• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > rubriche > Indietro Savoia > Tra sport & società, il ruolo del ‘pontier...
    07
    set.
    2010

    Tra sport & società, il ruolo del ‘pontiere’ nella ‘terra di nessuno’

    Condividi su:   Stampa

    Non entro nel merito, perlomeno qui e ora, della vicenda che riguarda me e il Tg3: da domenica scorsa non mi è più permesso l’editoriale di commento che “dicevo” in studio da due anni, ogni domenica, più le volte in cui venivo convocato ambulatorialmente per qualche evento particolare. Non posso farlo, e basta. Ognuno si faccia l’idea che vuole e definisca questo “impedimento” come crede. I sinonimi abbondano.

    Invece, mi preme qui spiegare uno dei motivi del mio dispiacere per non poterlo più fare. Cioè la particolare materia di cui mi occupavo, una sorta di “terra di nessuno”. Vedete, in molti pensano che un commento alla giornata di campionato sia circoscrivibile al calcio e a quello che accade negli stadi. Così come in molti misurano la bontà – che so – dei Mondiali di nuoto sulle prodezze della Pellegrini. Due esempi che dovrebbero riassumere lo sport commentato tradizionalmente, bene o male che venga fatto. E’ pane per i denti dei “giornalisti sportivi”.
     
    Ma se si parla delle implicazioni degli stadi e dei piani regolatori e delle decisioni politiche che indirizzano il calcio, oppure delle indagini o dei rinvii a giudizio per i Mondiali di nuoto romani del 2009, allora si pensa che sia pane per i denti dei “giornalisti politici” o nel secondo caso dei “cronisti giudiziari”. Anche qui ovviamente nel rispetto dei differenti valori professionali, della onestà intellettuale, dell’indipendenza, autonomia eccetera eccetera.
     
    Ormai da trent’anni, oltre ad inchieste che quand’ero giovane hanno suscitato qualche clamore…, il mio precipuo ruolo professionale è quello di “pontiere”. Sì, cerco “ponti” tra materie in superficie apparentemente diverse o “staccate” tra loro come lo sport, gli sport, il calcio ecc. da un lato, e la società con tutto quello che di politico, economico, culturale, giudiziario ecc. vi accade dall’altro.
     
    E cerco questi “ponti” perché scrostata la superficie tutto si tiene, specie nelle società complesse che oggi spacciamo per moderne quando sono invece a mala pena contemporanee. Spiegare come calcio e politica si intreccino in profondità, o dire già tre mesi prima dei Mondiali di nuoto del luglio 2009 al Tg3 che la storia dei circoli, del Credito Sportivo, delle foresterie, sarebbe finita male, in tribunale, che c’era di mezzo una forte speculazione che nulla aveva a che fare con il nuoto, che c’erano conflitti di interesse inferiori in quantità e visibilità a quelli di Berlusconi ma non per questo meno gravi e seri, tutto ciò significa (o devo dire “significava” per il Tg3) far capire qualcosa di più al telespettatore (all’ascoltatore, al lettore).
     
    Significa tentare di fare da guida e non direi da Cicerone in questa “terra di nessuno” che dovrebbe interessare tutti, o la consapevolezza di tutti i cittadini di qualunque fede politica, e che è spesso inafferrabile se non si giustappongono le tessere di un mosaico complessivo chiamato Italia, o Europa, o mondo.
     
    Non è affatto semplice, ovviamente si può sbagliare, c’è chi rimane sulle sue posizioni e tiene accuratamente separati sport e società, o meglio sport & società con la & commerciale del business. Ma chi lo fa o tenta di farlo, come chi scrive, è in pratica un temerario che tocca i fili della corrente. Dunque non può meravigliarsi se “muore”, ma dispiacersi sì, almeno quello sì, davvero.
    di Oliviero Beha per Tiscali Newshttp://notizie.tiscali.it/oliviero-beha/

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook