• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    29
    nov.
    2016

    Altro che moviola in campo… un incapace o peggio

    Condividi su:   Stampa
    antonio-damato-fiorentina

    Vorrei sapere, per una “zona viola” oggi indispensabile al di là dello schieramento politico…, che cosa avrebbe pensato o detto un tifoso interista a parti invertite. Un vero disastro a senso unico. Temo che Damato non fosse neppure corrotto, o condizionato. La sudditanza va bene, ma deve sembrare implicita, non esplicita. Qui siamo al ludibrio, al partito preso prima di cominciare e contro una squadra sotto (meritatamente) di tre gol. Avevo già scritto ieri sul Fatto e qui dell’indecente arbitraggio anti-Chievo del signor Chiffi, uno sconosciuto di Padova. Damato è un internazionale, senatore del fischietto. Ieri ha distrutto una Fiorentina per mezzora impresentabile di suo. Con il senno di poi, con un rigore (se realizzato) in più e gli undici in campo, è impensabile che la partita non finisse diversamente. Adesso ci si leccano le ferite perché i primi 20’ non sono colpa di Damato, ma il resto sì. Anche dopo aver preso 4 gol come dopo averne segnato 4 otto giorni fa, penso la stessa cosa. I brothers del mocassino mettano a disposizione del duo Corvino-Sousa 15 milioni (senza cessioni, se non minori) per la campagna di gennaio (portiere, difensore e un attaccante al posto di Zarate o due se va via Babacar, il tutto anche solo con prestiti da pagare poi) e puntino al terzo posto comunque, con un girone di ritorno tipo quello dell’andata, pacificando Sousa e rinnovandogli il contratto. Non vedo altre soluzioni, i Ciompi del tifo stiano calmi. Altrimenti saremo sempre e solo in balia degli interessi extra Fiorentina della proprietà.
    o.b.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    3
    Lascia un commento
    antonio.lanza .
    01/12/2016 alle 14:08
    Seguo la Fiorentina dal 1954 e di arbitraggi scellerati ne ho visti a migliaia. Non uno scudetto dovevamo vincere negli anni Cinquanta, ma almeno quattro: due scippati dalla Juve e due dal Milan. Un altro nel 1961-62 estorto dal Milan (complici pure gl'incredibili errori di Petris) e poi quello clamoroso "vinto" (si fa per dire) dalla Juve nel 1981-82. E non parliamo della finale di Coppa Campioni con Real nel 1957 e di quella UEFA con la solita Juve nel 1990 (con Baggio "frastornato" sciaguratamente venduto proprio in quei giorni – alla faccia della decantata classe dell'avvocato! – alla Juve). Ho sempre avuto il massimo disprezzo per la classe arbitrale italiana, formata il più delle volte da ridicoli ducetti permalosi, suscettibili e incapaci in libera uscita. Quanto a Damato, lo scorso campionato a Milano con l'Inter arbitrò bene e vincemmo per 4 a 1. La mia impressione è che gli sia capitata una giornata disastrosa. Quanto a Sousa, soltanto un incompetente può preferire Tello a Zarate, che sarà pure un anarcoide, ma è l'unico attaccante viola che sa giocare a pallone tecnicamente. Ma quel genio di Sousa non è in grado di capirlo. Chi nel ruolo di Tello ha visto giocare Menti II, Julinho, Hamrin, Chiarugi, Bertoni e lo stesso Di Livio si sente smagare solo a vederlo vestire quella nobile maglia. Antonio Lanza
    Orazio Pietro .
    29/11/2016 alle 15:50
    Se al posto dell'inter ci fosse stata la juve, apriti cielo!
    Scipio .
    29/11/2016 alle 12:04
    Se arbitrava così una partita internazionale lo buttavano in divisa dentro uun cassonetto...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio