• Biografia
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Primo Piano > Manca sempre un gol per fare un euro
    15
    giu.
    2012

    Manca sempre un gol per fare un euro

    Condividi su:   Stampa

    Ma come, tutto l’epos buffonesco e napolitanesco di domenica è già tornato in soffitta? Ma come, una squadra sulla carta tutt’altro che malaccia, che poteva tranquillamente vincere e controllare una partita non così ostica, si riduce a soffrire fino in fondo? Ma come, si poteva e doveva provare a chiudere il girone in testa per trovarsi di fronte poi nei quarti almeno in teoria un avversario più debole, e adesso invece saranno lì col bilancino a fare i conti per vedere se battendo l’Irlanda passeremmo il turno comunque, anche se Spagna e Croazia dovessero pareggiare o concordare un “biscottino” qualunque? Sì, credo che faremo un altro po’ di cammino in questi Europei, malgrado tutto. Ma è questo “malgrado tutto” che dispiace e ci fa fare i conti ancora e sempre con la micragna italiota della routine, quale evidentemente si deve considerare giocare con la Croazia, mentre invece ci si esaltava alla disperazione della vigilia dell’Europa in mutande in salsa polacca e ucraina.

    C’è però una distinzione di fondo da fare in premessa, per intendersi con i lettori che siano stati anche telespettatori. Separiamo i fatti dalle loro interpretazioni, rispolveriamo l’aureo Lamberto Sechi e vediamo urbi et orbi l’effetto che fa. I fatti, immediatamente: sono quello che è successo e che avete visto e che qui trovate raccontati con la solita competenza dal Beck. Cioè un’Italia che nella piovosa e “patatara” Poznan mostra una netta superiorità individuale e inizialmente anche tattica nei confronti dello scacchiere biancorosso, imparagonabile come talenti dei singoli ma messo in campo davvero a scacchiera: quando si dice che la maglia fa il monaco… C’è un dettaglio infinitesimale, però. Che per vincere da sempre, anche adesso che la tecnologia ci porta il pallone in 3D anche in bagno, il pallone esige che si segnino dei gol. In qualunque modo, magari irregolari ma dati per buoni. Ma dei gol. E un gol da solo è recuperabile quasi da chiunque, anche da una Nazionale lontanissima dai fasti di un Boban (suo nipote Modric non è meglio di Verratti…) e di un Suker.

    La Croazia infatti davanti ha gente media o mediocre, e Suker ha fatto invece carriera tanto da essere il prossimo presidente della Federcalcio a scacchi, come Lato lo è di quella polacca. Mancherebbe Rivera, o Baggio, in quella italiana ma evidentemente da noi le cose funzionano in tutt’altro modo fuori campo, e se ne vedono i risultati… Dai e dai, prima sei pericoloso e non segni, poi sei meno pericoloso e ti adatti, infine sono pericolosi gli avversari e segnano loro. In filigrana, tutto chiarissimo. Questi sono i fatti, dunque con poca spinta, Thiago Motta meno mobile di un semaforo sulla Tiburtina, mai un cross dal fondo anche perché quelli son alti alti alti e noi siamo piccolini… Il bello, o il gotico, comincia con il racconto dei fatti, della realtà calcistica che magari avrà inchiodato davanti al video milioni di connazionali.

    La simpatica compagnia di giro chiamata a narrare le gesta pseudoepiche dell’Italia di Prandelli ha trasformato questa Italia-Croazia di livello emotiva-mente elevato ma oggettivamente modesto in una finalissima dei Mondiali immaginari da subbuteo, tra il Brasile metti di Pelé e l’Argentina metti di Maradona. È stato un trionfo, un crescendo rossiniano di superlativi, con un’enfasi che si è liberata fin da subito da pastoie grammaticali, sintattiche, lessicali e perfino (udite udite!) tecniche per una sorta di meraviglioso alzabandiera senza soluzione di continuità. Il tutto ha reso l’atmosfera dei logografi tv assai simile al tripudio degli spot, in una dimensione pubblicitaria da cui era stato bandito qualunque senso critico.

    È stato commovente perché sembrava che quell’improvvido ufficio stampa ambulante fosse chiamato a risolvere le magagne mostrate in campo dai Nostri. Ora, è vero che il tifo è il tifo, ma non sarebbe necessario un minimo di filtro, che senza paraocchi corredasse le immagini che arrivano nelle case? In questo senso era molto più attendibile il leggendario “quasi gol” di Nicolò Carosio. Qui siamo al “quasi calcio” che fa tutto un altro effetto. Questa smania elogiativa, quest’iperbole per contratto che ovviamente tra sé e sé farà sorridere anche Prandelli – che non è fesso – pur se non lo può dire apertamente, completa un abbozzo di débâcle quale rischia di essere anche questa spedizione azzurra se realisticamente non si rimettono le cose a posto. La squadra pur senza peso davanti, con Balotelli meno incisivo – che so – di un Pasquale Luiso d’antan detto “il toro di Sora”… resta mediamente una buona squadra in un’edizione di Europei che verrà ricordata assai di più per fischi, fumogeni, ultrà, Tymoshenko, facce dipinte allo stadio ecc. che non per quello che si sta vedendo. Dunque potrebbe andare avanti. Ma dovrebbe ricaricarsi in autostima ed essere razionale, convinta, determinata, il contrario di ieri. Un po’ come quell’Italia che la guarda in tv… Strano binario, nevvero?

    (Oliviero Beha)

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    6
    Lascia un commento
    Doriano .
    16/06/2012 alle 23:01
    Beppe grillo e dilaniato dai sensi di colpa..anche a me dopo lla morte del mio cane che non sono riuscito a salvare ce l'ho col mondo intero...e un po' come tirare fuori la propria parte peggiore ogni giorno aspettando il momento che siano gli altro ad affossarti..Berlusconi invece si gode la vita..evidentemente ha la coscienza pulita lui..beato lui...
    Doriano .
    16/06/2012 alle 17:53
    Per fortuna ce cosmi al elevare un po' il livello...Bocconi e le sue burocratiche lezioncine di tattica..mamma mia che pena
    ale .
    16/06/2012 alle 15:23
    La rai è il solito covo di raccomandati, niente di nuovo, la qualità non va cercata lì. Ma aldilà di quello che dicono (al 90% idiozie e luoghi comuni) è insopportabilmente fuori luogo anche il come lo dicono; non c'è opinionista (argh) in studio che possa dire più di tre parole prima di essere interrotto da un altro per dire una stupidata qualsiasi. Per non parlare di Dossena e Collovati....
    SERGIO NIERI .
    15/06/2012 alle 21:40
    Un'escalation di retorica al pesto che restituisce un barlume di dignità al duo Civoli Bagni (il chè è tutto da dire).Non mi soffermo sulla fosforescente Ferrari che si avvia a diventare uno dei misteri piu' accattivanti delle rete pubblica.Da Mina e Beha a costei,segno dei tempi.Quanto al biscotto,è singolare che lo evochino gli epigoni di un calcio ormai criminogeno come il nostro.La Spagna farà la sua partita,ma non è scontato che il Trap si lasci asfaltare da Giaccherini..
    Doriano .
    15/06/2012 alle 16:32
    Lippi il cinese aveva visto lungo: con Cassano e balotelli non andavi da nessuna parte...avessimo avuto un totti, un del Piero, un Baggio da discutere...qui siamo alla canna..perché i talenti del futro sono un corridore come borini un mezzo giocoliere fru fru. Come giovinco il nuovo Rivera...el sharawi..uno spaccagambe raccomandato come verdetti definito il! Nuovo Pirlo..ma godiamoci questa nazionale che la prossima sarà schiuma da barba In una lattina di birra
    Doriano .
    15/06/2012 alle 16:22
    Cosa e andato a fare il premier monti in Cina prima degli europei? A fare accordi con agenzie di scommesse clandestine e vendersi il Colosseo? A parte tutto..ma siamo convinti che se avessimo avuto il Prodi del 2006 magari si faceva piu strada ? Forse siamo proprio scarsi e basta..

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook