• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Indietro Savoia > La presa (per i fondelli) di Calciopoli
    12
    nov.
    2011

    La presa (per i fondelli) di Calciopoli

    Condividi su:   Stampa
    Luciano Moggi e la sentenza Calciopoli
     
    Luciano Moggi e la sentenza Calciopoli

    Tutto ridotto al tifo per Inter e Juventus, con il concorso dei media

    In primo grado il Tribunale di Napoli dice che ha perso Moggi (e Della Valle, e Lotito e quasi tutti quelli coinvolti nelle sentenze del 2006 della giustizia sportiva, meno naturalmente l’allora presidente Figc, Franco Carraro, ripulito dai suoi in quell’estate e poi subito prosciolto dal Gup, De Gregorio, malgrado telefonate assai inquietanti note fin da subito). Ma non la Juventus, quasi fossero stati due corpi separati. Curioso. Ma l’Inter e i suoi tifosi vivono questa sentenza come una vittoria: ladroni gli juventini di quel ciclo trionfale, sconfitti ma onesti e rivalutati dalle sentenze gli interisti, rimuovendo la  montagna di telefonate colpevolizzanti uscite fuori negli ultimi tre anni per cui mesi fa lo stesso Procuratore Federale Palazzi, il Torquemada del 2006, aveva prescritto l’Inter dicendone però il peggio. Curioso: Palazzi va bene o male a sentenze alterne, il tifo è fatto così. Fossero stati assolti a Napoli Moggi e co. (aspettiamo però le motivazioni, perché forse ci sorprenderanno anche tenendo conto della clamorosa spaccatura del collegio giudicante in continuo odore di ricusazione nella persona del suo presidente, Teresa Casoria), sarebbe stata festeggiata come una vittoria della Juve contro l’Inter.

    E questo tifo si è riverberato su giornali e su giornalisti. Dio solo sa, e chi mi segue su Il Fatto quotidiano può verificarlo, la fatica e l’avversione che mi è costata una battaglia per la verità sull’argomento, dopo trent’anni passati anche a focalizzare il marcio del pallone mentre altri erano occupati magari a prendere soldi o regali oppure anagraficamente le merendine. C’è gente che rilutta o recalcitra a prendere atto non della santità di Moggi, per carità di Dio, ma del reale stato degradato del calcio italiano: è più facile sparare su Lucky o Licio Moggi –come lo chiamavo al tempo del suo potere, articoli e libri alla mano- che chiamare in causa le istituzioni sportive. Eppure nella vita politica del Paese giustamente si richiama alla maggiori responsabilità Berlusconi con Mangano, che Mangano con Berlusconi. Curioso. E per sostenere tesi per cui i giudici hanno ragione, le intercettazioni sono quelle e le altre non contano, Moggi è Al Capone ecc., si evita di analizzare il corso del processo napoletano e tuto ciò che è venuto fuori, in un quadro più allargato che mette paura. Paura a chi vuol sapere, intendo, e non a chi vende semplicemente una merce, oggi la testa di Berlusconi e di Moggi, domani chissà.

    E questo non è detto a difesa di Berlusconi –chi mi legge qui non può fraintendermi- né di Moggi, che però oggettivamente se preso come bersaglio grosso rischia (eufemismo) di gettare fumo e nebbia su tutta la situazione: bel risultato ottenuto con il concorso di una stampa molto molto dubbia. Di solito commentate questi miei post. Adesso invece faccio seguire io un commento pervenutomi ore fa sul mio blog: lo condivido appieno. Chissà che letto per penna d’altri invece che far tifare pro o contro Moggi o pro o contro chi scrive possa contribuire a un’operazione pro veritate. Ecco il testo di Salvatore Romano: ” In un precedente messaggio le avevo fatto notare una serie di “coincidenze” che, più passa il tempo, più sono convinto che di coincidenze non si tratta. I tifosi della Juventus non hanno notato che l’inchiesta ai danni di Moggi ha scoperchiato il pentolone: tutti questi dirigenti buffoni che per 4 anni hanno fatto finta di nulla continuano a far finta di nulla e a rubare indisturbati a partire dagli ambienti di Milano. Ma di positivo c’è che questo processo a Moggi e gli altri sta diventando un processo all’Inter. Nessuno ci fa caso, ma grazie alla difesa sono uscite le intercettazioni occultate a carico di tutte le altre società (il sostituto procuratore della Repubblica di Napoli ha dichiarato che le avevano valutate non rilevanti penalmente anche se in precedenza il Pm Narducci aveva detto che di intercettazioni a carico dell’Inter non ce n’erano nonostante nessuno glielo avesse chiesto). Dicevano che non telefonavano,ma di telefonate ora ce ne sono in quantità industriale con conversazioni addirittura con arbitri e guardalinee.

    Il lavoro di sbobinatura sta andando avanti e cosa ti salta fuori subito dopo l’arringa finale della difesa? Che per la famosa intercettazione tra Moggi e Della Valle è stata fatta un’operazione di taglia e cuci ad hoc per far apparire un inciucio la conversazione tra i due. Nessun giornale e telegiornale ne ha dato risalto, ma, fortunatamente, c’è l’appello. Provi a chiedersi se in caso di assoluzione il Pm Capuano sarebbe andato avanti, lui che è entrato al posto del “dimissionario” Narducci. Quindi adesso il processo potrebbe avere subito un colpo di scena: sabotaggio delle intercettazioni che tanto basta ad annullare tutto. Il bello è che automaticamente anche quello sportivo subirebbe un annullamente perchè l’illecito strutturale,un obbrobrio giuridico, era stato contestato proprio sulla base di quelle intercettazioni palesemente taroccate. Non so se ciò può essere fatto subito senza aspettare che cominci l’appello,ma forse è meglio che ci sia questo appello perchè sarei proprio curioso di sapere cosa succederà in aula quando si comincerà a parlare di qualcosa di serio, lo spionaggio industriale.

    E se ne parlerà di questa “faccenda” perché Moggi la prima cosa che ha detto è che porterà le prove dello spionaggio, lui che è parte lesa nel processo Telecom. Lei si chiedeva cosa è successo, forse adesso cominceremo a capirci qualcosa dato che la segretaria di Adamo Bove,il predecessore di Tavaroli morto “suicida” volando da un cavalcavia, ha detto parecchie cose interessanti nel silenzio generale di tutti.Tronchetti Provera diventa presidente Telecom nel 2001,lo spionaggio pare che fosse iniziato addirittura prima dell’arrivo di Tavaroli nominato capo della security Telecom da Tronchetti Provera nel 2004.Quando inizia l’indagine Tavaroli è anche a capo del CNAG(centro nazionale autorizzazioni giudiziarie).Ora salta fuori il sabotaggio dell’intercettazione da parte di Auricchio (Narducci dice che ha ascoltato tutte le telefonate…)e le dichiarazioni della Plateo, segretaria di Bove, sulla sottrazione dei dati dal “radar”. Poi sappiamo dei dossier “Ladroni” quello a carico della Juventus e “De Santis” e sappiamo che l’Inter dovrà presentarsi il 12 marzo al processo Telecom. Tutto quello che ha detto Moggi in questi anni è stato confermato durante il processo e quindi dice la verità mentre gli altri hanno mentito e continuano a farlo. Gli unici che non si sbilanciano e che parlano poco sono i dirigenti della Juventus che non hanno fretta e “aspettano gli eventi” e, pensa un pò, potrebbero ritrovarsi in breve tempo con due scudetti in più e un Gheddafi in meno…

    di Oliviero Beha per Tiscali Opinioni, 11 novembre 2011

     

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    331
    Lascia un commento
    minneapolis homes .
    20/03/2012 alle 06:25
    This blog is no doubt interesting and besides informative. I have discovered a bunch of handy advices out of this blog. I’d love to visit it again and again. Thanks a lot!
    Garth Yokely .
    20/03/2012 alle 00:56
    I such as this website their a grasp peace! Glad We noticed this particular on yahoo.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook