• Biografia
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    06
    dic.
    2016

    I porcelli della politica

    Condividi su:   Stampa

    Adesso nel marasma del dopo Renzi ci aspettiamo sempre politicamente una specie di scambismo continuo, del genere qui illustrato nel modo più antico. Ma ora senza governo, con Mattarella, senza riforma, con il Pd ai quattro cantoni, senza lavoro, con Berlusconi improvvisamente ringiovanito da un fine pena (che non c’è mai stata), senza un’idea di futuro, con i massmedia che titubano tra il vendere la nuova merce ed essere preoccupati di aver perso la vecchia, con tutto questo che differenza c’è tra Ariccia e Montecitorio? Per cortesia rispondere con chiarezza…
    o.b.

    PORCELLI AI CASTELLI – AD ARICCIA MARITO E MOGLIE SI INCONTRANO NEL CLUB PER GLI SCAMBISTI, E FINISCE A BOTTE – LUI UN RAPPRESENTANTE DI ANAGNI CHE VENDE MATERASSI ALLA VILLA DEL PIACERE, LEI CASALINGA CHE CON L’AMANTE CERCAVA UNA NOTTE BOLLENTE IN COMPAGNIA DI SCONOSCIUTI…
    Dagospia.com

    Clemente Pistilli per ”la Repubblica – Roma”
    Quella che doveva essere una notte all’insegna della trasgressione è finita con una denuncia per rissa, danneggiamento e lesioni. E una coppia che voleva concedersi una serata hard tra mascherine e giochi erotici è finita invece in caserma tra verbali e denunce. Una vicenda al limite del paradosso quella che ai Castelli Romani ha avuto come protagonisti due cinquantenni, moglie e marito, che si sono recati l’uno all’insaputa dell’altra in una villa per scambisti e che, per un disguido, si sono poi ritrovati al buio nella stessa camera dove, invece, attendevano i partner sconosciuti.

    La coppia, lui un rappresentante di materassi, letti e divani e lei una casalinga, di Anagni, in provincia di Frosinone, era in crisi. Il rapporto tra i due era logoro e lei trascorreva ormai anche venti giorni a casa del figlio e della nuora, ad Albano Laziale. E qui, la cinquantenne aveva conosciuto un uomo e con lui aveva deciso di recarsi in una villa per scambisti nelle campagne di Ariccia. Lontana dalla cerchia delle solite conoscenze, la donna pensava di trascorrere una notte trasgressiva, di passione, in una stanza piena di specchi e sex toys. All’ingresso della villa, come da regolamento, le era stato assegnato un numero di camera.

    La stessa procedura è stata poi seguita anche con l’amico che avrebbe dovuto raggiungerla nella stanza, al buio e con una mascherina sul volto. Ma a causa di un disguido il bigliettino con il numero della camera è andato a finire in mano al marito di lei, che come rappresentante di materassi, riforniva e frequentava la casa dell’amore. E che quella sera aveva deciso di fermarsi, per concedersi qualche libertà.

    La situazione è esplosa dopo pochi attimi. Quando ha visto entrare l’uomo nella stanza, la casalinga si è resa presto conto che non si trattava di uno sconosciuto ma del marito. La donna, a quel punto, ha chiuso la porta a chiave e tra i due è scoppiato un feroce litigio. Se le sono date di santa ragione e lei ha telefonato anche al figlio, subito giunto nella villa a darle manforte. Gli arredi della camera sono stati distrutti. Sono andati in frantumi porta bon-bon e lampade abbinate con la camera a luci rosse. È esploso anche il materasso ad acqua.

    E come se non bastasse, al litigio si sono uniti l’amico di lei e altri frequentatori della casa, tanto da dar vita a una rissa tra quindici persone. A cercare di riportare un po’ di ordine sono stati infine i carabinieri. I militari si sono dovuti fare largo tra le coppie in abiti succinti e hanno alla fine denunciato quindici persone per rissa. La coppia di Anagni e il figlio, inoltre, sono stati denunciati anche per il danneggiamento della villa. Poi marito e moglie si sono denunciati a vicenda per lesioni. I due, però, sembra proprio che non siano destinati a varcare la soglia del tribunale solo per rispondere dei reati loro contestati. Con ogni probabilità, infatti, ancor prima si ritroveranno davanti a un giudice civile.

    La donna, dopo la nottata hard tra urla e botte, si è infatti rivolta a due avvocati di Frosinone, Carlo Mariniello e Stefano Popolla, chiedendo loro di avviare tutte le pratiche per la separazione. Dopo l’incontro hard, vuole dire addio al marito…

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio