• Biografia
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    E’ buona regola verificare se la teoria si applica alla pratica, perché pensieri e parole non siano vuoti. Almeno ogni tanto. Per esempio da tempo vado scrivendo che questo Paese vive come recitando una parte che non gli compete, o che non conosce del tutto, o che gli è piovuta dall’alto, insomma non autentica. E’ la questione dell’identità perduta, degli italiani che non sanno che cosa significhi ormai l’italianità anche...
    Argomenti:
    Venerdì i funerali di Stato per il caporalmaggiore Luca Sanna, il militare italiano ucciso in Afghanistan. E’ il numero 36 dall’inizio della “missione di pace” in quel Paese dopo l’attentato dell’11 settembre. Mi ha colpito che non tutti i giornali abbiano dato due giorni fa alla notizia ferale la maggiore evidenza in prima pagina: molti hanno preferito una titolazione cubitale sul caso Berlusconi/festini/Arcore ecc. Non ne faccio una questione di...
    Argomenti:
    Nel corso del 2010 per ben due volte – e al netto di Berlusconi in prima persona – venne evocata Tangentopoli. In primavera, a proposito della famosa casa di Scajola “a sua insaputa” dopo lo scandalo “Balducci/cricca/terremoto”, e di quello che ne seguì, e in estate ai margini della P3 o nuova P2 come fu chiamato il pasticcio di Verdini e soci. Mentre le Procure facevano il loro, mediaticamente e...
    Argomenti:
    Dal Caimano alla sinistra in "rottamazione": povera Italia “Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono…”, cantava Giorgio Gaber nel suo ultimo disco, uscito postumo, nel 2003. E sì ci manca da otto anni quel Grande Italiano. E mi sento sempre di più come lui, mentre impazzano le notizie sul Premier a festeggiare degnamente i 150 anni dell’Unità d’Italia nel mondo. O anche solo a casa nostra. Qui...
    Argomenti:
    Adesso che la Corte Costituzionale si è espressa sul “legittimo impedimento”, diamo un’occhiata al campo di battaglia. Soddisfazione a sinistra e tra i legalitari per la definizione d’incostituzionalità di quel pass-partout berlusconiano, una sorta di “la legge non è uguale per tutti” elevata a potenza dal famoso “scudo” per i vertici istituzionali. Incertezza nell’esercito della maggioranza: da un lato poteva andare peggio e la Consulta cassare tutto, dall’altro poteva andare meglio:...
    Argomenti:
    Pubblicato sul Fatto Quotidiano del 12 gennaio 2011 Si attende con ansia (con ansia?) la decisione della Consulta, che a buona ragione in molti tra gli addetti ai lavori prevedono “cerchiobottista” (neologismo stagionale al momento in sonno). Ma il “legittimo impedimento” di cui si sentenzia e il “processo breve”, due denti acuminati nelle fauci del Caimano, che altro sono se non il frutto della polverizzazione della politica? Come effetto di essa...
    Argomenti:
    Quante volte avete chiesto o sentito chiedere, in aereo o in treno, “un succo d’arancio”? E quante volte ci avete fatto caso? Come sarebbe, il succo di un albero, invece del succo di un frutto di quell’albero? Ma ovviamente va bene così, l’importante è che ci si capisca, anche se l’italiano viene depotenziato, ridotto, violentato, sodomizzato. La lingua, intendo … Ma non importa a nessuno, ed è un fenomeno che...
    Argomenti:
    Diteci chi paga quei 7 milioni di euro Qualche tempo fa il Ministro Brunetta aveva avuto un’idea tutt’altro che trascurabile: per i programmi tv della Rai nei titoli di coda far scorrere anche i compensi dei singoli, conduttori, autori, ospiti, i costi di produzione, ecc. La cosa finì lì, perché da un lato sembrava una mossa del centrodestra, che governa la Rai dopo la vittoria elettorale come vuole il nostro splendido...
    Argomenti:
    Nella rubrica della settimana scorsa intervenendo sulla “questione morale” applicata nello specifico all’Idv di Di Pietro, invitavo a sgomberare il campo dagli equivoci perlomeno terminologici. Da un pezzo nella politica non più politica ma comitato d’affari, nella stampa schierata a priori, nell’opinione pubblica corroborata dai cattivi esempi provenienti dalla classe dirigente, la questione s’era fatta “amorale”. Non più morale/immorale, dunque, ma una condizione diffusa in assenza di morale, di etica,...
    Argomenti:
    I nomi mancanti dal discorso di Napolitano per il 2011Non mi sarebbe affatto dispiaciuto che il Presidente della Repubblica nel suo quinto discorso di fine anno su sette, a reti unificate, avesse fatto dei nomi. Lo so, era pretendere troppo e non capire ingenuamente e stolidamente che l’autorità e l’autorevolezza del capo dello Stato non può passare per l’elenco della spesa. Se si aggiunge poi che Napolitano è stato eletto dal...
    Argomenti:
    Ormai l'Italia è una cabina telefonica semoventeDicono che la campagna pubblicitaria in tv e ovunque, a tappeto ma lunghissimo, di una compagnia telefonica che vede protagonisti Christian De Sica, Belen Rodriguez e comprimari, “purtroppo non funzioni”. Dicono che la colpa sia di Belen, della sua immagine di rovinafamiglie, della sua bellezza dirompente e della sua simpatia da cortigiana contemporanea, del suo nome troppo vicino al significato principe almeno in genovese....
    Argomenti:
    Caso Battisti, una vergogna... come l'informazione italiana Prima Battisti e poi l’informazione italiana, tra i miei ultimi temi dell’anno disgraziato che se ne va. Considero Erri De Luca uno scrittore e un intellettuale vero, a cui mi sento vicino per tante cose. L’onorevole parodiabile Ignazio La Russa, attuale Ministro della Difesa disponibile a cedere il Ministero “nell’ambito di un rimpasto con l’arrivo al governo dell’UDC”, è invece quanto di più lontano...
    Argomenti:
    Pubblicato sul Fatto Quotidiano dfel 29 dicembre 2010 Quando si sente parlare di “questione morale” bisognerebbe reagire come Goebbels al sentir nominare la parola “cultura”: metteva mano alla pistola. Intendo con ciò dire che non esiste una “questione morale” nell’Idv di Di Pietro? Intendo dire che non esiste una “questione morale” nella politica italiana? Intendo dire che non esiste una “questione morale” nell’etica pubblica o nella specifica deontologia di chi fa...
    Argomenti:
    E’ vero, di solito le letterine si mandano “a” Babbo Natale, ma questa volta è lui che cava dalla sua gerla imbiancata oppure no qualche spunto dall’attualità. Profittando del fatto che non ci saranno giornali per due giorni e forse la renna di internet lavorerà di più. Per risparmiare tempo riassumo destinatari e succo (buono e cattivo) delle sue letterine. Agli studenti. Perché raccogliendo un’onda più lunga di quello che si...
    Argomenti:
    Pubblicato sul Fatto Quotidiano del 22 dicembre 2010 Facciamo come Pollicino, un sassolino per volta. Cominciamo dalla manifestazione di oggi degli studenti. Ce l’hanno, giustamente, con la riforma della Gelmini. Ce l’hanno, almeno altrettanto giustamente, con una scuola e un’Università che stanno andando indietro da un pezzo, sotto qualunque governo. La Gelmini con la sua impresentabilità professionale (l’esame di Stato avvocatesco a Reggio Calabria) e politica (che ha fatto di dicibile...
    Argomenti:
    Il Giappone sembra un Paese lontanissimo da noi un po’ per tutto, e invece non lo è, a partire dalla pesantissima analogia tra due popoli che in una generazione, nel secondo dopoguerra, hanno trasformato a tappe davvero forzate la loro natura “contadina” in “industriale”. E fenomeni così incisivi appunto incidono la carne delle persone. Ebbene, in Giappone ormai da tempo si assiste al tremendo svolgersi degli “hikikimori”, traducibile in  “autoreclusi”,...
    Argomenti:
    Ma se rinasco mi faccio chiamare Galbani “Galbani vuol dire fiducia”, recitava uno slogan pubblicitario famoso per anni, prima dell’inchiesta giudiziaria sulle frodi alimentari a proposito di formaggi adulterati. Non c’era di mezzo “solo” la Galbani, ma c’era di mezzo “anche” la Galbani. I più avveduti tra i lettori di questa rubrica, meglio se avvezzi al mio stile incomprensibile (in confronto Eraclito detto “l’oscuro” era solare…) e alla mia salva di...
    Argomenti:
    C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d’antico C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d’antico… Come potete leggere sugli organi di stampa la storia di Wikileaks prende la via del dossier sulla legge Romani, i vantaggi del Premier, il discorso su internet. E’ una novità? No. Ne parlavano i media, almeno abbastanza perché gli italiani sapessero? No. E allora il problema non è né Wikileaks, né Assange, né i vari...
    Abbiate pazienza, ma c’è bisogno di un bollettino di bordo, altrimenti non si capisce bene perché la nave Italia sta imbarcando acqua ( e un’altra sostanza marrone) da tutte le parti. Un paio di noticine. Vogliamo cominciare dalla tv, che è sempre un bel cominciare? Dunque da Bruno Vespa, il migliore di noi contemporanei, colui il quale non solo ha mangiato la foglia, non solo ha divorato l’albero ma ha...
    Argomenti:
    Consumatori sul piede di guerra dopo gli ennesimi rincari sul prezzo della benzina. Riuniti nella sigla Casper - Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori) chiedono con un esposto l'intervento dell'Antitrust in merito ai prezzi. "Negli ultimi 10 giorni - affermano le associazioni in una nota - si è verificata una serie sospetta di rincari, con un aggravio di...
    Argomenti:
    C’era una volta, ormai tanto tempo fa, la distinzione/opposizione tra il Paese “legale” e il Paese  “reale”. Che fine abbia fatto quest’ultimo, è sotto gli occhi di tutti. Che oggi stia andando in pezzi chi lo può negare? E corsi e ricorsi, sia pure sfigurati nei confronti con il passato da un decadimento generale da basso impero, si riaffacciano ovunque, non ultima ieri la contestazione alla Scala.Dalla strada, vi racconto...
    Argomenti:
    Palate di fango sulla sensibilità di chiunqueAvrei voluto tanto parlare dei dossier di Wikileaks girando intorno alla domanda: ma se non contengono o non significano (sono due cose diverse…) niente di nuovo, perché tutti i notabili del potere coinvolti sembrano averne tanta preoccupazione? Oppure discutere della protesta degli studenti, di quelli “veri che stanno a casa” e di quelli che invece (finti?) vanno sui tetti o in piazza secondo la...
    Argomenti:
    da Il Fatto Quotidiano, 1 dicembre 2010Grande, grandissimo Mario: sei riuscito a cambiare di segno al suicidio, a trasformarlo semplicemente nel contrario della nascita, in un fine vita “naturalmente” simile, davvero simile all’ultima fermata di un viaggio dove tu e solo tu hai deciso di scendere. Detta ancora più brutalmente, hai “normalizzato” il suicidio, vocabolo altrimenti spaventoso che ti sconsacra a priori e del quale - come scriveva Wittgenstein -...
    Argomenti:
    Curzio Maltese non scrive spesso su Repubblica, ma quando lo fa lo fa di solito assai bene. Prendiamo quello che ha appena scritto sul documentario presentato al “Torino Film Festival” intitolato “Il pezzo mancante” ad opera di Giovanni Piperno e dedicato alla Fiat, alla saga della Fiat, ai chiaroscuri della dinastia che ha fatto o sfatto l’Italia forse più dei Savoia nel XX sec. Raccontando il documentario parla del fratello...
    Argomenti:
    Purtroppo la situazione è chiara anche per chi non si informasse altrimenti che non attraverso le notizie di questo portale, che ospita delle rubriche tra cui questa che state leggendo. Se la state leggendo e non guardando... Siamo a una sorta di “Bounty Italia”, di ammutinamento della realtà di questo Paese che rischia di affogare tra antiche questioni e nuovi problemi, se non sta già affogando. Perché l’Italia come la...
    Argomenti:
    Dopo la realtà o insieme ad essa, in questo disgraziato Paese si stanno ammutinando anche i simboli. E macroscopicamente, sotto i nostri occhi davvero troppo cisposi o presbiti per non vedere ciò che sta avvenendo, occhi capaci solo di “guardare” questo ammutinamento di Bounty Italia come si guarda la tv. Di Fazio e Saviano, per esempio, ma non solo. Ciò che sta accadendo ai “rifiuti”, al sito di stoccaggio “esaurito”...
    Argomenti:
    Di cosa parliamo quando parliamo d’amore, è il titolo di un bel libro di racconti, meritatamente famoso, del “re del minimalismo” inteso come umanità spezzettata, ovvero il rimpianto Raymond Carver. Gli faccio il verso per la politica, mentre le cronache di Palazzo (o di Residence…) ci dicono che Maroni difende la Lega a “Vieni via con me” e sciorina un elenco di latitanti alla cui cattura forse ha lavorato da...
    Argomenti:
    Questo titolo lo conosco bene: è mio, su “l’Unità” in prima pagina, nell’estate 2006, quella dello scandalo del calcio. Più di quattro anni fa, dunque. Perché lo recupero testualmente, dopo essere stato il primo a coniare (a dire il vero senza troppa difficoltà…) il termine “Moggiopoli”, rapidamente copiato un po’ da tutti ma quasi istantaneamente cambiato da me in “Calciopoli”? Intanto proprio perché in questo cambiamento terminologico c’è già molto...
    Argomenti:
    da Il Fatto Quotidiano, 17 novembre 2010Le vicende delle primarie milanesi del Pd, in attesa di quelle bolognesi e di tutte le altre se si andrà a votare prima, si possono leggere a più strati. Sul piano immediato, largamente analizzato e commentato da tutti i media o cum grano salis o sine grano ma cum partecipazione, c’è il problema del Pd e della sua segreteria nazionale che pare avere un’irresistibile...
    Argomenti:
    Conosco da anni F.C.d.V. (per ragioni di evidente opportunità preferisce salvare l’identità dietro le iniziali autentiche). Prima giornalista, poi pubblicitario, poi le due cose insieme (è frequente, sapete…), quindi manager editorial-politico, infine consigliere politico. E ghost writer, estensore professionista di discorsi, scettico, cinico, incline a quanto lui dice “ormai solamente al mercato”. L’ho sentito prima della trasmissione di Fazio e Saviano, lunedì, per domandare a un esperto il parere sull’ospitata...
    Argomenti:
    Ma voi li leggete i commenti ai miei articoli? Io cerco di farlo quando posso, per rispetto di chi mi legge e quindi anche mio. Ma voi leggete prima quello che scrivo? Faccio un discorso generale, quindi per chiunque si senta minimamente interessato e coinvolto. E’ un discorso che riguarda dunque internet, le sue modalità, i suoi pregi, i suoi difetti. E da internet ci porta alla democrazia (alla libertà...
    di Oliviero Beha, Il Fatto Quotidiano 10 novembre 2010 In pieno e quivi dichiarato conflitto di interessi (da chi avrò preso i cattivi esempi invece dei buoni consigli?),guardavo lunedì mattina sulla benemerita Rai Tre “Agorà” di Vianello che intervistava il giovane sindaco di Firenze, Matteo Renzi, il “rottamatore”. E pensavo: certo, nuove leve ci vogliono, ma oltre all’ambizione personale ovviamente più che legittima che ha in testa quel giovane che anni...
    Argomenti:
    Vi chiedo un favore grande: non leggete questo articolo come una condanna o un’assoluzione di Berlusconi, o meglio dal punto di vista di chi tifa pro o contro il Caimano, bensì come una condanna nei confronti della vita, dello stile di vita, della recita, della fiction di questi ultimi vent’anni. Con Berlusconi a cassetta certo, ma con cavalli che cambiavano alle stazioni di posta e passeggeri diversi che si facevano...
    Argomenti:
    Oggi sono a Rimini, in un convegno alla Fiera di Ecomondo sui rifiuti, la filiera del riciclo, i numeri della situazione eccetera. Quando ho detto che ci sarei venuto a degli amici, alcuni come battuta ma neanche tanto, hanno tirato in ballo immediatamente l’ultima cronaca gossippara sul Presidente del Consiglio, i “rifiuti tossici” della nostra immagine all’estero, questa vicenda infinita dell’incontinenza di immagine (e di sostanza, pare…) del premier ecc....
    Argomenti:
    Non sono un anestesista e non so se e quando Fini in politica staccherà la spina. Per le vicende casalinghe, familiari, erotiche ecc., mi sembra invece che la spina il premier se la stia staccando da sé e coram populo. Fin qui è argomento per politologi: cade il governo, si dimette lui, governo tecnico, politico, tecnicamente politico, politicamente tecnico, “invernale” come una volta si diceva di quelli “balneari”? E ancora:...
    Argomenti:
    Quando leggo notizie come “Il Governo taglia i fondi per i libri scolastici…” oppure come ”In Italia sei milioni di edifici rischiano di crollare…” o anche come “Clinica degli orrori, 15 anni e 6 mesi all’ex primario della Clinica Santa Rita…” o infine come “L’Agcom interviene sul caso Sarah Scazzi: stop allo show (ma come, solo ora…ndr.?)”, mi prende una fitta, un dolore civico, politico, emozionale. L’ultima cosa che ci vedo...
    Istruzioni per l’uso di questo articolo: il Paese di cui parlo, con la maiuscola, è naturalmente l’Italia, siamo noi. Ma è anche ovviamente Avetrana, epicentro dell’orrore, del “turismo circostanziato”, dell’attenzione dei media ecc. Avetrana è in Italia, in tutti i sensi, fisicamente come virtualmente, attraverso la tv. Detto questo cominciamo da domenica: sui giornali inglesi, francesi, tedeschi, spagnoli intravisti all’aeroporto (non mi capita di sfogliarli tutti i giorni ma solo di...
    Argomenti:
    Negli ultimi giorni mi sono capitati per strada due fatti o misfatti che mi hanno lasciato interdetto: ne scrivo qui, per sapere in qualche modo che effetto vi fa. Sono fatti di strada, storie e anti-storie di vita. E’ successo anche a voi? Come reagireste? Che ne pensate? Non ve ne può fregare di meno? Vediamo.In pieno giorno, a Roma, in uno stradone una volta di periferia e ormai aorta...
    Argomenti:
    Pubblicato sul Fatto Quotidiano del 20 ottobre 2010 Ancora sulla manifestazione Fiom. Non mi tornano alcuni ministri. Maroni. Intanto, il suo preavviso sui possibili incidenti che poi fortunatamente non si sono verificati. Stando ai fatti, Maroni non era per nulla preoccupato per l’ordine pubblico genovese in occasione di Italia-Serbia, martedì scorso, ed era invece allarmato per San Giovanni. Siamo a uno “score” di eccellenza. Ne discende che avendo sbagliato due volte...
    Argomenti:
    Leggevo con emozione intellettuale nei giornali di fine settembre: “Scoperto un nuovo pianeta ritenuto il gemello della Terra: lo hanno annunciato alcuni ricercatori della California e di Washington. E’ grande tre volte la Terra e orbita a una distanza che lo situa al centro di quella che viene definita la ‘zona abitabile’, cioè la giusta distanza da una stella. Ciò rende possibile trovare acqua sulla superficie dei pianeti e li...
    Argomenti:
    I misfatti di Genova di martedì sera sembrano chiarissimi nella loro evidenza eppure proprio per questo (“La cosa più difficile non è trovare verità nascoste ma vedere ciò che si ha sotto gli occhi”, formula di un famoso centrocampista di difesa austriaco, tal Wittgenstein) rischiano di subire una lettura parziale, o disorientante: dipende dal peso che loro si dà e dal tipo di pubblico (target…) cui ci si rivolge. Agli...
    Argomenti:
    Pubblicato su Il Fatto Quotidiano del 13 ottobre 2010La settimana era cominciata alla grande in Puglia, con gli squilli di tromba da Avetrana e un magnifico omicidio: una ragazza assassinata dallo zio orco che poi l’avrebbe anche violentata da morta. Un giulebbe televisivo a tutte le ore, per l’orrore, la morbosità e il bisogno di riempire di qualcosa i nostri gusci emotivi, evidentemente vuoti. Di seguito poi tra inarrivabili cervelli...
    Argomenti:
    Funerali di Stato, altri quattro alpini morti in Afghanistan, e sono 34 i militari italiani che ci hanno lasciato la pelle. Del resto, si può obiettare, in guerra succede. Peccato che sia ufficialmente una "missione di pace" all'interno di una complessa "azione della Nato" di cui facciamo parte. Bisogna spiegare dunque ai parenti delle vittime e un po' a tutti, che siano di destra o di sinistra, nazionalisti oppure no,...
    Argomenti:
    La prima rubrica che ho scritto qui, più di un anno fa, cominciava con “Sono un soldato italiano in Afghanistan…”. L’ultima, giorni fa, con “Sono un prete di strada…”. In entrambi i casi qualche lettore einsteiniano ha obiettato che non dovevo mascherarmi né da militare né da religioso... Che non ero io, che mi aveva riconosciuto. Benissimo, c’è evidentemente lavoro per gli psichiatri…Tanto per dire che non inizierò questa rubrica...
    Argomenti:
    Sono un prete di strada, Don Paolo, o Don Mario, ma nel prossimo futuro potrei essere anche Suor Maria, o Suor Antonietta…di strada alla brasiliana, come i “ninos de rua”, non a caso collegati al movimento della Teologia della Liberazione, di quella parte di Chiesa che non ci sta. E non ci sto io, a leggere i titoli dei giornali sulla Chiesa che non va, sulla Chiesa pedofilia, sul Papa che...
    Argomenti:
    Stamattina (ieri, ndr) è ricominciato in Tribunale, a Napoli, il processo di primo grado alla cosiddetta “Calciopoli”. Cosiddetta perché più di quattro anni fa, ormai, nel maggio 2006, scoppiò uno scandalo abbinato immediatamente e soprattutto al nome di Luciano Moggi. Occupandomi di calcio dai miei anni verdi, di Moggi so vita, morte e miracoli, nel senso che “l’ho visto crescere” come dirigente in un ambiente strano come quello del calcio,...
    Argomenti:
    È davvero strano, ai limiti del paradosso, il fatto di cronaca che mi trovo a commentare proprio nel giorno in cui Berlusconi mette la fiducia per un motivo che è politico, sì, ma solo alla lontana: vuole essere certo di scampare politicamente, a colpi di maggioranza, ai processi che rischiano di “interrompergli una luminosa carriera”. Eh, questa giustizia è davvero un bel problema nel Paese in cui ormai da quasi...
    Argomenti:
    C'è una famosa poesia di Bertold Brecht, che predicava benissimo e a volte non razzolava altrettanto bene, intitolata “A quelli nati dopo di noi”, di cui cito qualche verso particolarmente calzante per i nostri stupidi giorni: “…Che tempi sono questi in cuiUn discorso sugli alberi è quasi un reatoPerché comprende il tacere su così tanti crimini!Quello lì che sta tranquillamente attraversando la stradaForse non è più raggiungibile per i suoi...
    Argomenti:
    Il commento più sapido alla mia rubrica precedente sulla “politica come balla spaziale”, cioè come politica transgenica, che nulla ha più della sua etimologia e della sua funzione, è stato credo: ”Ma se tutti sapevate tutto quello che ha scritto Beha, perché non avete mai fatto nulla e avete permesso che si arrivasse a questo punto? Siete complici, siete correi”. O qualcosa del genere.Temo che sia proprio questa la situazione,...
    Argomenti:
    Partiamo da oggi: sondaggi che danno in crisi fortissima di fiducia sia pure diversamente ritirata tutti i partiti. Cioè la politica politicante od esercente nel suo insieme. Nel contempo, campagna-acquisti di stampo pallonaro tra i parlamentari per la famosa prossima “fiducia” in aula (ma questo sostantivo virgolettato è un sinonimo o un contrario di quella sfiducia su accennata ?).Torniamo a ieri, a mesi fa, agli ultimi anni in cui dal...
    Argomenti:
    Il Fatto Quotidiano, 15 settembre 2010 L’altra sera, alla Versiliana, vedendo la kermesse de “Il Fatto” affollata di lettori e cittadini e il palcoscenico del Teatro animato da giovani e giovanissimi colleghi, sono stato preso da ricordi e curiosità. Cominciamo dalle seconde. Avendo avuto la fortuna di veder nascere due giornali dal di dentro, il primo, “Repubblica”, nel gennaio del ’76 anche se vi sono entrato poco dopo e inizialmente con...
    Stracquadanio ci dice in che Paese viviamo e che classe dirigente abbiamo Il Presidente della Repubblica si è appena chiesto, con ironia anglo-napoletana, che fine abbia fatto la legge-bavaglio, o legge sulle intercettazioni (da ridurre/proibire), che avrebbe dato una botta forse decisiva alla libertà di informazione per ridicola che sia oggi da noi. Binario morto, gli è stato risposto. Ma nel frattempo pare che la compagnia attorale che recita sul palcoscenico...
    Argomenti:
    Riflessione in memoria di Angelo Vassallo, "sindaco pescatore" Sto ascoltando in diretta dal web le parole del Vescovo di Vallo della Lucania, mons. Giuseppe Rocco Favale , che celebra i funerali di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica, in provincia di Salerno, il “sindaco pescatore” assassinato domenica scorsa. Non è soltanto un tragico fatto di cronaca, l’omicidio di un uomo delle istituzioni che ha difeso quella particella di Stato che i...
    Argomenti:
    A proposito di “parole” e di “pietre”, mi è stato fatto notare che prima di Alberto Moravia già Carlo Levi aveva usato l’espressione “le parole sono pietre”, da me citata nel titolo dell’ultimo articolo dedicato a Napolitano e all’ipotesi di “impeachment” autoconvocata se davvero stesse violando la Costituzione (cosa che almeno per il momento non è, anzi è il contrario). D’accordo, ma a parte il fatto che risalendo nel tempo...
    Argomenti:
    Pubblicato su Il Fatto Quotidiano, 8 settembre 2010A Torino non c’ero, né sopra il palco tra Fassino, Schifani e il moderatore, Giubilei, né sotto, tra chi assisteva e chi contestava, un po’ “viola” e un po’ grillino. Hanno fischiato Schifani, che questo giornale in quasi completa solitudine racconta nelle sue frequentazioni più appassionanti. E allora? Che cosa sono, i contestatori? Dei teppisti, dei maleducati o anche solo dei disturbatori del...
    Argomenti:
    Salgono in Borsa le azioni della Roma in vendita… è notizia di ora, mentre leggete, ma era notizia anche di due mesi fa, precisamente del 7 luglio, quando la stampa la riportava in termini analoghi: Giampaolo Angelucci, della nota prosapia di imprenditori della sanità con svariati interessi anche nell’editoria forse per risanarla forse no, sta per comprare la Roma, di cui diventerà presidente in luogo della Sensi, per 200 milioni...
    Argomenti:
    Non entro nel merito, perlomeno qui e ora, della vicenda che riguarda me e il Tg3: da domenica scorsa non mi è più permesso l’editoriale di commento che “dicevo” in studio da due anni, ogni domenica, più le volte in cui venivo convocato ambulatorialmente per qualche evento particolare. Non posso farlo, e basta. Ognuno si faccia l’idea che vuole e definisca questo “impedimento” come crede. I sinonimi abbondano....
    Argomenti:
    "...il fascismo sembra venire da Marte, o da Saturno" A proposito di “parole” e di “pietre”, mi è stato fatto notare che prima di Alberto Moravia già Carlo Levi aveva usato l’espressione “le parole sono pietre”, da me citata nel titolo dell’ultimo articolo dedicato a Napolitano e all’ipotesi di “impeachment” autoconvocata se davvero stesse violando la Costituzione (cosa che almeno per il momento non è, anzi è il contrario). D’accordo, ma...
    Argomenti:
    “Italiani siate seri” è una famosa frase attribuita a Giuseppe Garibaldi nell’ultima fase della sua vita. Pare che non fosse proprio così, che fosse invece qualcosa tipo “Romani siate seri” detto in un teatro della Capitale dall’Eroe dei Due Mondi e poi trasferito nella memoria collettiva su scala nazionale. Materia per una ricerchina di navigatori di buona volontà. Gli stessi che si sono opposti sul web alla canonizzazione di Francesco...
    Argomenti:
    Una volta, ormai più di trent’anni fa, Alberto Moravia sostenne in una pubblica controversia che “le parole erano pietre”: si era nella tremenda stagione del terrorismo, che non si combatterà mai abbastanza anche nella memoria, in sé e per i danni che ne abbiamo pagato successivamente (ancora oggi?). Capire o cercare di capire – e di sapere - è un conto, giustificare in qualche modo è tutt’altra, colpevole storia.Di sicuro...
    Argomenti:
    Facebook
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio