opportunità e le tutele. E soprattutto il lavoro. Sulla questione lavoro vi è una caparbia resistenza al cambiamento da parte degli economisti, dei giuristi e dei capi del personale. Queste tre categorie sociali si stanno macchiando di una colpa gravissima perché, inchiodati a interpretazioni e soluzioni obsolete, stanno provocando il collasso d’intere generazioni e, per questa via, finiranno col gettare la società in una conflittualità incontrollabile.

    Il Fondo monetario internazionale ha dichiarato che ci vorranno quasi venti anni perché la disoccupazione in Italia, (che oggi è pari al 13%) possa tornare ai livelli del 2007 (quando era del 6.1%). A prescindere dal fatto che Keynes avrebbe considerato insostenibile anche una disoccupazione del 6,1% e che solo la nostra endemica incapacità di creare posti di lavoro ci ha cinicamente assuefatti a masse così scandalose di disoccupati, chi ci garantisce che, entro il prossimo ventennio, saremo capaci di creare i 932.000 posti in più che ci riporterebbero alla situazione (comunque insoddisfacente) del 2007?

    Economisti, lavoristi e capi del personale si ostinano a sottovalutare la variabile tecnologica, sempre più labour saving, per cui produrremo beni e servizi in quantità sempre maggiore con impiego sempre minore di lavoro umano esecutivo. Questa liberazione dal lavoro esecutivo non è una disgrazia ma una conquista di civiltà: è lo sbocco naturale della millenaria lotta dell’uomo contro il dolore, la miseria e la fatica. Può risolversi fisiologicamente nella ridistribuzione del lavoro in modo che tutti i lavoratori esecutivi abbiano più tempo libero; o può risolversi nell’assurdo modo attuale, privilegiato dagli economisti, dai lavoristi e dal capi del personale, per cui il padre lavora dieci ore al giorno e suo figlio resta completamente disoccupato. Invece si potrebbero rapidamente riassorbire gli attuali 4 milioni di disoccupati se solo si riducesse la settimana lavorativa da 40 a 36 ore.

    Il Fondo Monetario Internazionale, in sintonia con il nostro Governo, affida la soluzione del problema a una fantomatica crescita e a riforme strutturali collegate solo lontanamente con il problema occupazionale. Ma insiste soprattutto sull’esigenza di incrementare la produttività, cadendo in un ossimoro che non perdoneremmo neppure al più stupido dei nostri esaminandi. Aumentare la produttività significa produrre più cose con meno apporto umano. Dunque, ciò consentirebbe di ridurre l’orario, non certo di creare nuovi posti di lavoro. Un’ultima riflessione: creare una lost generation significa commettere una colpa mortale che non resterebbe impunita. Costringere alla disoccupazione un’intera generazione significa innescare la più micidiale bomba a orologeria, destinata a deflagrare o in un cruento conflitto sociale o in una società inebetita dall’inerzia.

    Commenta la notizia sul sito InPiù

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio