• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Il puntaspilli > Crescete & prostituitevi, il messaggio viene da lo...
    08
    nov.
    2013

    Crescete & prostituitevi, il messaggio viene da lontano

    Condividi su:   Stampa
    prostituzione-giovanile

    Sotto la buona (speriamo…) notizia della conversione in legge dello Stato del decreto-scuola compare quella delle “ragazzine doccia”, minorenni che si prostituivano nei bagni di viagra best price scuole private a Milano. Tanto per non soffrire di un complesso di inferiorità nei confronti delle “baby parioline” romane della stessa età che fanno ormai “professionalmente” le stesse cose, alcune “amministrate” dalle madri.

    La morale sembra evidente e incistata, e quindi destinata a essere rimossa in fretta, fino al prossimo scandalo. Dico questo con cognizione di causa: un mio pamphlet del 2005, “Crescete & prostituitevi”, sottotitolo “In una Repubblica fondata sul denaro l’Italia di Berlusconi e di una sinistra in riparazione manda ai giovani un pessimo messaggio”, trattava di prostituzione concreta e metaforica di un paese che non vende solo sesso facile, cosa che avviene ahimé un po’ dovunque, ma che vende anima e cervello in modo generalizzato “educando” appunto i giovani a questi parametri di vita.

    Guardiamoci attorno: non si vuole giustificare nessuno, per carità, ma la devastazione morale dei Padri rade al suolo la coscienza dei figli. Qualcuno sceglie la fellatio a pagamento, altri la fellatio intellettuale nel Paese ormai meno meritocratico del mondo. Forse bisognerebbe risalire da sotto la cintura all’altezza del cuore e magari della testa. Allora forse si potrebbe ricominciare dai fondamentali. Che non sono né le “parioline” né le “ragazze-doccia”: non confondiamo i sintomi con la malattia.

    Postato da Redazione
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio