• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Osservatorio TG > "Quello che (non) ho" è un po' più di...
    15
    mag.
    2012

    "Quello che (non) ho" è un po' più di Europa, il Pil che cresce ed il falso in bilancio

    Condividi su:   Stampa
    loris-mazzetti-G

    I Tg di martedì 15 maggio - Tanta carne al fuoco nel menù dei Tg di serata, anche se nella dispensa di Mediaset mancano o sono nascoste in uno stipetto le notizie sul “colpo” del Pdl in commissione che sopprime la reintroduzione del falso in bilancio con la complicità dell’ “errore” di Fli e Udc e di quello del sottosegretario, subito rampognato dalla Ministra Severino. Tg 5 non nomina neanche il “falso in bilancio”, per non rischiare di far fare brutta figura a chi continua a non volerlo. Lo stesso dicasi per l’ostruzionismo dell’ex centrodestra sul disegno di legge anti corruzione. Per Tg 3 e Tg La 7 la notizia è, invece, centrale.

    Grande attenzione  alla nuova tragedia greca con il ritorno al voto, ai riflessi su borse e spread, ai dati dell’italico pil che continua a scendere. C’è poi  Hollande che, simbolicamente, subito dopo l’insediamento tenta di correre a Berlino, ma è ricacciato al di qua della linea Maginot da un fulmine, lanciato forse dal monte Olimpo.

    Il proclama letto a Milano nell’udienza del processo alle nuove Br, riporta indietro l’orologio di quasi trent’anni, e tutte le testate dedicano spazio.

    L’evento televisivo per eccellenza per questa fine di stagione, “Quello che (non) ho” della coppia Fazio-Saviano, con il successo della prima serata e le indiscrezioni sulla seconda, è presente solo – ovviamente – su Tg la7 attraverso un lungo sketch tra Mentana, Fazio e Litizzetto, oltre che in un titolo che parla dei 9 milioni di contatti. Nel commento abbiamo ascoltato Loris Mazzetti, Dirigente Rai e coautore di quel “Vieni via con me” sfrattato per troppo successo da Viale Mazzini. Un misto di soddisfazione per il successo del programma, e di “magone” per l’assurdo di averlo perso . E vai con il servizio pubblico!

    In chiusura segnaliamo un servizio in controtendenza del Tg2, meritevole proprio per questo. Dati e analisi sul fenomeno dei suicidi “economici” degli ultimi mesi, che alla prova dei numeri e delle statistiche sono fortunatamente in diminuzione rispetto agli  anni passati. Una ragione per non parlarne? Certo che no, ma il mestiere del giornalista richiede che ci si confronti con fatti e dati reali. Complimenti.

    Luca  Fargione

    Il Commento di Loris Mazzetti,coautore di “Vieni via con me”
    (Intervista di Alberto Baldazzi)

     

    Loris Mazzetti:  certamente sei stato uno dei tanti telespettatori del programma di ieri su La7, con qualche magone e un  groppo alla gola. È stato così?

    “Esattamente così. Diciamo intanto che sono felice che il programma, la prosecuzione  di “Vieni via con me” sia andato in onda; sono felice per i telespettatori. Il mio grande magone è che un programma del genere non lo si può regalare alla concorrenza. Questa è la cosa che mi ferisce di più: perché è un programma nato, costruito, voluto da Rai3, nato dentro a Rai3, che aveva avuto un successo straordinari, ma ci hanno impedito di rifarlo sulla rete dove è nato”.

    I dati di ascolto della prima serata  di “Quello che (non) ho” sono molto importanti, magari non come quelli su Rai3, però diciamo che segnalano come in Italia esiste un “nicchione” di persone attente ed interessate ad una televisione di alto livello …

    “Beh, il dato di ascolto su La7 è un dato straordinario: sono andati oltre il 12%, hanno superato Crozza e fatto il massimo assoluto. Più di questo non si poteva chiedere a Saviano e a Fazio. E questo è un altro motivo di amarezza. Ma la cosa che per me è più grave è che, in un momento in cui La7 viene messa in vendita, gli sia consentito di avere questa ribalta. A volte mi verrebbe da pensare che forse c’è stato dello spionaggio industriale all’interno del mondo televisivo”.

    Qualcuno in Rai, oltre a Loris Mazzetti e pochi intimi, ripensa a quello che è successo? Qualcuno prevede un recupero per il futuro?

    “Io credo che siamo in molti a rimpiangere questa perdita, e credo che ora ne soffra anche qualcuno di quelli che, a suo tempo, hanno fatto il possibile perché Saviano – perché il problema era soprattutto Saviano – non mettesse più piede in Rai, e questo ci faciliterà nel futuro, perché è intenzione nostra, di Rai3, riportare nella prossima stagione Saviano in onda assieme a Fazio. Non so se si chiamerà “Vieni via con me” o “Il lunedì di Che tempo che fa”, ma sicuramente rivedremo Saviano in onda in Rai nella prossima stagione”.

    Loris, una battuta per concludere: cosa cambia tra una platea di spettatori che assiste, per esempio a Quarto Grado,  rispetto ad un altro gruppo di telespettatori, ugualmente o più numeroso, che assiste al programma di Fazio e di Saviano?

    “ Io credo che il pubblico che ha visto la trasmissione di ieri sera, così come era avvenuto per il pubblico di “Vieni via con me”, ha “fatto coscienza”, ha capito qualcosa in più che prima non sapeva e, probabilmente, ha avuto risposte ad alcune domande. È stato un saggio di grande televisione. Io credo questo: è stato ancora una volta dimostrato che riuscire a coniugare leggerezza con contenuto, come sa fare sapientemente Fazio, sia molto importante, e che certi artisti e certi autori la Rai non può permettersi di perderli”.

    Dati auditel dei TG di lunedì 14 maggio

    Tg1 - ore 13:30: 3.812.000 - 21.38% ore 20:00: 5.414.000 – 23.51%
    Tg2 - ore 13:00: 2.811.000 - 16.92% ore 20:30  2.314.000 – 8.75%
    Tg3 - ore 14:30: 1.685.000 - 10.41% ore 19:00  2.073.000 – 13.59%
    Tg5 - ore 13:00:  3.531.000 - 21.06% ore 20:00: 4.463.000 - 19.20%.
    Studio Aperto - ore 12:25:  2.427.000 - 18.10% ore 18:30: 1.160.000 – 9.85%
    Tg4 - ore 11:30:  557.000 – 8.14%  ore 19:00:  948.000  6.19%
    Tg La7 - ore 13:30:  815.000   4.57% ore 20:00: 2.078.000 – 8.79%

    Fonte.www.tvblog.it

    jfdghjhthit45
    Postato da Osservatorio TG
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook