• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Osservatorio TG > Le riforme? Neanche ai supplementari…
    11
    giu.
    2012

    Le riforme? Neanche ai supplementari…

    Condividi su:   Stampa
    nomadi

    I Tg di lunedì 11 giugno 2012 - Se qualcuno avesse coltivato l’illusione di un sussulto di responsabilità nelle forze politiche rispetto alle riforme e alle esigenze del Paese, le ultime 24 ore l’hanno (forse) definitivamente estirpata. I Tg con diverse movenze – imbalsamate, quelle del Tg 1, più comunicative quelle di Tg 3 e Tg La 7, compiaciute nei Tg Mediaset – ci raccontano di un ddl anticorruzione che passerà sì, ma solo perché il Governo ha deciso per la fiducia. Sulla riforma elettorale il Pdl fa sapere che la voterà solo “in cambio” del semipresidenzialismo – ovvero, non se ne farà nulla. La cabina di regia di Napolitano dalla trasferta polacca sembra oramai incapace di dettare i tempi e gli scambi di un gioco che, purtroppo, è un po’ più serio del calcio. A proposito del pallone, anche ieri gli italiani, con il 70% di share per l’incontro della Nazionale, hanno dimostrato di essere più vicini a milionari in mutande piuttosto che a politici sempre in doppio petto e con la lingua biforcuta. La vicenda delle nomine governative per la Rai è, poi, un’altra cartina di tornasole per chiarire  – se mai ce ne fosse bisogno – “chi sta con chi”. La visita della Lei (pro domo sua) a Monti è incomprensibile notizia per Tg1, mentre Tg 4 prende chiaramente le sue difese e corrobora le critiche del Pdl al decisionismo governativo.   Sempre per la politica, il problema enorme degli esodati campeggia su tutti i titoli, ma solo il Tg 2 spiega che le cifre di 65 mila e di 390 mila inquadrano un arco temporale diverso.

    Il terremoto scende a centro edizioni, ma continua ad essere presente su tutti. Nelle prossime giornate c’è da aspettarsi –inevitabilmente – che l’Emilia risulti meno illuminata. Nel commento abbiamo ascoltato Beppe Carletti, fondatore e leader dei Nomadi, il gruppo che da mezzo secolo rappresenta la quintessenza stessa dell’emilianità- insieme al tortellino, al lambrusco, alle tigelle e alla Ferrari. E’ in preparazione un grande evento a Bologna che coniugherà musica e solidarietà.

    Un’ultima battuta sul calcio: al di là delle disquisizioni tecniche sulla partita degli azzurri e dei giudizi positivi espressi da tutti, segnaliamo un bel servizio dal Tg 3 che in maniera piana e colta al contempo ci aiuta a capire cosa  possa significare la bandiera della Nazionale, tanto più in un momento in cui le “belle bandiere” non sventolano più .

    Lorenzo Coletta

    Il Commento di Beppe Carletti, fondatore e leader dei Nomadi

    (Intervista di Alberto Baldazzi)

    Beppe Carletti “significa” Nomadi, e Nomadi “significa” “glocal”, ovvero un fenomeno nazionale ma con forti radici locali; Nomadi significa infatti Emilia. Come vedi le reazioni della gente, i loro volti nelle  tante piazze ed  sotto i tanti campanili sgretolati dalle scosse?

    “Guarda, adesso parlerò per me, perché proprio ieri mattina sono andato al mio paese natale che è Novi di Modena, dove vive ancora mia madre. C’era lì, a casa mia, pure mio fratello. E ti giuro che quando ho visto la piazza mi è venuto il magone perché ho visto un pezzo della mia memoria andarsene, venire in un attimo cancellata; la memoria di quei luoghi che si portavamo nel cuore, dove sei nato e vissuto e dove hai provato le prime gioie; poi ho incontrato degli amici, delle persone che ho conosciuto e che frequento  tutt’ora, che mi abbracciavano e piangevano. C’è tutto questo. Direi che nella gente c’è tristezza, ma allo stesso tempo non c’è scoramento; la gente si sta tirando su le maniche e sta lavorando: lavorano sotto ai tendoni, lavorano ovunque si può fare, lavorano; c’è quindi una grande tristezza dentro al cuore, ma anche una grande voglia di andare avanti. Questo fa grande la mia terra e le persone che per la mia terra vivono e lavorano con sostegni  incredibili che fanno onore al popolo italiano. Questo è veramente bello”.

    I Nomadi cosa si “inventano” per questa stranissima e drammatica estate per l’Emilia?

    “Mi sono, per modo di dire, inventato un “megaconcerto”, un evento a mio avviso incredibile, allo stadio Dall’Ara di Bologna il 25 di giugno,  assieme alla maggioranza degli artisti italiani; questo lo facciamo per due motivi: per raccogliere soldi – ed è già un buon obbiettivo – e per far sentire il calore alle popolazioni colpite, che è la cosa più importante. Perché se è importante dare dei soldi, è forse più importante come li si danno : se nel momento in cui  dai i soldi  fai allo stesso tempo una carezza al cuore stando su un palco, e  trasmetti delle emozioni suonando, credo che sia una cosa veramente bella e che faccia piacere”.

    Beppe, l’Emilia Romagna è una terra di solidarietà. Questa volta a necessitare solidarietà, vicinanza  e carezze al cuore è lei. Come vivi da emiliano l’attenzione e gli atteggiamenti degli altri cittadini italiani e non solo in rapporto a questo dramma?

    “La vedo bene, perché ci sono dimostrazioni davvero incredibili che arrivano da tutta Italia. Io ho amici sparsi per tutto il continente e nelle isole, e tutti mi chiedono cosa possono fare, a chi inviare soldi e cose così; mi arriva veramente un calore che mi fa piacere, e penso che faccia piacere a tutti gli emiliani, perché come tu hai detto, gli emiliani hanno sempre fatto tanto per gli altri, e questa volta che siano noi, purtroppo, ad avere bisogno di aiuto; ma  sta tornando indietro tutto quello che è stato dato”.

    Adesso parliamo del tuo specifico: la musica e lo spettacolo. L’Emilia, oltre che terra di solidarietà, è terra di musica e musicisti; quanto potrà contare, non solo per la data specifica del 25 giugno, ma per tutto il periodo della ricostruzione, quell’identità forte che i Nomadi, più di altri  interpretano  da sempre?

    “Tantissimo. Tantissimo. La musica sa arrivare al cuore, ed è bellissima; la musica delle volte è bistrattata, e si dice che non serva a niente. Io sono di tutt’altra opinione. Ci sono le tante manifestazioni che stanno nascendo anche qua da noi, piccole manifestazioni di affetto e di amore. E la musica è per certi versi davvero importante, perché una canzone può toglierti per un momento dai problemi che hai, da quello che ti è accaduto intorno; ti può far sorridere; ti può rallegrare; nelle nostre canzoni, allo stesso modo, noi mettiamo sempre la speranza. Questo è molto bello, ed io rimango fermamente convinto che la musica possa fare qualcosa ed alleviare la sofferenza”.

    Beppe, citando una canzone bellissima di tanti anni fa che i Nmadi hanno cantato magnificamente,  provocatoriamente voglio proporti un’immagine negativa : Il vecchio ed il bambino, il vecchio che spiega al bambino che lì c’erano delle cose che non ci sono più, a al loro posto c’è il deserto. C’è adesso, in misura anche minima, questo rischio? Il rischio che qualcosa si perda per sempre?

    “Mi auguro di no. Il rischio può anche esserci, ma la forza degli emiliani è tanta. Gli emiliani hanno la testa dura. Hai capito? È difficile che mollino. Quello che viene descritto nel testo “il vecchio e il bambino” io non credo che ritornerà pari pari – niente torna, e se torna lo fa in modo diverso – però resto fermamente convinto che la forza dentro di noi è tanta. Lo vedo nel mio piccolo ogni giorno in quelle piccole cose che non mollo; e tutti gli altri sono così: gli amici, le persone che conosco. Si muovono e non mollano. Ci vorrà del tempo per ricostruire, ma – mi auguro e lo credo – lo si farà. Non si torna indietro. Tutto si può fare, basta volerlo”.

    Dati Auditel di domenica 10 giugno 2012

    Tg1 – ore 13:30 4.513.000, 25,87% ore 20:00 5.267.000, 23,89%
    Tg2 – ore 13:00 2.846.000, 17,09% ore 20:30 417.000, 1,87%
    Tg3 – ore 14:30 1.995.000, 12,13% ore 19:00 811.000, 3,79%
    Tg5 – ore 13:00 3.198.000, 19,84% ore 20:00 2.394.000, 10,76%
    Studio Aperto – ore 12:25 2.033.000, 14,25% ore 18:30 585.000, 2,98%
    Tg4 – ore 11:30 966.000, 10,83% ore 19:00 699.000, 3,25%
    Tg La7 – ore 13:30 936.000, 5,37% ore 20:00 1.010.000, 4,55%.

    Fonte: www.tvblog.it

    jfdghjhthit45
    Postato da Osservatorio TG
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook