• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > rubriche > Indietro Savoia > Piazza italia: la nuova spedizione dei mille
    16
    feb.
    2011

    Piazza italia: la nuova spedizione dei mille

    Condividi su:   Stampa

    230 piazze d’Italia erano piene di italiane e di italiani, domenica scorsa. Naturalmente un aspetto che ha colpito positivamente chi è contro il governo Berlusconi, quasi a dire “te la do io Ruby, caro Mubarak” in uno slogan riassuntivo di vicende erotico-penal-storico-politiche differenti ma congiunte dal “numero spettacolare” fatto al telefono dal nostro Premier per la marocchina fermata in questura. E' un aspetto che ha fatto dire a coloro che ancora hanno fiducia in Berlusconi che “è troppo facile andare ad Arcore e spassarsela e poi fare manifestazioni a favore della Donna”, con la maiuscola. C’è del vero almeno in parte o frazione di parte anche in questa seconda lettura. Solo che si continua a confondere - per cattiva fede, ignoranza, desuetudine a sviluppare la facoltà critica, assenza di orizzonti - il cosiddetto dito con la luna indicata. E dagli al dito, nel caso anche assai carnoso, mentre la luna rimane offuscata.

    Qui vorrei dire invece due parole sulla luna. Intanto, qual è la luna che indicano le piazze piene di gente che protesta “L’uso e l’abuso della donna, e della sua immagine” Si è no, qui siamo tra dito e luna. E lascio da parte il primo per scelta, almeno oggi. La vera luna è la piazza stessa, è la piazza piena, sono le piazze di nuovo frequentate, come non accadeva da molto. E intanto le piazze possono essere “buone” o “cattive”, pensate e organizzate “contro” o “a favore di qualcuno” (anche se è leggermente anomalo che in piazza scendano le istituzioni, i Ministri, il Governo…), ma restano piazze e valgono come tali.
     
    Nel Rinascimento, cfr. Machiavelli, c’era il Palazzo (ex “palagio” in volgare, dal latino), cioè il potere (a volte dirimpettaio anche materiale del Potere religioso in un’armonia architettonica che ha fatto grande quell’epoca del nostro Paese), e la Piazza contrapposta. Una sorta di bilanciamento naturale, di pesi e contrappesi storici.
     
    Qui da noi da un pezzo c’è solo il Palazzo, anzi il Residence del potere dedito solo agli Affari, incluso ovviamente il Potere temporale debordante del Vaticano, e la Piazza è stata svuotata fisicamente e riempita virtualmente dalla televisione. Che però coincide con il potere e quindi annulla quel bilanciamento già in teoria. La pratica dice di una realtà televisiva, cioè illustrata dalla tv, che ha sostituito la realtà vera, la nostra vita di tutti i giorni.
     
    Dunque il ritorno alla Piazza è comunque da salutare come un auspicio sia pure rischioso di “nuovo bilanciamento” con il Potere. E già siamo alla faccia nascosta o comunque non bene illuminata della luna indicata dal dito. Ma c’è di più.
     
    Siamo in piena commemorazione/celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Senza la spedizione dei Mille forse questa unificazione risorgimentale non ci sarebbe stata o avrebbe ulteriormente tardato. Ebbene, visto lo stato di profonda decadenza del Paese oggi, per tanti fattori tra i quali campeggia la natura privatistica del potere a partire dal Berlusca ma a seguire dall’intiera classe dirigente, non solo intesa politicamente, quindi comprendente l’opposizione, il sistema mediatico correo, la finanza, l’imprenditoria ecc. (è iperbolico, ci sono eccezioni ma il discorso sta in piedi in generale), ebbene a giudicare dal precipizio in cui siamo caduti Ruby o non Ruby, non c’è bisogno di una nuova Unità d’Italia? Di altri Mille magari non con un Garibaldi ma una nuova classe dirigente garibaldina?
     
    E che altro potrebbe essere questo riempire le piazze se non una nuova spedizione in camicia rossa o se volete, prendendo spunto dal Popolo Viola, in camicia viola? Mischio insieme simboli e concetti, lo so. Ma è un modo per lanciare un’idea, sotto l’egida della mia testatina “Indietro Savoia” qui quanto mai pertinente. Lo storico Giovanni De Luna mi diceva che forse oggi quei Mille potrebbero essere “mille amministratori comunali di valore”, atti a rifondare il Paese e a unire il Potere con la Piazza e così facendo “rinnovare l’Italia”. Avesse ragione lui ? E voi che fate, state a casa a leccarvi le ferite, pensate al “povero Berlusconi”, ai “giudici cattivi”, alle “magnifiche sorti e progressive” di un centrosinistra che ha completato l’opera di dissoluzione del Paese, oppure semplicemente smanettate al computer come se questo fosse solo lo sfogo di un articolista frustrato dallo smottamento del futuro (non per sé naturalmente, ma per i figli)? Ecco, la luna mi sembra sia questa. Oppure no?di Oliviero Beha per Tiscali Notiziehttp://notizie.tiscali.it/oliviero-beha/

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    1
    Lascia un commento
    brusco25 .
    quante parole per commentare il tuo scritto? ti ho già scritto, ma evidentemente non ti è arrivato il messaggio. Ti scrivo partendo dai 150 anni di questo stato chiamato Italia. Ti scrivo per metterti al corrente anche di cose che già sai: il palazzo che tu citi è sempre lo stesso palazzo; gli uomini politici (tromboni della retorica) di cui tu parli son sempre gli stessi uomini; l'italietta di oggi è la stessa Italia fondata sull'arbitrio e sulle stragi della popolazione del Sud ed in particolare del Regno delle due Sicilie; l'italietta di oggi è la stessa Italia che ha attuato una repressione, unica in Europa, nei confronti dei fratellastri del Sud e di cui non si ricorda nulla dei 50000 soldati che hanno scelto la lealta e quindi la morte per il proprio re Francesco II° di Borbone; i puttanieri d'allora (Vittorio Emanuele II° spendeva circa 2 milioni di lire per le sue puttane da sfondare a tutte le ore) sono molto simili a quelli di oggi (Silvio Berlusconi?); i servi sciocchi che scrivevano dell'Italia Risorgimentale, somigliano moltissimo alla stragrande maggioranza di giornalisti strapagati da Berlusconi e famiglia, che oggi ritroviamo in tutte le salse ed in tutti i programmi che tu ben conosci; 150 anni di umiliazioni, stupri, violenze, ruberie, emarginazione, razzismo che l'Italia di oggi mantiene inalterati, mantenendo in essere un lager che guarda caso corrisponde ai confini del fù Regno delle due Sicilie. Quindi cosaa dovrebbero fare i nuovi mille per questa penisola a forma di stivale? semplice, dovrebbero fare cio che non è stato fatto fino ad ora:unire per davvero le popolazioni italiche. Partendo dal Sud e spendendo quello che al ud Italia non è stato mai speso (eccetto la Sicilia che come ben sai cambiò tutto perchè tutto restasse ugual). Io non starò con le mani in mano, ma non porterò più l'acqua al mulino del mio fratello Caino del Nord.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook