• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Indietro Savoia > Al Quirinale Giuliano Amato o Claudio Bisio: questo è...
    05
    apr.
    2013

    Al Quirinale Giuliano Amato o Claudio Bisio: questo è il problema

    Condividi su:   Stampa
    "Benvenuto Presidente!", se Bisio sale al Quirinale
     
    "Benvenuto Presidente!", se Bisio sale al Quirinale

    Ovviamente pensate a uno scherzo: che c’entra un politico navigatissimo e mai affondato del tutto come Giuliano Amato con un attore comico, per quanto bravo, simpatico e “preparato” come Claudio Bisio? Ma poichè alla Flaiano la situazione è gravissima ma sempre meno seria, ammetto che c’è poco da scherzare. Basta rileggersi le dichiarazioni di uno dei 10 saggi di

    Napolitano (di cui parlavo nel mio ultimo intervento a proposito della domanda – fraintesa – “Di chi possiamo fidarci?”, in morte di Enzo Jannacci). Mi riferisco ovviamente al presidente emerito della Corte Costituzionale, Valerio Onida. Oppure basta andare al cinema a vedere “Benvenuto Presidente”, protagonista appunto Bisio, in cui molto si parla di Quirinale. L’essere o non essere dell’immortale Bardo si traduce dunque in “Amato o Bisio sul Colle”.

    Cominciamo da Amato, indicato da Onida come uno che lui vedrebbe bene come successore di Napolitano. Non ha detto solo questo, il “saggio”: ha detto anche che i “saggi sono inutili”, che “sostanzialmente servono a ingannare il tempo” (lui ha detto “coprire questo periodo di stallo” a essere onesti, “ingannare” è mio…) fino ad arrivare alle votazioni per il Presidente della Repubblica, che “Berlusconi dovrebbe godersi la sua vecchiaia” ecc. ecc. L’ha detto in una conferenza stampa? Macché. Come sapete è stato raggirato telefonicamente da una finta Margherita Hack, e poi lo scambio è finito nel programma radiofonico del committente, “La Zanzara” di Radio24, e quindi in tv e sui giornali. Il raggirato poi si è scusato. Ma resta quello che ha detto, che preso alla lettera rende l’idea del gigantesco raggiro in cui stiamo precipitando un po’ tutti come Paese.

    Intendiamoci, vista la professione che faccio non credo al famigerato “omnia munda mundis”, alla lettera tutto è puro per i puri. Una specie de “il fine giustifica i mezzi”. Non mi piace il sistema perché non vedo puri in giro e perché il metodo di raggirare così le persone al telefono e poi sputtanarle non è davvero il massimo. Deontologicamente forse l’Ordine potrebbe dirci la sua, e penalmente se la centenaria astronoma canzonata volesse potrebbe facilmente rivalersi. E comunque per tagliare la testa al toro, pensate a un’informazione costretta a una ridda di imitazioni e di finti colloqui, nel far west mediatico di oggi in cui si svela tutto per velare ogni cosa. Credete ad esempio che “La Zanzara” farebbe uno scherzo del genere al Presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, suo editore? Suvvia, altro che “omnia munda…”, ecc.

    Resta quello che Onida ha detto anche se poi ovviamente attaccato un po’ da tutti ha rettificato con scuse e offerta di dimissioni respinta. Ma ha detto la verità: i saggi inutili, lo stallo “tempo fermo” da occupare, al Quirinale se potessero ci vorrebbero un Amato. Il solito Amato. Esattamente agli antipodi di Bisio che in una tempestiva commedia farsesca girata con grazia da Milani va per sbaglio al Quirinale e ne approfitta per scattare una foto di gruppo alla politica italiana e al popolo che rappresenta. Quindi scegliete: Amato o Bisio?

    Se doveste scegliere Bisio con spirito “grillesco”, vi invito comunque a fare attenzione e a maneggiare con cura. Se sta implodendo il Pd tra Bersani e Renzi, e il Pdl senza Berlusconi è un circolo elitario per masse distratte, anche per il M5S non tira un’aria meravigliosa. Ancora Flaiano: ricordate il suo “marziano a Roma” che dopo un po’ aveva scocciato tutti? Beh, occhio, il Paese è sfatto e disfatto ma dopo un po’ si abitua e non partecipa più a nulla… Quando domandavo “di chi vi fidate davvero?” non scherzavo, giuro.

    (Oliviero Beha)

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    1
    Lascia un commento
    lucianoantonio .
    05/04/2013 alle 21:04
    caro Bea mi sembra molto pessimistica la tua veduta sugli italiani,pensi veramente che il popolo possa abituarsi a tutto? io penso proprio di no abbiamo visto come esprimono i giudizi su napolitano e non credo che un amato o simile avrebbe da stare allegro al quirinale.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook