• Biografia
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Osservatorio TG > Sinite parvulos venire ad me
    10
    apr.
    2013

    Sinite parvulos venire ad me

    Condividi su:   Stampa
    ciuccio

    I Tg di mercoledì 10 aprile - I Tg di serata ripropongono immagini che suggeriscono un vero e proprio testa-coda emotivo. La prima: Francesco che rimette il ciuccio al neonato piangente che genitori simpaticamente invasati offrono al bacio del Papa. La seconda: le accuse boriose del sindaco Renzi, un politico quarantenne con ampio consenso popolare che frigna perche il Consiglio Regionale toscano non gli ha concesso il ciuccio da Grande Elettore per il nuovo inquilino del Quirinale ( su mandato – denuncia – di qualche nemico interno al partito, se non che dello stesso Bersani). E’ evidente a tutti – riteniamo – che l’ulteriore battibecco degno dei polli renziani non testimonia a favore della credibilità della politica. Apertura, addirittura, per TG La 7 che, per rimanere sempre alla politica interna del Pd, con Mentana insinua il dubbio che l’odierna polemica sul ruolo di D’Alema nella vicenda Penati sia in realtà un “marcamento a uomo” per allontanarlo dal Quirinale. Anche i riflessi della quotidiana uscita grillina sull’”inciucio” Bersani- Berlusconi, denunciato ma in realtà invocato, se da una parte mandano in soffitta la temutissima occupazione del Parlamento, dall’altra ci fanno capire che la situazione è al contempo grave, ma poco seria. Gli italiani, poi, avranno certamente sofferto e si saranno adirati per la vicenda di un altro politico, il magistrato Ingroia, cui un CSM patrigno ha negato la possibilità di rimanere nella sua isola, con il ruolo di esattore della Regione Sicilia. In sintesi, si può tranquillamente affermare che l’aria più fresca

    di questi tempi si respira solo su una sponda del Tevere…

    CLICCA QUI PER LEGGERE L’OSSERVATORIO INTEGRALE

    Postato da Osservatorio TG
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook