• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > rubriche > articoli > Italiopoli > Come resistere nella palude di italiopoli
    02
    mag.
    2007

    Come resistere nella palude di italiopoli

    Condividi su:   Stampa

    L'ultimo libro di OLIVIERO BEHA“FORSE OGGI IN ITALIA SIAMO GIUNTI AGLI ESTREMI: FORSE QUESTE INNUMEREVOLI MAFIE STANNO PER SALDARSI TRA LORO COME IN UN GIOCO DI PUZZLE, COSÌ DA NON LASCIARE NEMMENO UNO SPAZIO DOVE VIVERE E RESPIRARE.”Pietro Citati, la RepubblicaUn paese che affonda sotto i colpi di una classe dirigente sempre più prodiga di cattivi esempi, in un deserto di valori.Un ceto politico affannosamente complementare nella finzione tra destra e sinistra.

    Un potere barricato in un Residence privo di cultura, che sostituisce la
    realtà con la sua rappresentazione televisiva. L’Italia mafiosa di oggi, ben
    oltre la mafia tradizionale negli interessi e nei comportamenti.Un viaggio
    della mente e del cuore per denunciare una società in pezzi, e cogliere i
    segnali di “nuove resistenze” nella stagione peggiore degli ultimi
    cinquant’anni.Oliviero Beha è forse il più noto clandestino
    d’Italia. Giornalista di carta stampata (la Repubblica), radio e tv, è autore di
    trasmissioni radiofoniche e televisive di successo (Radio Zorro, Radio a colori,
    Va’ pensiero). Per primo ha denunciato il marcio nel mondo del calcio. Lo si
    definisce “scomodo”con un’epigrafe da designer,come fosse una sedia.Collabora
    all’Unità e scrive libri. I più recenti: CRESCETE & PROSTITUITEVI (Bur
    2005), INDAGINE SUL CALCIO (con Andrea Di Caro, Bur 2006) e DIARIO DI UNO
    SPAVENTAPASSERI (Tropea
    2006).———————————–Il Blog di Italiopoli »
    Torino, Fiera del Libro, Lingotto,
    domenica 13 maggio 2007, presentazione di “Italiopoli”.

     commenti
    Commenti
    10
    Lascia un commento
    Adelie .
    09/01/2012 alle 07:20
    Tip top stuff. I'll eexpct more now.
    nispa .
    Acquistato... Letto le prime 100 pagine: Chiarificatore. Dipinge lo stato dell'Italia spiattellandoci in faccia la verità. PS: Credo che in formato elettronico perda tantissimo un libro. Alla fine si deve stampare, e a quel punto non costa più di acquistarlo in libreria o anche sul web.
    jackanima .
    Salve, ho assistito al suo intervento nella piazza della mia città per la presentazione del suo libro. Ho gradito il suo intervento. Alcune considerazioni: il problema più grande, tralasciando la politica-affarista, è proprio la sonnolenza e l'apatia degli italiani, come lei ha sottolineato. E questo si verifica soprattutto nella povincia e nei piccoli paesi che mancano quasi totalmente di stimoli culturali e non. Io purtroppo lo vedo sulla mia pelle, nelle cose normali di tutti i giorni, questo rifiuto al pensiero, paura di 'mettersi in gioco', rifiuto alla libera espressione, al confronto di idee, al dialogo costruttivo. Gli italiani, i giovani soprattutto, sonnecchiano ed è questo, per me, il problema più grave. La Tv li ha rimbeciulliti con culetti al vento, veline e artisti falliti, musica da consumo, apparenze, calcio-businness. E' vero quello che lei dice, non siamo più cittadini, ma consumatori. Mi tornano alla mente scene del film Metropolis di Fritz Lang, dove le persone si muovono come automi, comandati dalla paura per il Potere e del Sistema. Non vorrei sembrare pessimista ma forse saranno proprio i crampi da pancia vuota, la grande fame, che ridaranno la voglia di reagire, ma in questo caso andremmo a finire nelle piazze e sarà improbabile non sfociare nella violenza. Questo mi da coraggio ma mi spaventa anche un pò, dato che per l'età che ho, ventotto anni, non ho mai visto strade inondate di manifestanti, cariche di polizia, manganelli, e bombe molotov. E' difficile ora pensare ad altre soluzioni, anche se vorrei tanto pensare ad un filone di rinascita pacifica che ridarebbe al nostro paese un futuro, non dico migliore, ma un futuro. Sappiamo che la vita è fatta di alti e bassi, com'è giusto che sia, e che i momenti "bassi" ci servono per imparare a stringere i denti, a farci le ossa dure. La seguirò nella sua attività e cercherò nel mio piccolo di amplificare ciò che mi sembrerà giusto amplificare. Con stima Jack Anima www.myspace.com/jackanima
    gnaffetto .
    salve è possibile avere una versione "elettronica" del libro in licenza commons creative ? non penso sia piu' di tanto un danno economico, in quanto credo che chi lo compra in cartaceo lo fa' per il piacere di leggerlo e averlo nella libreria, ma chi non lo comprerebbe mai (per tirchieria o per "principio...") avrebbe modo sia di leggerlo che eventualmente consigliarlo ad altri. in ogni caso lo scopo di fare informazione a piu' persone possibiòi sarebbe raggiunto... sempre sia quello il vero scopo... cordiali saluti Fabiano
      tuwnwvlup .
      09/01/2012 alle 12:55
      LHO7Vu gwyiaojdregl
      vuksxcal .
      09/01/2012 alle 18:05
      F7RJyP , [url=http://tyqvhfagigqu.com/]tyqvhfagigqu[/url], [link=http://rvcjthpcljir.com/]rvcjthpcljir[/link], http://igchrmezguak.com/
      vdtarbhaemx .
      12/01/2012 alle 13:25
      aHBqdL lnwbtbybwvvn
      nyhsfnicd .
      14/01/2012 alle 16:27
      A5hVar , [url=http://kxoolebgtmix.com/]kxoolebgtmix[/url], [link=http://tabfzsapxsox.com/]tabfzsapxsox[/link], http://wqingdsnccvh.com/

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook