• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    17
    mar.
    2016

    Mani pulite e Brasile sporco?

    Condividi su:   Stampa
    brasil-operacao-lava-jato

    Carnevale giudiziario alla brasilianaIl rischio di un’inchiesta ambivalente
    Domenico De Masi, www.inpiu.net

    La repubblica presidenziale del Brasile ha goduto la grande fortuna di avere una sequenza perfetta di ottimi presidenti: due mandati consecutivi (1995-2003) del liberal-democratico Fernando Henrique Cardoso del partito PSDB e due mandati consecutivi (2003-2011) di Luiz Inácio Lula da Silva del partito PT. Nel decennio che va dal 1990 al 2000 il PIL brasiliano è cresciuto di + 2.6%. Nel decennio che va dal 2001 al 2010 è cresciuto di +3.9%. Cardoso avviò alcune riforme sociali ma Lula le ha proseguite e potenziate. Secondo “Le Monde Diplomatique” durante il governo Lula la classe medio-alta è cresciuta dal 10 al 13%; la classe medio-bassa è cresciuta dal 30 al 39%; il proletariato è cresciuto dal 28 al 30% e il sottoproletariato è sceso dal 25 al 10%. Praticamente, ben 42 milioni di brasiliani sono saliti socialmente. Un record assoluto sul pianeta.

    Nel 2011 la presidenza è passata a Dilma Vana Rousseff, economista nata in famiglia di classe medio-alta, militante nella lotta armata contro la dittatura, arrestata per tre anni dai militari e torturata, “donna dura, circondata da ministri morbidi” come lei stessa si è definita. Sotto i governi Lula era stata ministro coordinatore dei ministeri e poi ministro per le miniere e l’energia. Nel 2014 Dilma viene rieletta presidente dopo una campagna elettorale in cui la destra ha accarezzato l’idea di scalzarla tramite il suo candidato Aécio Neves. Ma già prima era iniziata un’azione intensa contro i migliori collaboratori di Lula e di Dilma, condannati uno dopo l’altro per corruzione dopo processi seguiti con crescente interesse e scandalo da parte dell’opinione pubblica.

    E’ poi iniziata una versione brasiliana di “Mani pulite” (“Lava Jato”) in cui la parte di Di Pietro è recitata dal magistrato Sergio Moro, 43 anni, studioso entusiasta della tangentopoli italiana. Anche in questo caso la madre di tutte le tangenti è stata l’azienda petrolifera statale Petrobras, con i cui fondi il PT e i suoi massimi dirigenti si sarebbero ampiamente foraggiati. Lula e Dilma – questa l’ipotesi forse non infondata dei magistrati – non potevano non saperlo. Scopo ultimo della magistratura e della destra è quello di risalire fino a Lula e a Dilma nella scala dei corrotti per mettere l’uno in galera e l’altra in stato di impeachment. In questa loro azione gli accusatori sono aizzati in modo corale e martellante da tutti i media, con l’unica eccezione di una rivista marginale come “Carta capital”.

    Tre considerazioni. Galvanizzato dalla sua tangentopoli, il Brasile si sta avvitando in una crisi che annulla trent’anni di successi economici e sociali. Lo stallo in cui il paese si è inchiodato, coincide con la crisi della Cina, cioè con uno dei principali mercati della produzione brasiliana, e coincide con la tempesta tecnologica che anche in Brasile sta mietendo posti di lavoro. Lo spettro dell’inflazione e la fuga dei capitali stranieri fa il resto. Il tutto, alla vigila delle Olimpiadi che, nel progetto di Lula, dovevano rappresentare la vetrina su cui il nuovo grande Brasile si presentava al mondo. Così Lula, fino a ieri il presidente più amato di tutta la storia brasiliana, è oggi fischiato per strada e rischia il carcere. Dal quale Dilma lo salva facendolo ministro dei rapporti con il parlamento per cercare di assicurargli l’impunità: rimedio che, però, potrebbe rivelarsi peggiore del male.

    Staremo a vedere come va a finire questa brutta storia: se il Brasile saprà finalmente ripulirsi dalla corruzione senza guardare in faccia a nessuno o se la lotta alla corruzione è usata dalla destra come espediente soprattutto mediatico per scippare il governo alla sinistra. Nel primo caso gli eventi di questi giorni sarebbero un passo ulteriore del Brasile verso la democrazia matura e compiuta; nel secondo caso sarebbe un’azione controproducente per tutto il Brasile, l’immagine di questo grande paese ne uscirebbe appannata e sui brasiliani calerebbe un’ombra di infantilismo autolesionista non dissimile da quello che, dopo Mani Pulite, procurò agli italiani venti anni di governi Berlusconi.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    1
    Lascia un commento
    carlos leonel ombudsman .
    17/03/2016 alle 19:29
    Caro amico ...La sua è una visione molto parziale ... qua andiamo verso la ditattura ... la destra fascista trova riscontro tra i ricchi e classe media alta ... non tolerano la sconfitta del 2014, non suportono vedere i poveri nei ristoranti, con le auto nuove, viaggiando in aereo ... e così via ...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio