• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Il puntaspilli > Cancellieri 2: per capirne di più
    04
    nov.
    2013

    Cancellieri 2: per capirne di più

    Condividi su:   Stampa
    Anna Maria Cancellieri e la telefonata pro-Ligresti
     
    Anna Maria Cancellieri e la telefonata pro-Ligresti

    Non ho motivo, capacità, intenzione e neppure elementi per sindacare la “umanità” del ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, di cui ho già scritto qui. Ma poiché il web e la carta stampata rischiano di confondere le acque già intorbidate, facendo passare la questione come un “caso di coscienza” della Cancellieri se non addirittura come un “pretesto di strumentalizzazione politica per un agguato”, forse vale la pena di chiarire.

    Il Ministro, da Ministro Guardasigilli qual era e quale è ancora oggi giacché non pare vocata alle dimissioni, ha telefonato (lei cialis online Ministro) alla sua amica compagna del fratello di Salvatore Ligresti, Antonino, zio di Giulia Ligresti il giorno della “retata Ligresti”, il 17 luglio scorso, con Giulia appena ridotta in custodia cautelare nel carcere di Vercelli. Un tempismo straordinario, che con la situazione delle carceri temo abbia poco a che vedere, così come con la salute “istantanea” dell’arrestata.

    Il contenuto di tale telefonata, i toni, la promiscuità o se preferite ovviamente la “umanità…”, l’amicizia, i giudizi su ciò “che è giusto o non è giusto” da parte di un Ministro della Giustizia in carica ecc. ecc., lo trovate sul web facilmente. Giudicate voi secondo coscienza. La novità è che adesso sempre la Cancellieri in un’intervista fattale cita l’inchiesta in questione dicendo “andate a leggere gli atti, capirete che galantuomo è mio figlio (appunto in precedenti rapporti di lavoro con i Ligresti, ndr)”. Parole che ci dicono che il Ministro già conosce gli atti (!?!) e che tutta la faccenda ha risvolti ancora opacissimi. Una volta c’era la “moglie di Cesare”, poi è arrivata la “nipote di Mubarak”. A che punto siamo adesso?

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    kirklordà letto il testo dell'intercettazione .
    05/11/2013 alle 18:47
    Caro Beha, avendo io già letto il testo dell'intercettazione, le sue osservazioni mi sembrano proprio illazioni a scopo di agguato proditorio. Saluti.
    Emanuele66 .
    04/11/2013 alle 21:07
    Un Letta entra in un bar, sorride, ammicca... poi eroga una scoreggia rumorosissima... un vero razzo atomico. Senza alcun imbarazzo l'ominide continua a sorridere e dice "ueh, chi è stato?". Un avventore giunto di soppiatto da dietro gli molla una pedata da antologia... Proiettato in avanti attraverso la sala Letta fa in tempo a sentire ".... chi è stato a fare cosa?" Fa ridere? No. Ma al 40% dei disoccupati giovanili certo, un'ideuzza la fa venire. Ecco, se la Cancellieri tentasse un intervento umanitario per un non Ligresti... uno che non ha mai visto ne sentito... uno che ... non lo so. Si incontra in un bar? Quello si.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio