• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Indietro Savoia > Da Socrates a Beppe Grillo: note sulla "legittima...
    13
    mar.
    2013

    Da Socrates a Beppe Grillo: note sulla "legittima difesa" dal sistema mediatico guasto

    Condividi su:   Stampa
    beppe-grillo-giornalisti

    A proposito di “Grillo & giornalismo”. C’era una volta, a Firenze, una trentina d’anni fa, uno strano fuoriclasse, centravanti (di centrocampo…) della Fiorentina e del Brasile, specialista nei colpi di tacco e soprannominato il “dottore” perché – tra l’altro – semplicemente era medico. Si chiamava (è morto prematuramente) Socrates  Brasileiro Sampaio de Souza Vieira de Oliveira, insomma Socrates. Ma che c’entra con Beppe Grillo?

    Bravi, bella domanda, come quella che qualcuno mi fa qui spesso sul “perché ce l’hai con il Pd”. Cui rispondo per l’ennesima volta, e sinteticamente. Non ce l’ho con nessuno, tantomeno con il Pd da me votato tante e forse troppe volte. Ma come ho scritto alla sua nascita, è il frutto politico-affaristico di una “fusione fredda” nel 2007, poca passione, molti debiti, molti immobili e la solita nomenklatura. Si raccoglie di conseguenza come sempre o quasi ciò che si è seminato.

    E veniamo a Grillo, e a Socrates. Il brasiliano, che ho avuto la fortuna di conoscere e di frequentare sia pure all’impronta, ci interessa qui non come calciatore sopraffino e spesso meno concludente del dovuto ma piuttosto come uomo, cittadino, “politico” in un Brasile certamente assai più arretrato di quello di oggi. Ebbene, Socrates parlava di tutto e senza peli sulla lingua, dal pulpito che ti può dare l’essere “il centravanti della Nazionale brasiliana”.  Figuratevi un Balotelli oggi, che esterna sullo stallo di governo…

    Ma lo faceva, Socrates, a condizione di essere intervistato in diretta dalle radio del suo Paese o eccezionalmente su altri media ma possibilmente in diretta (per me fece un’eccezione, scrivevo su “Repubblica”, un giorno intero insieme…). Perché?  “Perché non mi fido – spiegava -, perché nei limiti del possibile vorrei che si capisse sia quello che dico, integralmente, sia come lo dico, meglio se con il tono che fa la canzone, perché se il giornalista indirizza ciò che dico dal suo punto di vista, spesso in mala fede, a volte per incapacità di rendere le mie parole, a volte per deformazione professionale, combina un pasticcio, e io poi debbo rincorrere per rettificare, spiegare ecc.”.

    Ho reso qui il senso del suo pensiero, ma – vi giuro – fedelmente. Alla luce di questo ragionamento di Socrates, tanto tempo fa, forse dovremmo ripensare il rapporto degli uomini pubblici (o di chiunque) con la stampa, invece che straparlare per mala fede, ignoranza o inerzia, di “libertà di informazione” in Italia oggi. Che resta un criterio ovviamente relativo. E comunque non c’è o non è abbastanza, non facciamo ridere, non prendiamo in giro le persone, rispettiamo noi stessi rispettando gli altri, e non applichiamo a Grillo e al M5S gli schemi che sono stati buoni (cioè cattivi) finora qui e ora, per tutti o quasi.

    Grillo non ha un giornale, ma un blog, ed è logico che lavori sul web. Ce l’ha con un sistema che lo ha prodotto (per capire meglio, chi è interessato può leggersi il manifesto del 2007 “per una lista civica nazionale” sul mio blog autorizzato), di cui la mano mediatica fa parte in modo corresponsabile e troppo spesso correo. E’ tanto strano che il “leader mascherato” cerchi di evitare guai maggiori?

    Forse chi ne scrive, per carità ultralegittimamente specie se distingue la sua opinione

    dalle notizie che fa circolare magari verificandole prima, dovrebbe cominciare col chiedersi: quanto ho contribuito personalmente a creare o a sostenere anche solo in modo complementare, “passivo”, per inabilità, vantaggio, soldi, carriera ecc. un sistema guasto cui reagisce il “grillismo”? Prego rispondere, poi se ne parla…

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    4
    Lascia un commento
    Steve .
    14/03/2013 alle 01:11
    Entro forse a sproposito, perché in parte fuori tema rispetto a questo post. Però il Brasile di Socrates e Cuba qualche elemento di riflessione comune possono averla. La domanda: ricordo un bellissimo documentario (di cui purtroppo non ricordo il nome) in diverse puntate che lei, Oliviero Beha, girò a Cuba; ne mostrava i limiti ma anche le semplici conquiste sociali. Mi rimane impresso la distribuzione di latte che si faceva presso le mamme. Come mai non riesco a trovare traccia su internet di quell'interessantissimo reportage? Non so cercare? Come sarebbe possibile rivederlo?
    Paolo .
    13/03/2013 alle 14:13
    Interessante e intelligente domanda, tanto quanto lo è la provocazione in essa contenuta. Gli organi di informazione hanno la propria responsabilità in questo sfascio culturale, politico e economico. Il "fenomeno" Grillo è abbastanza unico nel suo genere. La sua parabola ascendente è dovuta principalmente a una situazione di lamentela generale, quindi la sua assurzione a eroe metropolitano che dà voce agli oppressi è da ricondurre a una carenza dolosa di informazione trasparente. La gente lo ha capito, mentre i giornalisti un po' meno. Uniche eccezioni sono il Dott. Beha, Travaglio, Santoro e pochi altri.
    Giovanni Paolo Marasco .
    13/03/2013 alle 11:13
    Vedo che un principio di autocritica comincia a svilupparsi.
    Nicola .
    13/03/2013 alle 10:53
    Una lettura obbligatoria, specie per chi si occupa di (dis)informazione

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook