• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    15
    ago.
    2015

    Nella jungla del web

    Condividi su:   Stampa

    Oltre agli auguri ferragostani, vi sottopongo una riflessione sul mezzo che stiamo usando, voi ed io, la rete, sotto forma di domande.

    Per esempio: quanto vi sentire responsabilizzati scrivendo qualcosa? E’ uno sfiatatoio per tutto o un modo di comunicare immediato? La rapidità quanto toglie all’impegno o all’approfondimento? Insomma è una maniera di “cazzeggiare” o una cosa seria? O entrambe? E non è anche, il web, una lama senza impugnature, che spessissimo non sai come prendere? Un misto di simpatie, antipatie, incomprensioni, mancanza di lettura per fermarsi al titolo ecc. ecc.?

    Ditemi voi, se volete…

    o.b

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    4
    Lascia un commento
    anna maria .
    15/08/2015 alle 14:40
    è un mezzo fantastico se venisse usato bene, con educazione e rispetto, è alla portata di tutti e quindi pullula di volgarità, offese e parolacce, ma è un mezzo di comunicazione ed è importante, ci vorrebbe, a mio avviso, un moderatore automatico, anche se, purtroppo, i politici ed alcuni personaggi pubblici,sono un bersaglio inevitabile di male parole, volgari ed impietose. vedi come ultima assurdità quella del Ramazzotti e figlia, PIETOSI entrambi!
      alberta tedioli .
      16/08/2015 alle 10:03
      Bisogna usare il mezzo per quello che è: a metà fra la realtà e la letteratura con un linguaggio a metà fra lo scritto e il parlato. Quindi un mezzo diverso di comunicare, un mezzo nuovo che sta modificandosi e evolvendosi naturalmente. Mi sento responsabile di quello che scrivo alle condizioni di cui sopra. potrei anche affrontare tesi in contraddizione con altre cose scritte ma che si formano in contesto diverso. la rapidità fa parte del gioco o del sistema e va compresa in quanto tale. Un post non è un compito in classe. Ciò non toglie che evidenzia il rapposryo che hanno gli italiani con la scrittura. A volte colto e forbito a volte mancante delle regole più elementari. E' una miscela di Italiani. E' uno strumento di democrazia (se pur sappiamo di essere controllati) che mai il popolo aveva avuto nella storia del mondo. Io ho 64 anni e sono molto contenta di avere avuto la possibilità di usare questo strumento che va bene anche per cazzeggiare. va bene per tutto
    Kelly .
    15/08/2015 alle 11:00
    Mah, molti pensano che questo non sia lo strumento adatto per approfondire, perché richiederebbe velocità e brevità. Servirebbe solo per cazzeggiare e basta, secondo loro, e spesso mi pare che mi guardino con sospetto quando su fb scrivo dei post "seri" in cui mi sento coinvolta in prima persona. Ma io ritengo che tutto dipenda dai soggetti, dalla loro voglia di confrontarsi e dalla capacità di sintetizzare anche concetti complessi esponendoli con un linguaggio semplice e sintetico. Certo, non è da tutti ma qualcuno con cui poterlo fare c'è. Poi anche il cazzeggio ci sta, certo.
    malefico .
    15/08/2015 alle 10:03
    oramai è uno strumento fondamentale per la vita quotidiana, e come tale lo si può usare come si vuole. è ovvio che prima di scrivere, o leggere articoli sul web, bisognerebbe avere una certa conoscenza dell'argomento che si sta' trattando.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio