• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Indietro Savoia > L’Italia ha il buco dentro, se la sono mangiata i ve...
    14
    ago.
    2012

    L’Italia ha il buco dentro, se la sono mangiata i vermi. Ma perché non dovrebbe risorgere?

    Condividi su:   Stampa
    crisi_italiana

    Scriveva il fenomenale umorista polacco Stanislaw Lec, nei suoi “Pensieri spettinati”: “Non aspettatevi troppo dalla fine del mondo”. Vorrei coltivare il concetto in questo ferragosto 2012, il “peggiore della nostra vita da diversi anni”, tra dati su chi non va in vacanza, cronaca nera collegata, recessione galoppante e disperazione diffusa. C’è perfino l’hit parade del caldo cui manca solo, dopo i vari Caronte, Minosse, Nerone  ecc. che i metereologi ripieghino su un Berlusconi, tanto per gradire …

    Ebbene, c’è una crisi planetaria di un modo di produzione che produce troppi poveri e restringe il potere economico e politico nelle mani di sempre meno ricchi. Ce ne sarebbe abbastanza per discutere di malattia avanzata del capitalismo ma sembra quasi che sia troppo faticoso. All’interno di questo sistema in panne, di fronte al quale sempre più spesso si sente dire “ci sarà una guerra, in questi casi c’è sempre una guerra per far ripartire l’economia” pensando naturalmente all’Iran e ragionandone come con serenità, davanti a un aperitivo, quasi fosse un film, c’è la situazione fallimentare del Vecchio, vecchissimo Continente. Dentro l’Europa c’è l’Italia, un Paese con il buco nel quale ne sono successe di tutti i colori. E’ vero, la crisi della politica divorata dall’economia a sua volta trasformata in finanza sempre meno collegata alla realtà è un fenomeno planetario.

    Ma in Italia da troppi anni il tarlo si stava mangiando le gambe del tavolo fino a farlo piombare per terra. La politica? Qualcosa di totalmente irrelato dai bisogni e dai servizi per i cittadini, a destra come a sinistra. L’economia? Polverizzata da tutti i punti di vista nell’impossibilità di fare impresa seria e pulita in Italia senza dipendere dai ricatti incrociati del potere e dei poteri. La finanza? Un gioco delle tre carte che per esempio il cruciale settore delle partecipazioni statali ha mostrato in tutte le sue mostruosità, fino alle recenti prese per i fondelli delle cartolarizzazioni applicate al bene più concreto a disposizione, gli immobili. E potrei continuare, e ci sono dentro tutti, e non ce n’è uno tra coloro che sono sul palcoscenico italiota da sempre o che ci vogliano salire che possa chiamarsi fuori da questo discorso. E se arriviamo all’evasione, all’elusione, alle mafie che sono il motivo principale che respinge gli investimenti stranieri nel nostro paese.

    Della stampa, il settore che ahimè conosco meglio e del quale parlo tutte le volte che ci riesco specie nei libri, basterebbe notare i delitti giornalieri. Pensate al “monstrum” in base al quale i magistrati andavano bene finché si dedicavano all’illegalità permanente, effettiva e diffusa ispirata e realizzata da Berlusconi, con tanto di megafono mediatico giustificato dal ruolo di Cesare di Silvio insieme alla metaforica “moglie”, ma vanno male oggi: si sta dando infatti l’assalto alla magistratura siciliana  colpevole di volere indagare sulle stragi del 92’-93’ e le trattative “mafia-pezzi dello Stato” che coinvolgono anche le telefonate tra Mancino e Napolitano.

    Essendo in discussione tutto l’establishment, perché tirando il capo del filo si sgomitola per intero la classe dirigente di ieri e di oggi, ecco la corsa a coprire invece che scoprire, una corsa quasi generalizzata (“Il Fatto” no, fortunatamente). Ai piani bassi, prendete lo scandalo odierno di radio e tv locali che si fanno pagare da politici dell’Emilia Romagna per partecipare alle trasmissioni, cosa che avviene da tempo in tanti settori e sotto diverse forme. Adesso cadono tutti dal pero, in un Paese che ha il buco dentro a partire anche e soprattutto dal sistema mediatico e dal modo di intendere l’informazione, o di qua o di là, spartendosi denaro e favori all’ombra di quello stesso potere (o poteri) di cui sopra che tiene tutto stagnante. E mi fermo qui.

    Ma che c’entra una nota ottimistica ferragostana in questo panorama spaventoso che sembra avviarsi a diventare terrorizzante? Beh, prendete il simpaticone “Dottor Catastrofe”, l’economista turco americanizzato Nouriel Rubini, quello della “tempesta perfetta”, che da mesi va preconizzando il disastro economico europeo con i Paesi a gara fuori dall’euro ecc. , in un decrescendo rossiniano del sistema che fa pensare al ritorno al baratto. Adesso è leggermente più ottimista, e di solito lui ci prende. Ebbene, pur non risolvendo nessuno dei nostri problemi di fondo, credo che di fronte al baratro l’Italia si ritrarrà anche con il suo bravo buco dentro. Il tavolo è crollato al suolo per i tarli? Ne costruirà un altro.

    Vedete, non esiste una velocità di crociera nel precipizio: o si affonda o si riparte. Riprendendo Lec, forse malgrado i nostri sforzi (considerato che facciamo parte di un contesto molto più ampio) non ce la faremo a precipitare del tutto come ci meriteremmo. Dunque, in qualche modo si ripartirà. E parafrasando San Filippo Neri, “state allegri se potete”, è un augurio “biologico”. Buon ferragosto.

    (Oliviero Beha)

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    freeskipper .
    21/08/2012 alle 12:41
    Secondo "loro" siamo fuori dal tunnel!!! Ma i vari Monti, Passera, Fornero, tecnici e professori discorrendo, di cosa parlano? In quale paese vivono? Ostentano ottimismo: "Il peggio è passato", "Si vede la fine del tunnel", "La crisi economica è alle spalle"! Giurano che senza di "loro" sarebbe stato molto peggio: "Se fosse rimasto Berlusconi avremmo avuto uno spread oltre i 1.200 punti base"! E vogliono far credere agli italiani di aver salvato il Paese dall’ecatombe! Allora perché oggi stesso non chiedono l'ennesima fiducia al Parlamento per abbuonare ai cittadini italiani la seconda rata IMU? Perché non retribuiscono i lavoratori italiani con lo stesso stipendio dei lavoratori tedeschi? Perchè Montecitorio è chiuso per ferie! Perché mentono, sapendo di mentire! Perche anche “loro” sono già in campagna elettorale! I dati economici dipingono un'Italia ben diversa da quella che il governo Monti vorrebbe farci credere. La crisi gobale, che dura ormai da cinque anni, ha devastato il mercato del lavoro e il welfare del Belpaese. Secondo l'Eurostat, infatti, lavora soltanto un italiano su tre: su 60,8 milioni di persone solo 22,3 sono regolarmente impiegate. Entro l'anno prossimo, infatti, la disoccupazione arriverà quasi a quota 10%, mentre quella giovanile si aggira intorno al 30%. Percentuali da capogiro se vengono messe vicine alla crisi dell'industria e, in particolar modo, del comparto dell'auto. Da tempo, infatti, il pil italiano è in zona recessione. E ancora: a giugno il debito pubblico ha sfiorato la soglia di 2mila miliardi di euro (1.972,9 secondo le stime della Banca d'Italia). Per non toccare il tasto dolentissimo di “scuola”, “sanità” e “giustizia”!!! Ma intanto “loro” dicono di aver salvato la Patria. Per contro i “soliti noti” mettono mano al portafoglio e pagano i “loro” conti stretti in una morsa letale di tasse, imposte e balzelli introdotti dai “tecnici” per continuare a spremere i limoni già spremuti, lasciando da parte quelli pieni zeppi di succo, ma chiedendo alla Rai di "non fare usare più l'aggettivo 'furbi' nei servizi dei tg che descrivono la lotta contro l'evasione"! Dall'Imu ai rincari sulle bollete, dalle accise sulla benzina alle addizionali (regionali e comunali) sull'Irpef, il "Governo Salvatore della Patria" altro non ha saputo fare che andare sul sicuro, prendendo i soldi laddove era sicuro di trovarli: lavoratori e pensionati, continuando a bastonare chi stava già con le ossa rotte! Ma secondo “loro” - dall’alto di una vita super-agiata e garantita da retribuzioni che un operaio o un semplice impiegato non sarebbero in grado di raggiungere neppure se lavorassero ininterrottamente, giorno e notte, per 2.000 anni - siamo fuori dal tunnel!
    Doriamo .
    15/08/2012 alle 22:53
    Ma quale crisi...ce un benessere enorme nel mondo..se solo la smettessimo di farci male da soli..con le economie e le finanziie suicide..loro affondano e poi cercano di scaricare il loro letame su di noi...i partiti di sinistra dicono che e propaganda dire " che la finanza fa schifo" ..che lormai " non si po' tornare piu indietro blablablablabla....poi fanno la guerra e occupano banche industrie farmaceutiche e grandi business..poi noi vediamo morire di fame, di tumori e si continuano a fare guerre per nulla..aboliamo la finanza se siamo di sinistra caro Bersani e Rosy Bindi vari...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook