• Biografia
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > In evidenza > La “libertà è un lusso di pochi” mi ripe...
    13
    mag.
    2017

    La “libertà è un lusso di pochi” mi ripeteva…

    Condividi su:   Stampa
    Oliviero e Michele
     
    Oliviero e Michele

    E ahimè oggi, mi presento… sono una delle figlie.

    Nelle ultime settimane mi è capitato di essere le mani di papà che hanno trasferito in parole scritte su un monitor quello che lui velocemente mi dettava. Si perché, gli articoli lui, li aveva in testa, non seguiva appunti, non doveva cambiare o correggere delle frasi… lui parlava ed io scrivevo perché animare, vibrare e far venire vere le parole, Lui, l’aveva come dono.

    Scrivo queste righe perché con grande orgoglio, sono convinta che papà lascerà un vuoto profondo nel mondo dell’informazione perché a dispetto del suo carattere burrascoso, a volte irriverente, spesso ironico, dispotico e a tratti per alcuni arrogante, è stato, è, e rimarrà un giornalista libero. La “libertà è un lusso di pochi” mi ripeteva…

    Era fiero di essere chiamato giornalista e di potersi definire tale. Mi diceva spesso che il compito di un giornalista è raccontare la verità perché è un diritto di chi legge sapere i fatti per poter elaborare una propria opinione basata sul vero e non “indirizzata” o “deviata”. Certamente, alla descrizione della realtà, papà non ha mai negato anche la sua opinione che è risultata spesso scomoda, ma si è sempre assunto, credetemi, sempre, la responsabilità di ciò che pensava e credeva…
    Inutile dirvi il vuoto che lascia nelle persone che lo amano, in mia madre, donna incredibile con cui ha costruito una famiglia meravigliosamente complicata, allargata e colorata, in tutti i suoi figli, nei tanti amici che sono parte integrante di “questo grande gruppo vacanze”.

    Permettetemi, a nome di un piccolo bimbo di due anni che oggi perde un nonno che lo adorava in maniera assoluta, di dirvi, affinché arrivi a chi legge, che si è dimostrato un nonno semplicemente straordinario.

    A nome di tutti noi, scrivo che essere “veri” a dispetto di tutto e di tutti in questo mondo, è un grande atto di coraggio, una straordinaria forma di libertà. Questa eredità, noi, la teniamo stretta perché è parte di ciò che siamo ed è quello che cercheremo di trasmettere ai figli, agli amici che ci sono ecco saranno…

    Questa battaglia, purtroppo per noi tutti lui l’ha persa, ma i suoi occhi verdi diventati grigi, i suoi gesti a tratti goffi, le sue parole complicate ma chiare, tutta la sua vita, restano e resteranno…

    “Buon viaggio papà, continua, come sempre hai fatto a camminare e pensare veloce… noi continueremo a parlare di te e con te. Michele continuerà a guardarsi le due linee sul palmo della mano e dirà “nonno” e noi, ti ritroveremo li…”.

    La cerimonia si terrà lunedì 15 maggio, ore 11:00
    Chiesa Sant’Angeli Custodi
    Piazza Sempione, Montesacro (Roma).

    Oliviero e Michele

    Oliviero e Michele

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    282
    Lascia un commento
    Pasquale .
    27/05/2017 alle 23:49
    Solo oggi apprendo con dispiacere la perdita di uno degli ultimi giornalisti indipendenti di grande sensibilità e intelligenza che ho avuto il piacere di seguire in questi anni spesso bui
    Arturo .
    25/05/2017 alle 00:19
    Ci manchi, difficile d'aprire FQ ultimamente, condoglianze ai famigliari, ma anche a voi Italiani, ..poi lo ricorderanno sempre dopo, ciao Olivero, riposa in pace.
    Luciano .
    21/05/2017 alle 11:24
    Grazie di cuore, è stato uno dei miei miti.
    maero ester .
    17/05/2017 alle 23:33
    Bella persona Oliviero Beha, giornalista capace, serio, onesto. Un "cercatore" civile, sempre vigile, anche per chi rimane sullo sfondo. La sua indignazione sincera, commista all'intelligente ironia, era sempre preceduta da quel lampo azzurro dello sguardo, che sembrava vedere già oltre. Fortunato chi ne ha respirato da vicino la potente e trasparente energia animica. Un affettuoso abbraccio a tutta la famiglia e a quel piccolino di casa, che già sembra nei passi assomigliargli... Ester Maero.
    alessandro .
    16/05/2017 alle 19:51
    come è possibile ricordare Oliviero senza pensare a liberta', onesta', intelligenza,pensiero critico, ma sopratutto coraggio. E' stato un uomo coraggioso, perche' non si e' piegato, non ha rinunciato, e' stato coerente alle sue idee, convinzioni. avrebbe potuto fare tutto, Oliviero, perchè aveva il dono di capire prima degli altri. stava in alto oliviero, troppo lontano dalla mediocrita' dei colleghi. sempre con me ciao Oliviero
    gaia .
    16/05/2017 alle 16:51
    Ho perso mio padre 10 anni fa. Giornalista come il tuo. Apprezzato come il tuo amato tantissimo da noi. Ci ha insegnato la libertà, la curiosità. Ci ha insegnato ad essere gentili ed onesti. Ci ha insegnato che non sempre i migliori vanno avanti ma che non importa come e quando , l'importante è arrivare. Ho letto le tue parole e mi sono immedesimata in te e ho ricordato il dolore e la tristezza della perdita. Se può esserti di consolazione,i bei ricordi prenderanno il posto del dolore. Mi piaceva il tuo babbo. Pacato, intelligente, di quell'intelligenza rara. Lo vedevo da Floris ed era l'unico che non urlava mai... mi è sempre sembrato una bella persona. Ti abbraccio forte
    gianluca .
    16/05/2017 alle 15:04
    Ho il groppo in gola. Leggevo le sue cose quando ci capitavo sopra e mi bastava. Immagino i tanti "Nooooooo"! alla notizia della scomparsa. Sig. Beha lei era un uomo libero e noi mediocri lo sapevamo.
    Stefano Bovero .
    16/05/2017 alle 13:43
    Per me, studioso di cultura sportiva, leggere i libri del mio coetaneo Beha e ascoltarlo in TV ha sempre significato apprendere qualcosa che da altri non trapelava. Un esempio di libertà nell'esercitare la critica giornalistica sul sociale e sul vischioso mondo dello sport professionistico. E' vero, la libertà è un lusso di pochi, ma aggiungo che quei pochi abbastanza liberi raramente sanno fare buon uso della loro libertà. E tra questi c'era Oliviero, che ha saputo coraggiosamente dare un senso autentico alla sua vita. Chapeau.
    Maurizio Taddei .
    16/05/2017 alle 05:19
    Ti ho sempre ammirato per il tuo "essere" diverso , sincero e diretto. Almeno questo è quello che mi arrivava ascoltandoti e leggendoti, non avendo avuto il piacere di conoscerti ... Mi mancheranno le tue scritture e le tue parole... così come le tue espressioni del viso .. a presto ....
    Raul Bucciarelli .
    15/05/2017 alle 22:12
    Ci mancherà tantissimo la voce libera di Oliviero. Una voce famigliare per chi come me lo ascoltava dalla radio praticamente ogni giorno...ai tempi di Radio Zorro. Resta questo bellissimo scritto della figlia che ho letto e riletto più volte.... Non aggiungo altro. É stato detto tutto...Ciao Oliviero....
    Marco .
    15/05/2017 alle 21:54
    Sentite condoglianze a tutta la Famiglia. Oliviero... uno dei pochi Giornalisti liberi e con la G maiuscola. Una scomparsa prematura che mi ha sorpreso molto. Buon viaggio Oliviero, se puoi da lassù aiutaci a migliorare questo paese.
    Antonio Morelli .
    15/05/2017 alle 20:35
    Lettera commovente per la perdita di un giornalista e padre di famiglia coraggioso e brillante che era vicino a tutti coloro che ogni giorno si sentono e agiscono da uomini liberi nel vero senso della parola. Quando ti ascoltavo nelle interviste che rilasciavi, mi davi l'idea di giocare nel ruolo di un fantasista illuminato, come molti campioni del calcio mondiale, sport a te caro. Un caloroso saluto a tutta la famiglia e a tutti coloro che si sentono oramai privi del tuo estro, ma certamente non dei ricordi di te a qualsiasi titolo. Cercherò di scoprirti meglio leggendo i tuoi numerosi libri. Mi mancherai. Dolce riposo.
    Guglielmo Manuali .
    15/05/2017 alle 19:34
    Oliviero Beha è stato un bravo giornalista ed un ottimo scrittore. Per me è stato possibile conoscerlo attraverso la televisione, dove anche negli argomenti più complessi ha mostrato la sua dialettica intransigente e vivace. In effetti la sua scomparsa ci priva di una persona acuta, particolarmente sensibile al vento del cambiamento.Un uomo che sapeva entrare al cuore dell'argomento con rara incisività. Abbiamo perduto noi tutti un ottimo interlocutore che purtroppo ancor più nel tempo ci verrà a mancare. Grazie comunque dell'esempio di giornalismo libero e di intellettuale responsabile che ha sempre mostra
    doppiomisto .
    15/05/2017 alle 19:11
    Lo conobbi anni fa in un blog sotto mentite spoglie. Mai mi disse chi era pur avendolo io capito, anche non avendolo conosciuto mediaticamente prima, né sapessi di lui della sua notorietà etc...comunicammo in rete, pur raramente, fino alla fine....tutto quello che è stato detto finora è vero verissimo. Aggiungo questo: O. aveva anche un animo fanciullo, ludico, cercava poesia e sincerità..voleva essere compreso al di là della maschera che mai si tolse. Pur avendo conosciuto un'infinità di persone era curioso dell'umanità e l'andava in cerca anche in chi si celava nel nick di un commento. Un grazie e tanta vicinanza alla famiglia così amata, di cui mai non parlò con assoluta riservatezza. ciao mon ami....
    Francesco Frascella .
    15/05/2017 alle 19:00
    Quanto è vera la frase che da il titolo a questo articolo. E, credo che Oliviero Beha sia stato un uomo libero: libero dai bisogni materiali della vita, poichè il suo lavoro lo ha portato, presumibilmente, ad un affrancamento dai bisogni quotidiani; libero dalla necessità di affermazione professionale, in quanto la notorietà ed il riconoscimento del suo lavoro sono fuori discussione; libero dai pregiudizi: e questa è la vera eredità di Oliviero Beha poichè, ogni volta che l'ho ascoltato o letto, pur non condividendone spesso le posizioni, sono sempre stato certo che esse non fossero frutto di pregiudizi ma di convinzioni motivate ed articolate. Grazie Oliviero Beha e condoglianze alla famiglia.
    Corrado Pinosio .
    15/05/2017 alle 17:39
    Ho sempre guardato la tv svogliatamente; quando appariva lui la mia attenzione si ravvivava improvvisamente perchè, indipendentemente dalla condivisione o meno delle sue opinioni, potevo essere certo di sentire una voce anticonformista e fuori dal coro. Cosa estremamente rara in questi tempi.
    paola .
    15/05/2017 alle 16:37
    Addio,ti ho ascoltato sempre con ammirazione e adesso so che siamo più soli.
    angelo saracini .
    15/05/2017 alle 16:32
    condoglianze dalla Grecia per un giornalista con la G maiuscola!
    moreno chiarugi .
    15/05/2017 alle 15:53
    ti ho conosciuto alla festa del fatto. Ti seguivo gia' nei tuoi programmi. sei stata una persona davvero speciale. buon viaggio.
    pietro .
    15/05/2017 alle 15:33
    Mi associo al dolore privato e pubblico per la perdita di una personalità così autentica.
    Susanna Manunza .
    15/05/2017 alle 14:54
    Il giornalismo italiano perde uno dei pochi autorevoli giornalisti ormai rimasti, Oliviero Beha mi piaceva umanamente parlando, era ciò che trasmetteva attraverso i suoi scritti che più amavo, mi mancherà molto. Condoglianze alla famiglia.
    Mauro Marini .
    15/05/2017 alle 14:43
    Condoglianze alla famiglia e sono felice di aver conosciuto anche solo attraverso i media una persona così per bene.
    flaviano .
    15/05/2017 alle 14:38
    Grazie per "Radiozorro", con il quale un pò sono cresciuto; grazie per "L'antipatico", che in casa ci faceva discutere per ore; grazie per la pazienza ai cambi d'aula a "Valle Giulia" quando finivo sempre dopo l'orario, rubandomi un pò del Tuo; grazie per avermi insegnato come sostenere il peso dell'indipendenza.
    Fucsiaman .
    15/05/2017 alle 13:51
    Era un Uomo. Perbene.
      giovanni polesello .
      15/05/2017 alle 14:43
      Un grande vuoto per la cultura e la libera informazione di questo paese.Un giornalismo sano e indipendente .. mi dispiace molto !! Mi mancheranno i suoi editoriali
    ARMANDO TERRAMOCCIA .
    15/05/2017 alle 13:51
    Non l'ho conosciuto personalmente , ma attraverso i suoi scritti lo consideravo come un vero amico . Un amico di quelli che non ho mai avuto. Gli ho scritto qualche volta e qualche volta dimostrando una signorilità fuori dal comune mi ha sinteticamente risposto. Ero uno dei " costanti " e logorroici commentatori sulla sua pagina Fb. Sono molto angosciato in quanto la sera del decesso avevo inviato una e-mail . Spero possiate capire tale angoscia. Faccio a tutti Voi in famiglia e mie più sentite condoglianze . Avete perso un padre , un nonno , un marito . Io ho perso un amico. Sinceramente ARMANDO TERRAMOCCIA.
    Maurizio Incletolli .
    15/05/2017 alle 13:34
    Se ne va una Guida del giornalismo italiano, che le grandi Librerie dell'informazione non hanno saputo distribuire come avrebbe meritato. Le mie condoglianze ai suoi Cari.
    Cinzia .
    15/05/2017 alle 13:24
    Mi dispiace, molto. Lo avevo incontrato in occasione di una presentazione di Indagine sul calcio. Era brillante, gentile, appassionato. Mi piaceva il suo approccio alle cose, sempre profondo. Mancherà al mondo dell'informazione, a chi non ama i teatrini. Alle persone vere. A lei, al suo piccolo Michele, a tutta la vostra famiglia un abbraccio affettuoso.
    Manlio Pasquali .
    15/05/2017 alle 12:45
    E' stata una notizia che mi ha lasciato senza parole.. Sono dispiaciuto per lui e per voi, ricordate che finchè sarà nella vostra memoria sarà sempre vivo e saranno vivi i suoi insegnamenti
    Claudia Diaconale .
    15/05/2017 alle 12:35
    non ho avuto il tuo coraggio e non sono riuscita neanche a venirti a salutare. Ma tu e la tua famiglia siete stati parte della mia vita, siete stati anche la mia di famiglia. GRAZIE. Grazie Oliviero. Grazie Rosalia. Grazie Saveria, Germana, Manfredi. Oliver, sei e rimarrai nel mio coure. Sempre
    Nicoletta Maldini Libreria Trame .
    15/05/2017 alle 12:14
    condoglianze a Lei e alla sua famiglia
    Salvatore .
    15/05/2017 alle 11:51
    Un vuoto difficile da colmare. Un ricordo e un esempio che ci accompagnerà. Un grande abbraccio
    fflorio64 .
    15/05/2017 alle 11:49
    E' difficile, a volte impossibile, accettare l'idea che persone che sono state accanto a noi fino a ieri improvvisamente hanno cessato la loro vita. E' così che mi ha colto la notizia della tua scomparsa, come una frustata... Il tuo libro "Crescete e prostituitevi" è ben custodito... ed è un mio compagno. Lo sarà x sempre... così come tu sopravviverai con la tua opera e, soprattutto, nell'amore dei tuoi cari. Ciao Oliviero!
    Giovanni .
    15/05/2017 alle 11:48
    Grazie per la coerenza e impegno di tutta una vita.
    Eugenio Geraci .
    15/05/2017 alle 11:44
    Grazie di tutto. Sentite condoglianze alla famiglia
    italo campagnoli .
    15/05/2017 alle 11:42
    Ciao Oliviero, grazie per tutto che hai fatto
    simone .
    15/05/2017 alle 11:14
    Avere la schiena dritta senza schierarsi, un grande giornalista, una persona per bene. Un pensiero alla famiglia

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook