• Biografia
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    займы онлайнкредит онлайнкредитная карта
    Home > Primo Piano > “L’Italia è un paese in coma che non pensa pi...
    28
    nov.
    2016

    “L’Italia è un paese in coma che non pensa più”

    Condividi su:   Stampa
    olivierobeha

    Il giornalista Oliviero Beha è intervenuto venerdì mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Oliviero Beha ha appena scritto per chiarelettere un libro, “Mio nipote nella giungla”.

    Oliviero Beha ha appena scritto per chiarelettere un libro, “Mio nipote nella giungla”:
    “Viviamo in una giungla, sia esteriore che interiore. Ovunque ci si gira sembra che la cosa più importante del mondo sia diventata la cucina, si parla solo di cibo, la gente vuole fare lo chef, adesso va di moda questa cosa qui. E questa giungla l’ha costruita la mia generazione. Abbiamo costruito una società basata sul fondamentalismo, siamo abituati a sentire parlare solo di fondamentalismo islamico e di fondamentalismo religioso, però va anche fatta una riflessione su quale sia il nostro di fondamentalismo. Il fondamentalismo occidentale è il denaro, tutto si traduce in denaro. Siamo denarizzati. Ma i soldi non possono essere l’unica bussola della nostra vita”.

    Su Donald Trump, Oliviero Beha ha le idee chiare:
    “Chi ha un po’ di accortezza sa bene che la politica è semplicemente il mezzo con cui la grande finanza internazionale gestisce il potere. Gestivano Hillary Clinton in un modo, gestiranno Trump in un altro. Non ci sono tutte queste grandi differenze. E infatti un conto era il Trump in campagna elettorale, un conto è il Trump presidente. Il problema non è Trump, è chi c’è dietro. Poi Trump è un po’ ridicolo, Berlusconi in confronto a lui sembra un intellettuale del 700. Ma anche Berlusconi a sua volta era un po’ ridicolo. Noi non ne abbiamo colto la ridicolaggine perché siamo un Paese devastato, che non pensa più”.

    E’ fondamentale ricominciare a pensare, spiega Oliviero Beha:
    “Bisognerebbe vivere da ubriachi senza essere ubriachi. Inseguire la libertà di pensiero. L’ebrezza che ti da la libertà di pensiero è un’ebrezza rara”.

    Sul referendum:
    “Questo clima da derby lo vivo malissimo. Ed è la dimostrazione che il nostro Paese sta andando indietro culturalmente. Siamo un Paese in coma, il problema non è Renzi o non Renzi, il problema è che l’Italia non è riuscita a maturare in termini di democrazia in nessun campo. Mi viene il dubbio che la democrazia forse non ce la meritiamo. Per questo si pensa all’uomo forte. E chi dovrebbe essere l’uomo forte, Renzi? Per favore, siamo alla farsa”.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio