• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > rubriche > Indietro Savoia > Scusate, perché votate Berlusconi invece – che ...
    17
    mag.
    2013

    Scusate, perché votate Berlusconi invece – che so – di non votare?

    Condividi su:   Stampa
    Silvio Berlusconi
     
    Silvio Berlusconi

    Uno (me medesimo) chiede perché in due righe non si mette in sicurezza – la chiamavo misura da “protezione civile” – la legge elettorale tornando intanto al “Mattarellum” per non offrire alibi ricattatori a un governo equivoco: e giù offese qui come se ne fossi il paladino e come se la questione elettorale non fosse di suo una miccia accesa. Di passata segnalo che lo scalfariano Giannini su Repubblica sosteneva la stessa mia tesi.

    Un altro (sempre me medesimo) cerca faticosamente di distinguere il Berlusconi da aula di tribunale da quello da aula parlamentare, al fine di uscire da questa spaventosa strozzatura che strangola il Paese da vent’anni (dall’incandidabilità del concessionario pubblico S.B., per capirci): e giù improperi perché non attacco ugualmente la sinistra per tutti gli scandali che la riguardano, dal Monte dei Paschi a scalare. Naturalmente l’ho fatto in libri e articoli e infatti sono da sempre un “inutile” cavallo scosso o cane sciolto o giornalista scomodo, o inventatevene una più stravagante voi, magari senza falsificarmi la biografia come un tizio che alle volte mi dà per craxiano. Ma è scemo o solo bugiardo?

    Adesso vi chiedo di aiutarmi a capire, in un momento così critico per l’Italia che affonda e così nebbioso per una politica sempre meno consistente. Vuota, nelle aule di giustizia come in quelle che le competerebbero. Vorrei sapere da chi vota per Berlusconi, un popolo che ovviamente va rispettato come chiunque e che i sondaggi danno in crescita, alcune cosette di poca importanza.

    1) Perché lo votano? Perché lo stimano, se lo stimano? Perché è il contrario della sinistra almeno sulla carta? Perché non è un uomo politico in senso stretto? Perché è ricco sfondato? Perché fa il bunga bunga ?Insomma, perché…?

    2) Non vi sta bene il Pd: comprensibile. Ma davvero votate Berlusconi soltanto perché non vi sta bene il Pd? Non sarebbe allora più logico non votare se non c’è nessuno che vi faccia meno schifo?

    3) Non è un caso che il M5S- molto discutibile nelle sue mosse più recenti, dalle urne in poi- abbia fatto breccia nell’opinione pubblica che protesta. Dunque se votate per Berlusconi vi sta bene quest’Italia qui e non avete nulla da protestare?

    4) Che pensate che possa fare al governo Berlusconi (sul quale non ho speso alcun epiteto dileggiatorio, come avrete notato: la faccenda è troppo seria) se ci tornasse, magari in grande spolvero elettorale? E soprattutto che cosa vorreste che facesse?

    Sono solo quattro domandine facili facili, e altre ovviamente ce ne potrebbero essere. Forza, interagiamo, non è questo il segreto di internet? Magari è la volta buona che perfino io capisco qualcosa di più…

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    8
    Lascia un commento
    Emanuele66 .
    19/05/2013 alle 19:22
    Mah, io penso che abbiate un pochino identificato tutti "un potenziale elettore" di Berlusconi e sottolineo Berlusconi .... dato che il PdL come partito praticamente non esiste... vedasi i sondaggi prima della sua ricandidatura.... un mio amico mi ha confessato di averlo votato perché... Grillo non sapeva parlare ed era vestito male!??... quegli altri erano comunisti (sì, magari!!!)... Monti aveva messo le tasse (e i controlli fiscali...)... non sono stato in grado di fargli accettare la semplice costatazione della realtà TANGIBILE ovvero che 10 dei vent'anni dopo Mani Pulite ha governato lui, 10 gente che comunque lo ha salvato... adottando comunque politiche economiche disastrose quanto le sue quando non eguali e poi Entrambi si sono nascosti dietro a Monti prima del crollo finale... la sua convinzione eguagliava quella degli avventisti del settimo giorno che si formarono e rafforzarono come setta del variegato mondo protestante NON perche i vaticini del loro pastore si avverarono ma proprio perché non lo fecero... Berlusconi viene creduto NON perché dice il vero ma perché (secondo me) dice qualcosa che piacerebbe fosse vero... rafforzando l'idea che sostenere lui significhi anche essere coerenti con tutti gli errori fatti sostenendolo dalla sua discesa in campo del '94 in qua. Non si accetta facilmente l'idea di essere stati imbrogliati esercitando un'azione che si crede autonoma... votarlo... in seguito si rifiuta l'idea di essere stati manipolati. Questo vale per tutti finché non si riconosce che è facilissimo essere gabbati... come tante Alici nel paese delle meraviglie... da piccoli maghi di Oz dietro a enormi amplificatori, specchi convessi, cortine di fumo colorato. La nostra è una realtà manipolatoria in cui chiunque gestisca un potere, nel campo dell'informazione, dell'economia e della religione (non dimentichiamoci la religione nel paese del Vaticano), chiunque! ... letteralmente chiunque detenga una posizione ed una rendita di posizione ... lotta per mantenerla e lo fa con gli strumenti che conosce.... balle, soprattutto. Le menzogne, purché ENORMI funzionano perché sfuggono alla dimensione quotidianamente gestita da noi tutti. Le menzogne PICCOLE vengono usate da tutti e da tutti vengono prima o poi sgamate e quindi ... non vanno... SEMPLICEMENTE NON FUNZIONANO.... le balle spaziali rassicurano e da sempre è la paura dell'ignoto che ci spaventa di più... la paura della morte. Che c'è di più diverso dalla morte di Berlusconi?
    homofaber .
    19/05/2013 alle 02:24
    Glissando sull'ovvio (ogni italico è un po' malato di pelo, fascino da potere, evasione, salivazione eccessiva, inchino Schettino, braccio a mo' di Sordi e scolarizzazione catto-mafiosa); e deglutendo il lampeggiante (con il 90% della disinformazione a libro paga, diventa tutto più... 'prego, cheese'); e ipotizzando il trascendentale (quando si hanno certe qualità divinatorie, teatrali, 'tappetare' e persino statistiche, da non confondere con quelle da statista, si può imperare anche dal sarcofago); quindi pur considerando di tutto e di più, credo meriti considerazione una bazzecola a mo' di dubbio: è possibile, è talmente magico, è supremamente celestiale che in uno dei Paesi più corrotti al globo - con tre delle prime mafie in hit world - l'unica cosa pulita e regolare sia l'evento decisivo per le sorti economiche e politiche (e personali) del Paese?; è davvero sceso l'angioletto a salvificare i nostri scarabocchi? (sempre più complessi, tra lapis double face e carta troppo delebile); oltretutto e soprattutto, con il pallottoliere di seggio (le richieste aumentano disperatamente, chissà perchè) che nella vita ordinaria arriva raramente (quasi mai) ai mille euro mensili?; oltretutto e soprattutto con dei presunti rivali elettorali che sono 'bonificati' e ricattati o non hanno il potere (malgrado i voti, e intendo i grilliani) per controllare? Ma davvero silviettonostro, dopo essersi comprato tutto e tutti, si redime solo davanti alle urne? Ecco, chi lo vota...
    Piero Pierotti .
    17/05/2013 alle 23:53
    Ci provo. 1. qualcuno lo vota di sicuro perché ha interesse: chi fa o pensa di fare il falso in bilancio, chi spera che faccia amnistie (parenti, familiari, amici di chi sta in carde) e condoni (le promesse fatte a Napoli la dicono lunga). Poi, legato a questo ci sono naturalmente i voti che arrivano dalle mafie. Aggiungerei molti creduloni e infine c'è anche chi è geloso del suo stile di vita (soldi e donne). Parlavo con un amico, figlio di comunista e comunista lui stesso. Parlando di Berlusconi esclamò: "Dai Piero, parliamoci chiaro, chi non farebbe come lui se avesse i suoi soldi?!". 2. A questa dovrebbe rispondere chi lo vota, non certo io. Anzi, è quello che continuo a chiedermi... 3. Neanche questo capisco. Basterebbe vedere e sentire la Santanché per cominciare a guardarsi in giro! 4. Cosa si aspettano "loro" che faccia non so dirlo. Io provo a fare un'ipotesi: fanno cadere il governo Letta prima che venga fatta una nuova legge elettorale (aspettano ancora per far salire ancora la loro percentuale nei sondaggi); vincono alla grande le prossime elezioni col porcellum; nominano Gianni Letta alla Presidente del Consiglio; Letta nomina Berlusconi senatore a vita. Con tutta la stima che merita (Lei, non Lui...)
    Massimo Sottosanti .
    17/05/2013 alle 18:50
    Le domande sono pertinenti e sempre interessanti, d'altronde Oliviero Bhea non è mai banale. Io vivo in Venezuela e vedo le cosa un po' da lontano e quindi le mie riflessioni possono essere errate. Io credo che chi vota per Berlusconi lo faccia semplicemente perchè non vuole guardare in faccia alla realtà. Berlusconi è il prototipo dello showman da avanspettacolo di quart'ordine con le capacità dell'imbonitore da fiera che tanto piace alla casalinga di Voghera, alla teenager che cerca una scorciatoia per uscire dallo squallore della realtà in cui è immersa, dal giovanotto machista che lo vede come un "maestro" e da quei Signori che pensano che ci si possa arricchire in modo disonesto tanto in Italia lo fanno tutti. Berlusconi è il portotipo dell'Italietta di Alberto Sordi e di Risi, Scola e Monicelli. A questo punto vorrei fare una domanda a Oliviero, Oliviero non crede che Berlusconi sia quello che gli italiani si meritano?
    Antonio Forcillo .
    17/05/2013 alle 18:36
    Berlusconi rappresenta la metà dell'Italia? Con i suoi circa 10 milioni di elettori su 50? Ma come li fate i conti se rappresenta a malapena il 20% degli italiani???? Dai non scherziamo,sù!!!
    Vincenzo Converti .
    17/05/2013 alle 18:18
    Purtroppo sono daccordo con Piero Perla, ahimè l' "itaglia" è un paese solo per corrotti e dove ancora la stragrande maggioranza che si è arricchita in quest'ultimo ventennio sta bene, anzi in questo marasma ci sguazza e ci specula. Questi come non potrebbero votarlo ? E' il loro simbolo, il loro baluardo.
    Pippo Scala .
    17/05/2013 alle 17:34
    Credo di aver capito che vota Berlusconi chi ne condivide lo stile di vita (ovviamente non a quei livelli) e chi pensa di avere interessi in comune con lui. Semplicemente pensa che lui per risolvere i suoi problemi alla fine risolverà indirettamente anche i loro. Sottovalutando però il fatto che queste "risoluzioni" creeranno tutte una serie di altre problematiche, ahimè irrisolvibili.....
    piero perla .
    17/05/2013 alle 17:21
    Semplice,si vota berlusconi per il semplice fatto che meta' italia sta ancora bene con qualche stipendio immeritato......l'altra meta' si sta spostando sul m5s cioè il resto dell'italia che ha veramente fame.La gente si copre dietro a quelle domandine che hai fatto ma nella reatla' è perchè in italia ci sono milioni di corrotti e corruttori che non conviene loro cambiarla.Il cancro dell'italia non sono i politici ma noi stessi.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook