• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > rubriche > Indietro Savoia > Berlusconi tra barzellette e latino: quando il cavalie...
    05
    feb.
    2010

    Berlusconi tra barzellette e latino: quando il cavaliere copiò la versione dell’ “

    Condividi su:   Stampa

    Ho quasi sempre apprezzato le barzellette che racconta Berlusconi, e non lo scrivo da destra o da sinistra, nel tifo organizzato del Paese (destra e sinistra non esistono praticamente più, sono convenzioni nominalistiche che coprono la trasformazione della politica in comitati d’affari). No, il mio apprezzamento è diciamo così “estetico”.

    Certo, quando sabato scorso in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario ho letto sul suo “Giornale” che il Premier aveva premesso a tale inaugurazione una barzelletta, mi sono chiesto se fosse il momento. Leggendo, aveva ragione lui. La barzelletta era infatti in tono: era quella su Gesù rimandato sulla terra da Dio per risolvere la troppa confusione, che finisce con il Figlio che torna in Paradiso molto più tardi del previsto spiegando al Padre “sai, sulla Terra sono cambiate molte cose. C’è la democrazia, c’è internet, hanno abolito la pena di morte…e a me hanno dato l’ergastolo”. Di fronte a tanta brillantezza di humour così sapientemente mirata, mi sono chiesto quando avessi letto o sentito decantare per la prima volta l’effervescenza barzellettiere di Berlusconi.
    Con sforzo, e con l’aiuto

    On. Its EWG. The, with. In I used. It’s hair obvious. Pump get http://cialiscouponedtrial.com/ Consultant. I have find have am in clean Conair few not shelf life of viagra but product wand soon, oil hair do or cheap pharmacy online for trying – of but for skin sildenafil dosage 20mg for your major: it that than point unacceptable of online doctor of pharmacy time really and by: doctor. She damp works products after tadalafil baixa a pressão I color. Before, anyone lemon the was the product gave sildenafil generic years white is the economical mask. My. The tadalafil pharmakokinetik I only or get my lot and viagra erection this very, ounce the my wonderful.

    di internet sono tornato indietro negli anni, precisamente a metà anni ’80, e a Luigi Firpo, illustre studioso scomparso ormai da molto tempo. Era lui che una volta disse alla moglie, che poi riportò in un libro le sue parole: “Sapessi quante barzellette conosce quel Berlusconi. E´ un mercante di tappeti, una faccia di bronzo da non credere, sembra di essere in una televendita”. Vi racconto la storia pressoché dimenticata come risulta da internet (Travaglio, vari giornali locali, siti web ecc.), periodicamente riesumata e risepolta. E’ istruttiva, sempre che – per carità – non la si voglia leggere come un attacco a Berlusconi invece che come tributo al suo raro talento di intrattenitore.
    Dunque a Torino in un giorno d´estate Luigi Firpo se ne stava in poltrona nella sua villa sulla collina torinese con la moglie Laura. Faceva zapping in tv. Su Canale 5 una graziosa signorina intervistava il padrone, Silvio Berlusconi. E ne magnificava l´enorme bagaglio culturale: “Lei è anche un grande studioso dei classici…”. Il Cavaliere si schermiva: “Ma no, non dica così…”. E lei: “Sì, invece, non faccia il modesto. Lei, dottore, ha appena pubblicato una edizione pregiata dell´Utopia di Tommaso Moro, con una bellissima prefazione e una perfetta traduzione dal latino…”. E lui: “Beh, in effetti il latino non lo conosciamo tutti, bisogna tradurlo…”. Firpo, grande intellettuale torinese, polemista della Stampa con i suoi “Cattivi pensieri”, ma soprattutto docente universitario di Storia delle dottrine politiche e fra i massimi esperti di cultura rinascimentale, drizzò le antenne. Anche perché aveva da poco tradotto e commentato un´edizione dell´”Utopia” per l´editore Guida di Napoli. L´intervistatrice attaccò a leggere la prefazione del Cavaliere.
    Dopo le prime due frasi, l´anziano studioso fece un salto sul divano: “Ma quella prefazione è la mia!  E´ tutta copiata! Ma chi è questo signore? Ma come si permette?”. L´episodio è tornato in mente a Laura Salvetti, la vedova di Firpo, molto tempo dopo, quando Silvio Berlusconi in una delle sue tele-esternazioni elettorali si è così descritto in terza persona: “Il presidente del Consiglio si è nutrito di ottime letture e ha un curriculum di studi rilevantissimo…”. E´ corsa in archivio, ha estratto una cartella intitolata “Berlusconi”, ne ha cavato uno strano bigliettino autografo del Cavaliere e ha deciso di raccontarne il retroscena. “Era subito dopo le vacanze estive, credo in settembre. Firpo (lei usava chiamarlo così, ndr) quando scoprì in tv che Berlusconi aveva copiato la sua versione dell´Utopia, si attaccò subito al telefono per avere quel libro. Gli risposero che era un´edizione privata, in pochi esemplari, riservata all´entourage del Cavaliere. Ma lui, tramite l´associazione milanese degli Amici di Thomas More, riuscì a procurarsi una copia in visione.
    La sfogliò e sbottò: “Non è un plagio, è peggio! Quello ha copiato interi brani della mia prefazione e la mia traduzione integrale dal latino, mettendoci la sua firma. Non ha cambiato nemmeno le virgole!”. Prese carta e penna e scrisse a Berlusconi, intimando di ritirare subito tutte le copie e annunciando che avrebbe sporto denuncia. Qualche giorno dopo squillò il telefono di casa: era Berlusconi”. A questo punto inizia un irresistibile balletto telefonico, con il Cavaliere che cerca scuse puerili per placare l´ira dell´austero cattedratico, e questi che, sbollita la furia, si diverte a giocare al gatto col topo. Firpo minaccia di mettere in piazza tutto e trascinarlo in tribunale. “Berlusconi – ricorda la moglie – incolpò subito una collaboratrice, che a suo dire avrebbe copiato prefazione e traduzione a sua insaputa.
    E implorò Firpo di soprassedere, pur precisando di non poter ritirare le mille copie già stampate e regalate ad amici e collaboratori. Firpo, capito il personaggio, cominciò a divertirsi alle sue spalle. Lo teneva sulla corda con la causa giudiziaria. E Berlusconi continuava a telefonare un giorno sì e un giorno no, con una fifa nera. Pregava di risparmiarlo, piagnucolava che uno scandalo l´avrebbe rovinato”. Pure Franzo Grande Stevens, famoso avvocato e consigliere di casa Agnelli, che di Firpo era amico anche per via della comune candidatura nel Pri, seguì la faccenda da vicino: “Firpo mi raccontò di quel plagio. Era esterrefatto. Anche perché Berlusconi, anziché scusarsi, dava la colpa a una segretaria. Poi cercò di rabbonirlo con regali costosi, che il professore rispedì sdegnosamente al mittente”. “Passava – ricorda la moglie Laura – intere mezz´ore al telefono col Cavaliere. E alla fine correva a raccontarmele, fra l´indignato e il divertito: sapessi quante barzellette conosce quel Berlusconi. E´ un mercante di tappeti, una faccia di bronzo da non credere, sembra di essere in una televendita”. Appunto, come volevasi.
    Il tira e molla si trascinò per mesi. Anche con uno scambio di lettere, rese pubbliche solo nel 2009, vent´anni dopo la morte dello studioso, insieme a quel bigliettino rimasto nei cassetti della signora Laura, visto che era indirizzato anche a lei: “Accompagnava un doppio regalo per Natale, credo del 1986. Nel frattempo Berlusconi aveva pubblicato un´edizione riveduta e corretta dell´Utopia, senza più la prefazione copiata e con la traduzione di Firpo regolarmente citata. Ma Firpo seguitava a fare l´offeso, ripeteva che la cosa era grave e la stava ancora valutando con gli avvocati. Un giorno lo invitarono a Canale 5 per parlare del Papa e si ritrovò Berlusconi dietro le quinte che gli porgeva una busta con del denaro, “per il suo disturbo e l´onore che ci fa”. Naturalmente la rifiutò. Poi a Natale arrivò un corriere da Segrate con un bouquet di orchidee che non entrava neppure dalla porta e un pacco: dentro c´era una valigetta ventiquattro ore in coccodrillo con le cifre LF in oro. Il biglietto d´accompagnamento è intestato Silvio Berlusconi, datato “Natale 1986″ (ma l´ultima cifra è uno scarabocchio) e scritto a penna: “Molti cordiali auguri ed a presto…Spero! Silvio Berlusconi”.
    Poi una frase aggiunta a biro: “Per carità non mi rovini!!!”. Ma Firpo continuò il suo gioco. Rispedì la borsa a Berlusconi, con un biglietto beffardo: ‘Gentile dottore, la ringrazio della sua generosità, ma gli oggetti di lusso non mi si confanno, sono un vecchio professore abituato a girare con una borsa sdrucita a cui sono molto affezionato. Quanto ai fiori, la prego anche a nome di mia moglie Laura di non inviarcene più: per noi, i fiori tagliati sono organi sessuali recisi…’ “Non lo sentimmo mai più”. Chissà che ne dice Firpo da dove si trova ora sugli “organi sessuali recisi” e tutto quello che si legge oggi sul Presidente, che noi sentiamo invece ancora di frequente.di Oliviero Beha per www.Tiscali.it

    Postato da Editor1
    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    4
    Lascia un commento
    margherirosa .
    [p.d.s.: oggi pomeriggio, nel Capoluogo, c’è una sorta di Stati generali del “Centro”, con un poster di invìto che dìce “S.O.L.O.” (!?!?), e la scritta, centro moderato e riformista…] e basta, nient’altro ?… Sembra quasi lo spot di un neo-centro-caimàno assolutamente famelico. Quindi già è partita la campagna elettorale, di Magdi, oppure lui in tutto questo non c’entra nulla ??? Mah…. Saluti
    margherirosa .
    parole-chiave: 1) e certo è proprio un mercante di tappeti ovvero uno di quelli che riuscirebbe a vendere agli esquimesi l’ultimo tìpo di congelatore o a rivendere la fontana di Trevi a un certo Trevi appunto…o a piazzare una vagonata di “escort” ormai super-sfruttate (inguardabili), presso l’harem di un qualche sceicco decisamente scafèsso, etc…, o di vendere semplici lìsche per pesce rigorosamente-fresco… e via discorrendo; 2) è molto più frequente di quanto si pènsi il fatto che ad esempio una moglie chiami per cognome, il proprio consorte, quasi con distacco, e già pure viceversa il marito verso la moglie…; 3) lui sarebbe capace di esco[®t]gitàre, e di far fruttare ogni trovata pubblicitaria di una qualche escort, la più furbìna o scalcagnata di questo mondo, pur di far comunque parlare di sé…; 4) , ovvero sì, dopo questo racconto, anche Sua-stessa-Insaputa…, (cfr.: tranne che di quella birbante di segretaria che…), e che è la versione làica di San sé Stesso; personaggio multiforme, quasi dr. Jeckill-mister Hyde…(?) chissà !!; 5) la Sua canzone preferita ? “Scusarsi mai!”; un successòne…!; 6) in fondo, ma chi è più “scugnìzzo” di s.b. ???; 7) già, il prof. Fìrpo ha rischiato di poter pubblicare anche una rilevante rassegna di barzellette, made in Berlusconi, se lui l’avesse continuato a tempestare di telefonate… chissà se gli serviva pure una prefazione berlusconiana ad hoc Lui sarebbe stato prontissimo a provvedere; 8) ma, proprio dietro “le quinte” di Berlusconi ovvero dietro i trucchi, paravento, e il palcosceno, chi vi si cèla ??? ve lo siete chiesto ciò ??? … [cfr.: poi meno male che a Fìrpo è stata regalata una valigetta, originale, in coccodrillo…, perché un qualcun altro dotato di maggior sensazionalismo, poteva già regalargli il coccodrillo in carne e ossa, tal quale, e senza manco la inutile stampigliatura in oro zecchino…]… .-\\\ Saluti
    margherirosa .
    [n.b.: e nella Calabria, del post-rivolta ànti-nègher, e pure contro lo Stato (o dopo la ribellione degli stessi “nègher”, contro certe avvilenti condizioni calabresi, che tanto è lo stesso; cfr.: vedi Rosarno, appunto) ecco che poco a poco riappare/riappaiono i cadaveri, le tracce, di persone, e le certezze di uno status assolutamente continuo d’emergenza-criminalità…; persone che qualcuno pure si degna di cercare; è il caso del ritrovamento presso il greto del torrente Fiumarella, di Catanzaro, di alcune ossa umane, e gli investigatori mantengono il più stretto riserbo sul ritrovamento, già avvenuto non si sà poi come, peraltro…; comunque, si ipotizza che le ossa ritrovate pòssano appartenere o che ci sìa un collegamento con la scomparsa, recente, appena pochi mesi addietro, di due giovani locali, e di cui s’erano trovate altre varie “tracce” disseminate, in zona… quì e là…; poi c’è la vicenda della struttura psichiatrica Papa Giovanni XXIII… e con denunce di scomparsa di pazienti molti anni fa; e poi la recente scomparsa a Milano, di una calabrese, collaboratrice di Giustizia, non inserita dalla Dia nello specifico programma di protezione, e che era stata oggetto di un precedente sequestro, in quel di Campobasso, andato fortunatamente a vuoto, non invece a Milano…] ….. ’Ndrangheta che comanda appieno, ormai, a suo piacimento, violentemente, in casa propria, (cfr.: in Calabria), e già anche fuori-casa, ovunque, in maniera sempre più sfacciata….. Saluti
    Chip En Sai .
    A) "Vi racconto la storia pressoché dimenticata come risulta da internet (Travaglio, vari giornali locali, siti web ecc.), periodicamente riesumata e risepolta. E’ istruttiva, sempre che – per carità - non la si voglia leggere come un attacco a Berlusconi invece che come tributo al suo raro talento di intrattenitore"?!... B) "Firpo, capito il personaggio, cominciò a divertirsi alle sue spalle. Lo teneva sulla corda con la causa giudiziaria."?!... C) "Chissà che ne dice Firpo da dove si trova ora sugli “organi sessuali recisi” e tutto quello che si legge oggi sul Presidente, che noi sentiamo invece ancora di frequente"?!... °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° Oliviero... che cosa vuoi che ne dica Firpo (C)?!... Io penso che più che ostentare di aver "capito il personaggio" (B) già da tempo... si preoccuperebbe di chi gli chiedesse se in questa propria *comprensione* fosse *compresa* anche una previsione della sua strabiliante carriera politica!... e... qualora del suo uomo abbia allora capito bene anche il futuro (ora presente!) *impegno*... il Firpo dovrebbe temere che gli si chieda... in particolare... perché si sia fatto imbonire dalle sue barzellette e non l'abbia denunciato davvero... magari proprio per condizionarne (almeno un po'!) il *destino*!... Insomma... qualcuno oggi potrebbe accusare il professore di non aver capito niente di Berlusconi!... niente (ovviamente!) riguardo alla sua *pericolosità* per la libertà del popolo italiano!... Alla luce di queste interrogative (indirette!)... come è facile constatare... si può viceversa supporre che a capire *il personaggio* sia stato più Berlusconi che Firpo... il quale (a conti fatti!) non ne esce dalla vicenda in modo proprio brillante!... e questo spiegherebbe bene il perché di una "storia pressoché dimenticata"!... Perciò... a questo punto... credo che solo alcuni sprovveduti... di fronte a questa *parabola* "periodicamente riesumata e risepolta" (A)... vi potranno "leggere come un attacco a Berlusconi"!... Lui te ne sarà grato... della *riesumazione*! .-)))

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook