• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Osservatorio TG > Sui Tg Mediaset in onda Marina Berlusconi con "Af...
    09
    mag.
    2012

    Sui Tg Mediaset in onda Marina Berlusconi con "Affari di famiglia"

    Condividi su:   Stampa
    Claudio Sardo

    I Tg di mercoledì 9 maggio 2012 - Causa sciopero del personale non giornalistico, i Tg Rai sono andati in onda “ a pezzi e bocconi”: Tg 3 in edizione flash e senza servizi, Tg 2 con materiale della mattinata e senza titoli, Tg 1 in edizione quasi ordinaria, ma la differenza non si sarebbe, comunque, notata più di tanto. La serata con un’informazione Rai ancora più sotto tono – soluzione che molti vedrebbero di buon occhio – è dunque vissuta dell’apoteosi Mediaset con lunghi “servizi” tutt’altro che giornalistici – ma non esistono solo quelli di servizi – dedicati a Marina Berlusconi che, sul lodo Mondadori, torna ad attaccare De Benedetti e rivendica il rientro dei 500 e passa milioni, importo cui Fininvest è stata condannata a risarcire. Per il resto Tg 4 “addolcisce” i buycialisonline-topstore.com risultati elettorali del Pdl affidandosi a Feltri e tutte e tre le testate danno risalto al “plauso” di Monti per il lavoro svolto da Berlusconi. Mentana interpreta l’ultima uscita del premier come un risarcimento per i diversi scambi “rudi” con otc viagra il Pdl. Ma Raiset in generale non deve “spiegare” e commentare, e così Tg La 7 è l’unica voce che non si limita al citazionismo e ai comunicati ufficiali.

    L’Italia è un Bel Paese anche perché c’è spazio per tutti e perche tanta acqua passa placidamente sotto altrettanti ponti. E così è divertente – o agghiacciante, se preferite – che il Tg 1, attraverso gli avvocati di Berlusconi, ci faccia sapere che il milione di euro dato a De Gregorio per passare al centro destra non è responsabilità di Berlusconi, bensì di Forza Italia: meno male, ci eravamo preoccupati!

    Nel commento abbiamo sentito Claudio Sardo, Direttore de L’Unità, che ci presenta il nuovo formato del giornale fondato da Gramsci drug interactions with viagra nel 1924, e che legge per noi i sommovimenti che vengono dal voto amministrativo.

    Lorenzo Coletta

    Il Commento di Claudio Sardo, Direttore de L’Unità
    (Intervista di Alberto Baldazzi)

    Claudio Sardo, in un periodo in cui c’è crisi e tutto buying viagra in australia si restringe l’Unità amplia il formato. Una scelta che equivale a buttare il cuore oltre l’ostacolo?

    “Un po’ sì. Devo anche ammettere che avevo intenzione di farlo già dal primo giorno in cui sono venuto qui. Ne ho parlato con i colleghi, lo abbiamo condiviso in redazione, ed è stato frutto di una discussione anche durante numerosi incontri pubblici o alle feste dell’Unità. Ho sempre voluto che questo desiderio si realizzasse, e sono sicuro – e ne ho avuto conferma in questi giorni – che c’è stato molto apprezzamento. Io credo che il formato tabloid adottato, il formato “berliner”, sia un prodotto che ha successo sul mercato, perché dà la possibilità di proporre immagini come un giornale grande, dona maggiore autorevolezza alla testata e molti più spazi di approfondimento pur rimanendo abbastanza compatto. E’ sicuramente congeniale per la battaglia politica portata avanti dall’Unità. Poi abbiamo fatto un’altra scelta importante: abbiamo voluto dedicare la prima parte del giornale alla battaglia politica con notizie in primo piano, approfondimenti, commenti, interviste, a cui segue poi una ripartenza del giornale, che classicamente abbiamo chiamato “U:”, che propone ulteriori approfondimenti, inchieste, cultura, grandi interviste e sguardi sulla società. L’Unità è stata sempre una grande scuola di giornalismo. Su questo terreno abbiamo ancora voglia di sfidare noi stessi.”

    Sardo, a proposito di sguardo sulla società, la domanda sull’antipolitica, anche se banale, è obbligata: come legge L’Unità i fenomeni elettorali delle ultime amministrative, soprattutto la vicenda Grillo?

    “Non è un caso che abbiamo scelto come data d’uscita del nuovo giornale il giorno delle elezioni francesi. Si avvertiva la grande voglia di cambiamento. Io credo che ci troviamo adesso ad un bivio: da una parte bisogna guardare la Francia, dove si sono misurate due alternative politiche, entrambe europee, una però – quella di Hollande – con un carattere di forte cambiamento, una scelta di centrosinistra che punta ad innovare le politiche economiche d’Europa – che ci hanno portato alla paralisi ed alla crisi finanziaria -. Poi c’è un'altra strada da dover percorrere, quella, cioè, orientata verso la crescita e l’equità. Al taking viagra and cialis di fuori di queste strade c’è soltanto il destino della Grecia, con il suo sistema politico bloccato dall’obbligo di una grande coalizione permanente che di fatto blocca la politica economica del paese ed è ancora troppo succube delle decisioni dell’Europa – che, per me, sulla Grecia ha sbagliato tutto – ed ha portato all’esplosione di una protesta generalizzata che ha condotto il paese a questa paralisi. Anche le nostre elezioni amministrative comprendevano queste due strade. Io non credo nella lettura “Ha vinto Grillo, hanno perso i partiti”. Penso che Grillo sia ormai un partito, lo era già da tempo e lo http://buyviagraonline-rxstore.com/ sarà sempre di più. Grillo è un professionista della politica, e come Berlusconi sta inventando nuove modalità d’espressione politica. Anche il suo carattere antisistema, con le sue uscite sull’Euro e sulla mafia, mi ricordano molto i Berlusconi e Bossi delle origini. Quando mi chiedono dell’antipolitica la prima cosa che mi viene in mente è che noi l’abbiamo già vissuta, e che in questi vent’anni l’abbiamo avuta anche al governo. E forse proprio questo ha portato l’Italia al disastro: aver consentito all’antipolitica di andare al governo. L’antipolitica sono stati proprio Bossi e Berlusconi. Non so se Grillo seguirà o meno la stessa strada. Molto dipenderà dalla capacità della sinistra e del centrosinistra di costruire un’alternativa credibile, un reale progetto di cambiamento. Per questo ritengo che la fase di la prise du viagra transizione del governo Monti dovrebbe essere sfruttata fino in fondo per riformare il sistema politico. Oggi si sente dire che la politica non è disposta a modificare la legge elettorale: questo sarebbe un disastro. Dopo le recenti elezioni bisogna assolutamente dare vita ad una competizione che produca alternative, così gli elettori saranno chiamati a fare una scelta importante per il Paese”.

    Dati Auditel di martedì 8 maggio 2012

    Tg1 – ore 13:30 3.493.000 20.76% ore 20:00 5.074.000 22.75%.
    Tg2 – ore 13:00 3.065.000 19.65% ore 20:30 2.298.000 9.02%.
    Tg3 – ore 14:30 1.589.000 10.30% ore 19:00 2.022.000 13.90%.
    Tg5 – ore 13:00 3.349.000 21.32% ore 20:00 4.330.000 19.34%.
    Studio Aperto – ore 12:25 2.188.000 18.06% ore 18:30 1.068.000 9.60%.
    Tg4 – ore 11:30 417.000 6.91% ore 19:00 939.000 6.40%.
    Tg La7 – ore 13:30 806.000 4.79% ore 20:00 2.186.000 9.57%.

    www.tvblog.it

    jfdghjhthit45
    Postato da Osservatorio TG
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook