• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > rubriche > articoli > Indietro Savoia > Ci vuole una bella iniezione. di sfiducia
    24
    feb.
    2010

    Ci vuole una bella iniezione. di sfiducia

    Condividi su:   Stampa

    Gironzolo tra le notizie per farmi un’idea. A Sanremo si discute del “giallo” del televoto e di come sia possibile truccare il meccanismo. L’esito del sessantesimo “Pestival” (con la P, mi raccomando) ha contribuito ad alzare toni e sospetti. Memorabile, si fa per dire, la “rivolta degli spartiti” da parte degli orchestrali per le scelte (???) da casa. Poi ci sono i falsi invalidi che ci costano un miliardo l’anno: un pensionato “invalido” su dieci è sanissimo e lavora in nero (anche perché nelle fasce deboli le pensioni sono ridicole, aggiungerei io) e i ciechi troppo spesso ci vedono benissimo.Ma se diamo un’occhiata fuori dai confini, nella Globalizzazione del Raggiro la più importante rivista di settore, la tedesca Auto Motor un Sport, rivela che le case automobilistiche truccano i dati sulle emissioni di CO2.O meglio dichiarano valori che variano in confronto alla realtà secondo le tabelle delle varie case tra il 14% e il 47% in più. Già sui consumi in passato era stato verificato che baravano, adesso si passa alle emissioni. La spiegazione banale è che le case usano altre metodologie per misurare consumi ed emissioni, che però non sono aderenti alla realtà.

    Ma nessuno te lo dice, anche se in molti lo sospettavano, e invece ti danno soltanto i loro numeri. Collegate tutto questo alle polemiche di strettissima attualità con il blocco delle auto nei comuni del Nord Italia, e vi sarete fatta un’idea. Ma possiamo anche andare oltre oceano: che ne direste dei dati sulla sicurezza di New York e sulla delinquenza tanto diminuita e tanto sbandierata? Ne parlava Federico Rampini recentemente su Repubblica: ” I sindaci Giuliani e Bloomberg si vantano da sempre per il calo dei reati. Ma ora 100 poliziotti confessano: manomessi per anni i dati sulla criminalità.
    A New York era un bluff la “Tolleranza zero”. Le pressioni per falsificare le statistiche venivano dall’alto, spesso direttamente dal gabinetto del sindaco”. Dati falsi, non era vero niente, ma basta che la polizia benedetta dalla politica ti dica qualcosa e che la stampa non abbia la possibilità o la voglia per verificare i dati, e oplà, come in un gioco di illusionisti la realtà ti cambia sotto gli occhi. Ho snocciolato questa minima serie di motivi per avere sfiducia, grande sfiducia in tutto o quasi, perché come ho già scritto qui la campagna elettorale per le Regionali si abbevera spessissimo alla fonte della “fiducia”: è tutto un “mi fido di te” di qua e di là, oppure “fidati di me” e numerose variazioni sul tema.
    Il problema della fiducia è un problema gigantesco. Avvelena i rapporti tra le persone e naturalmente inquina la politica fino in fondo, fino ad azzerare il valore “fiducia” e a sostituirlo con quello del vantaggio, interesse, guadagno ecc. Non importa più da un pezzo se una cosa è giusta o no, dal momento che non puoi conoscerla direttamente ma solo attraverso mediazioni che si rivelano sempre più spesso degne della massima sfiducia, bensì se è conveniente oppure no. Anche qui però la convenienza del singolo e della collettività passa per una conoscenza filtrata dai media, e quindi magari puoi andare a votare o regolarti in tutte le tue scelte sulla base di un tuo vantaggio solo apparente, e in realtà forse inesistente o addirittura falsificato e rivoltabile come un calzino in uno svantaggio.
    Già questo sarebbe pericoloso per una società avveduta e consapevole: diventa un gioco al massacro in una società senza opinione pubblica o con un’opinione pubblica imbalsamata, che sembra fidarsi di ogni imbonitore che gliela canti e gliela suoni. Se leggendo questo pensate che mi riferisco a Berlusconi, avete ragione e quindi la conferma che sono comunista. Se pensate che mi riferisca solo a Berlusconi e non piuttosto a un meccanismo complessivo in cui sono/siamo dentro tutti, avete torto e quindi la conferma che non sono comunista. Se non avete fiducia in me, dopo quello che ho scritto sulla fiducia, tutto sommato fate bene. Almeno esercitate la vostra facoltà critica senza lasciare del tutto che vi venga atrofizzata. Soluzioni? Ricette? Le vorreste ritirare in farmacia? Avete dunque fiducia nei farmaci?di Oliviero Beha per Tiscali News, http://notizie.tiscali.it/oliviero-beha/

     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    margherirosa .
    mmmhhh: 1) francamente quella vallettina, in terza fila a Sanremo, m’è sfuggita…; mannaggia; ma forse perché il festival non l’ho proprio seguìto…; e forse meritava, la vallettina, s’intende; 2) però tra tele-v(u)oto e cervelli in vacanza non c’è da star allegri più di tanto; 3) già, dalla teoria dei vasi-comunicanti, appunto, a quella dei vuoti-comunicanti che, in positivo, non è proprio la stessa cosa; 4) e poi, tra prisma e clisma-opaco, c’è davvero poco da star allegri-due-volte; 5) ìndi / inoltre quel dantescamente, mi fà venir in mente una cosa: l’altro giorno su Tg1 il gran titolo principale che poi annunciava l’avvenuta demolizione di case abusive in quel di Lido di Ostia che, tòsto, diventava di Pasolini (!), e sugli altri Tg semplicemente Ostia di Roma; ciò tra presunte specificazioni-richiami, a situazioni andàte, e semplice informazione tal-quale e senza facili-orpelli…; Pasolini è ora anche per caso un “tòpos” geografico-ambientale ? ma và !; 6) chissà se è più astuto un Chip, o un Mché, a modo loro, secondo le proprie prospezioni, s’intende; (cfr.: càllido = fortemente astuto); 7) indi il principino, che vuol fare e già studia da fiorello, deve mettersi in coda per far il presentatore, e c’è già un concorrente in più, da temo del e nel mondo dello spettacolo-&-non-solo…, tal d’alessio, e quindi…; e sembra esserci quasi una lotta durissima, interregionale, tra Campania [cfr.: D’Angelo, e chi più ne ha, più ne metta, e le new-entry come il rampollo rossiccio…, che bella lotta, eh ??]… Saluti
    margherirosa .
    …àzz’, mi sà che Chip deve esser rimasto a corto di puntini sospensivi ! già ne ha usati pochissimi stavolta. Il serbatoio, anzi la riserva in cantina è agli sgoccioli ? e quindi li usa con parsimonia ?? È sì pure questo uno degli strani ‘effetti’, alla-lunga-alla-lunga, della crisi e della globalizzazione ?!? mmmhhh, bah …. Saluti .-\\\
    margherirosa .
    Mché : 1)…ancòra co’ sta storia dei farmacisti ??? allora sei proprio inguarib(bbb)ile ! ma non c’è proprio nulla /nessuno che ti vàda a gènio ? mi sembri un certo “Criticòn Dè Criticoni”… alla fine aveva un fegato grosso, impressionante, come un pallone…; 2) e poi, come ti sei permesso di dare, inviare, il tuo commento prima di Chip? non sài che lui ha la precedenza assoluta? sì come in certi incroci obbligati…; meriteresti che ti togliessero almeno 20 punti dalla patente, immediatamente, e il fatto che mi pare che sei recidivo, probabilmente ti metterebbe pure in grossi guai, così impàri !! a fare un tal affronto a uno come Chip; ma non ti senti male solo a pensarci ?? dimenticavo che tu sei ormai insensibile a ogni cosa !; 3) ti piace Cétto Laqualunque ? bene; però, la sua frase tìpica è: “cchiù pìlu pe’ tùtti…” e quindi la prossima volta scrivi come si deve…se nò lascia stare, non ti ci mettere!; 4) non sapevo che avevi dei parenti così ingombranti [cfr.: e già viziùsi] come nel caso di tuo “zio” Silvio…!; 5) piuttosto, lascia stare Guido, che è persona in gamba…, e affidabile; per cui poco spìrito di patata !!! in futuro; mi raccomando…. Capìto ? …. Saluti /\ . _ . /\
    Chip En Sai .
    Oliviero... con la "fiducia" o la "sfiducia" capiti male!... pensa che nessuno finora si è preoccupato di scrivere su Wikipedia qualcosa che difinisca queste parole in modo indipendente... ovvero... se non inserendole in locuzioni! .-|||
    achillide .
    E come fai a fidarti dei farmacisti? Il quadro è desolante ma caro Beha,la realtà supera ogni giorno di più la più fervida fantasia. Cetto Laqualunque del bravo Albanese diceva e dice: "Chiù pelu pè tutti"il miglior politico in circolazione. Ci sbellicavamo dalle risate,adesso non ride più nessuno.Anzi no,quando sento parlare zio Silvio di lotta alla corruzione mi scompiscio ancora dalle risate.Adesso poi che abbiamo l'onesto perfetto nella persona di Bertolaso abbiamo chiuso il cerchio. Lui i preservativi li usa come palloncini da dare ai bambini,che mai avete pensato? Malelingue.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook