• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Il badante > articoli > Fare dei figli nel Paese dei Pulcinella
    28
    set.
    2016

    Fare dei figli nel Paese dei Pulcinella

    Condividi su:   Stampa
    berlusconi-processo-mills-tribunale

    Domani, almeno ad ascoltare “L’Equipe 84”, è il 29 settembre e sono in calendario due compleanni cronologici importanti, quello di Silvio Berlusconi e di Pier Luigi Bersani, e uno figurato e metaforico, quello di Beppe Grillo. Vediamo se c’è un nesso, e quale. Degli 80 anni di un ex Cavaliere che ha comunque fatto la storia (di tutti i colori) di questo Paese da oltre vent’anni, si è già scritto e si sta scrivendo tanto. Dell’autunno del patriarca, degli ultimi lustri contraddittori, a base di governo e di testosterone pare velleitario, del suo corpo a corpo con la magistratura ecc. Dei 65 del laureato in Filosofia di Bettola, nel Piacentino, oscurato da Silvio nostro anche nel genetliaco, presumo ci si occuperà molto meno. Eppure se il primo faceva “il drago con le vergini” (discutibili entrambe le figure…), copyright dell’ex moglie Veronica, anche il secondo almeno in fatto di creatività linguistica popolare non ha mai scherzato. Memorabile per citarne una sola “la mucca nel corridoio”, a rappresentare i problemi che Renzi finge di non vedere, nel Pd e nel Paese. Un tipo bizzarro Pier Luigi, a modo suo simpatico e autentico, come lo è all’opposto (per chi ne condivide la visione commoventemente semplificatoria e amorale della vita) l’ex inarrestabile di Arcore. Bersani si è sempre occupato di economia, e la sua laurea in Filosofia l’ha considerata in pubblico e in privato un fazzoletto da non esibire. Fin da ragazzo, quando raccogliendo le “paghette” autofinanziatrici faceva il segretario organizzativo dei “Diavoli neri”, una polisportiva tutta di giovani nata sulla sponda proletaria del torrente Nure: dall’altra parte c’erano i benestanti del paesotto, un’originaria divisione/scissione già allora.

    Adesso forse tutti e due i festeggiati oltre che torta e spumante dovrebbero condividere con gli italiani le condizioni in cui siamo: certo, ci hanno ridotto così con differente responsabilità, per carità di Dio o dell’ex Comitato Centrale. Ma una bella mano complementare in fin dei conti se la sono data, e non sto parlando soltanto di ciò che si vede, di come oltre vent’anni fa il concessionario pubblico ottantenne è stato considerato “candidabile” e ancora adesso direttamente e poi con o senza Verdini combina con il premier patti del Nazareno, governi a mezzi e opposizione a quarti. Oppure di come il provinciale sessantacinquenne abbia contribuito pesantemente, magari inconsapevolmente, alle renziadi con quei voti di fiducia che ci hanno portato alla vigilia del fantomatico eppur grave referendum costituzionale. Mi riferisco qui piuttosto al clima creato nel Paese, non nuovo all’erede di Berlusconi come al Berlusconi stesso recitativamente “anti-comunista”, come pure al Bersani ragazzo all’opposizione “sulle due rive”.

    Da questo clima, dall’illegalità diffusa e dal vuoto di politica reale, vicina alle persone, ribellandosi a una deriva è nato il Movimento di Grillo, che oggi rientrando (ridiscendendo?) in camposterza e sferza di nuovo i suoi, comunque intesta ai sondaggi. In questa Weimar alla vaccinara qualcuno ipotizza che, storia alla mano, ci siano rischi per la democrazia e che stiano maturando i tempi per il solito, classico, perdibile “uomo forte”. Che sarebbe dunque Grillo? La sceneggiatura è così perfetta che contempla Beppe il comico politico nelle vesti di “uomo forte” che spazza via la democrazia simulata e sfregiata dei due compleannati della tragicommedia nostrana? Ma ci pensate? Se la situazione generale non fosse da piangere ci sarebbe da ridere. Ammetto che a me personalmente riesce difficile, semplicemente perché ho figli e soprattutto loro hanno poco da ridere, e quindi “non seppelliranno” nessuno. Come abbiamo fatto a ridurci così nel Paese di Pulcinella (domanda tautologica)?

    Oliviero Beha, Il Fatto Quotidiano

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    leno lazzari .
    01/10/2016 alle 13:27
    "Come abbiamo fatto a ridurci così" ? Forse stava scritto. Forse aveva ragione proprio Cavour (?) che disse "Abbiamo fatto l'Italia......"....... E siamo rimasti li; Un paese senza un popolo e ormai anche senza "annacquato" o imbastardito perché la nostra politica non ha mai fatto nulla per la formazione di una coscienza di popolo . E i politici di oggi ? I pochi che mi potrebbero stimolare a tornare a votare (Antonio Martino ?) non contano nulla perché la politica è orami nelle mani di mercenari senza morale che si permettono assurdamente anche di fare la morale a quelli del M5S . Leggo poi, ieri, che Berlusconi, Salvini e la Meloni hanno annunciato un alleanza con come base-fondamenta il no al referendum . davvero un po' poco per indurmi a tornare al voto .
    Dopp.. .
    29/09/2016 alle 22:57
    Pure la cqmusso alla fine è riuscita a diventare renziana..perche questa qualità è mancata a Berlusconi? Mah..forse perché oggi puoi essere un eder e pelle e giocare titolare in nazionale..magari una volta facevi fatica a esser nel " giro" pure se ti chimavi Baggio..i tempi cambiano per tutti, ci sono i tempi dell'amore e poi quelli dell'incertezza..
    Dopp.. .
    29/09/2016 alle 22:43
    se Totti gioca fino a quaranta e passa anni, Renzi può continuare per altri cinquanta anni e là boschi sessanta visto che le donne campano di più
    marina brezza .
    29/09/2016 alle 22:41
    Se ho capito il finale i figli, non permetterebbero ad un grande di ridere? ma un'anima grande tutto eleva e porta con sé nell' elevarsi al riso, penso...o no? i figli ammirano i padri liberi, e se non ora prima o poi capiranno, senz'altro... o no?
    Dopp.. .
    29/09/2016 alle 22:37
    Un bel colpo in faccia ogni tanto non guasta( se i danni sono limitati..) a Berlusconi ha regalato consenso..magari Renzi batte un colpo col referendum e il popolo incomincia a farsi delle domande in un c,ima di strafottenza comune..( a meno che non si parla di ritocchi di stipendi o pensioni e li saltano tutti sui carri armati) intanto tra un sconto al supermercato e qualche marketta di fine mese gli italiani scelgono sempre la " convenienza"..forse Renzi con la sua banda ce la può fare davvero

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio