• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Indietro Savoia > Destra & sinistra, una realtà in maschera. Magari...
    24
    gen.
    2013

    Destra & sinistra, una realtà in maschera. Magari perché il Carnevale sta entrando nelle urne

    Condividi su:   Stampa
    cosentino_schede_elettorali

    Brevi note per punti su questo Carnevale elettorale in salsa pseudo ideologica, dopo la seguente premessa sull’attualità quotidiana: ma davvero ci voleva la sceneggiata di Cosentino per giudicare la cosiddetta “presentabilità” dei candidati, sia a destra Cialis dosagem nel caso che a sinistra (cr. l’esemplare Crisafulli)? E ditemi se gli scandali in tutt’Italia che scoppiano a cadenza pressoché diaria non hanno quasi sempre uno sfondo politico o politicante, e quindi non vanno collegati oggettivamente e realisticamente con la  classe politica alta e bassa di questo Paese. Classe disfatta, degradata, senza ideali. Di qui la serie di punti magari utili come vademecum.

    1) Dice Monti che si debbono “tagliare le ali”, a destra come a sinistra. Dice Grillo che sono categorie non più riscontrabili nella vita politica. Dicono in molti invece che esse esistono eccome, e addirittura ne fanno il principale scudo elettorale. Berlusconi che attacca i comunisti, Vendola che reagisce da sinistra, Ingroia che restringe a sé l’area della “vera sinistra”, Storace che difende la sua natura di destra sociale ecc.

    2) In molti dei commenti ai miei articoli si affaccia la distinzione di destra e sinistra come lente di ingrandimento dei gravi problemi che affliggono l’Italia, e che almeno in parte questa furibonda e frammentaria campagna elettorale sub specie quasi esclusivamente mediatica sembra oscurare. Dunque il nodo che queste categorie esistano ancora è almeno a parole punto dirimente di qualunque programma politico, piccolo o grande che sia.

    3) Mi si chiede di dire come la penso in questi termini, quasi non l’avessi già fatto nero su bianco tante volte in oltre tre decadi di carriera (forse è troppo…diciamo di lavoro civico e politico in chiave giornalistica, al servizio del cittadino di qualunque parrocchia fosse). Se manteniamo tali categorie di pensiero come se esistessero ancora, allora ribadisco: ho una visione del mondo di sinistra, da rivoluzione francese, da manifesto aggiornabile e aggiornato di Marx, da riformismo inglese secondo ‘800, quello socialista “fabiano”.

    4) Ma questo soprattutto oggi conta poco. Magari aiuta ma probabilmente non è risolutivo. Perché da tempo penso che, oltre ad essere altrettanto legittimo pensare, parlare e dirsi di destra e votare di conseguenza in una democrazia appena accettabile, questo Paese così mal ridotto può risollevarsi solo con l’aiuto di tutti, a destra come a sinistra come al centro. Senza, con visioni di parte, si sprofonda, e lo si è visto.

    5) Ma di quali “tutti” sto parlando? Di gente perbene, irreprensibile, con una dignità specchiata, che possa parlare in nome di qualcosa a tutti senza venirne subito sputtanato per disonestà o incapacità, che nella vita abbia fatto qualcosa di decente, abbia studiato, lavorato, agito in questo senso. Sia insomma “capace”, e quindi travasi in politica nel senso civico più nobile tutto ciò di cui è capace. Discorso che vale per tutti, lo ripeto, da qualunque versante politico.

    6) E’ dunque profondamente in crisi ciò che viene prima della politica, dell’idea di politica, insomma di quelle “destra & sinistra” agitate ormai come spauracchi per convenienza del momento e nulla più: intendo l’area pre-politica, che fa delle persone ciò che sono in realtà,in come si comportano davvero.

    7) Mi guardo in giro e di persone “politiche” di cui al punto 5 non ne vedo. Altrimenti mi sarei candidato, esclusivamente per essere utile, in un frangente in cui l’aggettivo “utile” è usato solo come deterrente elettorale. Mi piacerebbe che mi segnalaste qualcuno. Altrimenti rischio di non andare a votare…

    (Oliviero Beha)

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    Oliviero Beha .
    26/01/2013 alle 14:46
    Chiedere un nome, o un’idea di persone, era un modo per coinvolgere sul tema. Quando parlo di personale “politico” sto alla terminologia corrente. Sono d’accordo che in Italia c’è ancora gente perbene, ma non rappresentata e tenuta fuori dalla politica di rappresentanza appunto perché non contaminata. Di qui il mio disagio, anche perché la politica non si fa solo nelle urne.
    Pino .
    24/01/2013 alle 17:21
    Caro Beha, le persone di cui al punto 5 esistono. Eccome esistono! Solo che non scendono in campo, tanto per usare un'immagine cara a qualcuno, oppure non salgono in politica, tanto per usarne un'altra cara a qualcun altro. Questa è la verità. Le persone perbene, in questo benedetto paese, sono tante, ma preferiscono non sporcarsi, perchè la politica di oggi è sporca. Io confido nel Movimento 5 stelle, dopo che per una vita ho votato PC prima, DS dopo e PD dopo ancora. NO...non posso credere che Lei non sappia per chi votare. Proprio non posso pensare che abbia bisogno del nostro consiglio; proprio non riesco a capacitarmi del fatto che un conoscitore della realtà italiana come lei possa chiedere aiuto a uno come me, che la segue con affetto, ma non è in grado di suggerire nulla in proposito. La situazione, allora, è veramente grave se siamo arrivati al punto in cui i maestri si affidano nelle mani degli allievi? Possibile che non esistano più certezze? La prego, vada a votare, e non cerchi persone "politiche" ma persone oneste, sperando, poi, che non diventino disoneste. La saluto e la ringrazio per i suoi post.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook